Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2012

Le Immagini alla.......lettera.

Immagine
Le Immagini alla.......lettera. Chi tra di noi appartiene alla generazione dei Commodore 64 e dei primi computer con il famigerato schermo a cristalli verdi non può non ricordare come venivano realizzate allora le foto con le vecchie e rumorosissime stampanti ad aghi. In pratica si riusciva a ottenere solo una composizione di segni che, se guardata a debita distanza, formava un'immagine minimalista in bianco e nero con qualche effetto di ombreggiatura. I segni che creavano queste immagini altro non erano che i Caratteri ASCII, quella serie di 256 tra lettere, numeri e simboli che oncora oggi si usano. Visto che oggi sono tornate molto di moda, noi cercheremo di ottenere un'immagine di questo genere grazie a due programmi che scaricheremo dal Software Center. Il primo GIMP, ci servirà per convertire un'immagine JPG o altro formato simile in PNM, perché è compatibile con il programma che useremo per la conversione: Aview. Per ottenere risultati migliori, dovremo scegliere co…

La seconda guerra mondiale, (parte due).

Immagine
La seconda guerra mondiale, (parte due).
1940: la caduta della Francia, l’entrata in guerra dell’Italia, la resistenza inglese
Ai primi di aprile, la Germania attaccò sul fronte occidentale, verso Francia e Inghilterra. Prima invase e occupò Danimarca e Norvegia, per avvicinarsi all’Inghilterra e minacciarne le coste e le basi navali; poi, il 10 maggio, Hitler ordinò l’attacco alla Francia. Sul suolo francese non vi erano soltanto truppe francesi, ma anche un forte contingente dell’esercito inglese, giunto a dare sostegno: le truppe tedesche, senza dichiarare guerra, come era accaduto pochi mesi prima con la Polonia, in totale spregio del diritto internazionale, invasero Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo, poi, da nord, scesero sulla Francia. L’attacco venne condotto secondo i criteri della guerra-lampo, che prevedeva massimo sforzo e massima potenza di fuoco su pochi punti del fronte, da sfondare rapidamente per poi dilagare alle spalle degli avversari. La manovra riuscì in pieno:…

Il nuovo Software Center di Ubuntu.

Immagine
Il nuovo Software Center di Ubuntu. Ecco tutto per noi, un nuovo Software Center nuovo di zecca, non ci facciamo trarre in inganno dal fatto che è stato sviluppato in Cina: è tutto fuorché una brutta copia. Per poter installare in UbuntuSoftware Center di Linux Deepin, dobbiamo scaricare da Internet un file .deb e installarlo: è facile e rapido.
Scaricare, Installare e Usare.Scarichiamo il file di installazione.
Colleghiamoci all'indirizzo:
http://mirror.bjtu.edu.cn/deepin/pool/main/d/deepin-software-center/deepin-software-center_2.0.5_all.deb
poi selezioniamo: Salva file e facciamo clic su OK.



Installiamo il pacchetto .deb.
Apriamo la cartella Scaricati e facciamo un doppio clic sul file:deepin-software-center_2.0.5_all.deb
Nella finestra dell'Ubuntu Software Center che si apre facciamo clic su Installa.



Avviamo Deepin Software Center.
Apriamo la Dash e, nel campo di ricerca, scriviamo deepin, poi facciamo clic sull'icona: DeepinSoftware Center. Ora facciamo un clic destro …

Creiamo una partizione per Ubuntu.

Immagine
Creiamo una partizione per Ubuntu. Ubuntu non finirà mai stupirci, grazie alla nuova procedura installare Ubuntu in una partizione del nostro disco fisso è diventata un'operazione ancora più facile, vediamo come procedere con pochi e semplici passi.
Selezioniamo la lingua di installazione. Avviamo il nostro computer con il CD di Ubuntugià inserito. Quando vedremo apparire la finestra di benvenuto: Welcome scorriamo l'elenco a sinistra e selezioniamo: Italiano.
Controlliamo lo stato del nostro computer. Facciamo clic su installa Ubuntu poi, nella schermata successiva, controlliamo che il computerabbia le caratteristiche richieste. Selezioniamo Installa Software di terze parti e facciamo clic su: Avanti.
Scegliamo dove installare Ubuntu. Nella finestra: Allocazione spazio su disco possiamo scegliere se installare Ubuntu accanto ad altri sistemi operativi, oppure usare l'intero disco. In questo caso scegliamo: Specifica manualmente le partizioni.
Modifichiamo la partizione. Facciamo…

L'Afghanistan dei Talebani.

Immagine
L'Afghanistan dei Talebani. Letteralmente, i talebani sono gli studenti delle scuole religiose coraniche (questo è il significato del loro nome). In realtà, i componenti di questa fazione rappresentano un gruppo religioso fondamentalista, che vuole la rigorosa applicazione della legge coranica come legge dello Stato. Nel 1996 la fazione dei talebani riuscì a conquistare Kabul, la capitale dell'Afghanistan, e le principali città, assumendo il controllo di buona parte del Paese. Subito i talebani imposero un regime poliziesco, nel quale era negato alle donne ogni diritto, era proibita qualsiasi manifestazione legata alla cultura occidentale e alla modernità, era vietata qualunque critica alle autorità religiose. Chi infrangeva le molteplici leggi stabilite dai talebani andava incontro a esemplari e cruente punizioni. La situazione è cambiata con l'attacco terroristico alle Torri Gemelle di New York e al Pentagono che, l'11 settembre 201, causò alcune migliaia di mo…

Il conflitto arabo-israeliano.

