Lo spirito di Olimpia.






Lo spirito di Olimpia.




La Grecia antica non fu mai una sola nazione, come oggi la intendiamo, ma un insieme di realtà
distinte e spesso conflittuali, legate però da un'unità etnica, linguistica, culturale, religiosa. E anche sportiva.
Lo testimoniano i Giochi panellenici [ di tutti i Greci ], momento di competizione agonistica, ma a carattere
sacro, al punto che durante il loro svolgimento venivano sospese tutte le operazioni di guerra. Noi tutti, oggi, conosciamo
i Giochi Olimpici, la cui prima edizione si svolse nel 776 a.C., che erano certo importanti e prestigiosi, dedicati a Zeus nella
città di Olimpia. Vi erano però anche i Giochi di Pitici di Delfi, dedicati ad Apollo, i Giochi di Nemea, dedicati a Zeus, i Giochi
istmici di Corinto, in onore di Poseidone. La partecipazione era riservata a cittadini di stirpe greca, maschi adulti e liberi. In genere i giochi
duravano cinque giorni, durante i quali gli atleti si cimentavano in gare di corsa, corsa con le armature, lotta, pugilato, corsa con i carri, salto in lungo, lancio del giavellotto e lancio del disco.

 








Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

I Merovingi, Carolingi, Capetingi. Storia.