Immagine
Il conflitto arabo-israeliano. Uno dei nodi più complessi del mondo contemporaneo è costituito dal problema palestinese che è causa di grave tensione in tutta l'area del Medio Oriente. Nel 1947 l'ONU decretò la spartizione della Palestina tra arabi ed ebrei e il 14 maggio 1948 fu proclamato lo Stato d'Israele. Agli arabi, però, questo atto parve un sopruso e gli eserciti della Lega Araba (Egitto, Siria, Libano, Giordania e Iraq) scatenarono contro Israele la prima guerra arabo-israeliana. Vinse Israele che si espanse lasciando ai palestinesi solo la striscia di Gaza, la parte vecchia di Gerusalemme e la Cisgiordania, poi annessa alla Giordania. La vittoria militare di Israele costrinse 750 mila arabi palestinesi a fuggire nei Paesi arabi vicini, raccolti in campi profughi, vere e proprie polveriere pronte a esplodere contro Israele, nel disperato tentativo di riconquistarsi una patria. Nel 1967, con la cosiddetta <<guerra dei Sei giorni >>, Israele si esp…

Aids: se lo conosci, lo eviti.

Immagine
Aids: se lo conosci, lo eviti.Che cos'è l'Aids? Aids è la sigla dell'espressione inglese Acquired Immuno-Deficiency Syndrome, << sindrome da immunodeficienza acquisita >>, e indica una malattia del sistema immunitario causata da infezione da Hiv, il virus dell'immunodeficienza umana. In realtà non si tratterebbe di un singolo virus, bensì di “ceppi virali” che hanno caratteristiche comuni: un patrimonio genetico a Rna, un enzima capace di codificare Dna, che può infettare in maniera cronica le cellule dell'ospite (cioè della persona nel cui organismo è penetrato) e la prerogativa di “nascondersi” in siti chiave dell'organismo umano scarsamente accessibili ai farmaci. Il sistema immunitario è quel complesso apparato naturale di difesa che ci permette di reagire all'attacco di batteri, virus, protozoi, funghi, germi ecc.. Si ha “immunodeficienza” quando il sistema immunitario si indebolisce, cioè quando il corpo non è più in grado di difenders…

Adolescenza, allarme anoressia e bulimia.

Immagine
Adolescenza, allarme anoressia e bulimia. Perché certi adolescenti manifestano un rifiuto categorico del cibo? Perché, invece, certi altri si abbuffano di cibo con una voracità irrefrenabile? Quali sono le cause e le conseguenze dell'anoressia e della bulimia, gravi disturbi alimentari di tipo psicologico, che colpiscono prevalentemente gli adolescenti?
L'anoressia è un disturbo caratterizzato dal rifiuto del cibo. Nell'85 per cento dei casi colpisce le ragazze e nel 15 per cento (ma la percentuale è in crescita) i maschi. Generalmente adolescenti. Perché si rifiuta il cibo? Perché lo specchio rimanda l'immagine di un fisico << troppo >> differente da quello di una filiforme modella, perché non mangiando ci si sente scattanti, efficienti, capaci. E, infatti, l'anoressica è una persona attivissima, studia con profitto, pratica sport, è attiva e indipendente. Non ha bisogno di cibo come non ha bisogno di nessuno: sa badare a se stessa, sa il fatto…

Linux e Android cosa sono effettivamente?

Immagine
Linux e Android cosa sono effettivamente? Per capire sia le possibilità sia i limiti di un riavvicinamento fra queste due piattaforme occorre partire da cosa sono esattamente Android e Linux. Il secondo termine che viene usato spessissimo forse anche troppo, per indicare, sistemi operativi completi per Desktop e server come: Ubuntu, Debian, Suse o Fedora. In realtà Linux è il nome di un solo Kernel, cioè di un programma a basso livello che fa da arbitro e interfaccia fra gli altri componenti software e l'hardware. Da parte sua Android è un ambiente software completo ma finora specifico per terminali mobili, normalmente [ ma non necessariamente ] privi di tastiera. Il Kernel di Android deriva da Linux, mentre l'interfaccia grafica è completamente diversa, perché nata apposta per dispositivi mobili Touch Screen. Anche altrte parti di Android, nelle funzioni telefoniche ai Player musicali, sono state scritte ex nuovo per questa piattaforma. Un altra differenza sostanziale tra And…

Uomini simili a dei, l'arte greca.

Immagine
Uomini simili a dei, l'arte greca. Dopo la fine della civiltà micenea (intorno al XII secolo) la Grecia attraversò un periodo oscuro del quale non resta nessuna testimonianza scritta e pochi reperti archeologici. In seguito diverse popolazioni provenienti dall'Europa del Nord e dall'Oriente i Dori, gli Ioni, gli Eoli, si stabilirono nell'Attica e nel Peloponneso e, col tempo, si fusero con le popolazioni locali dando vita a una delle civiltà più affascinanti del mondo antico. La Grecia non è un paese di grandi dimensioni, eppure in questa piccola terra nacque una cultura tanto importante da costituire la base del nostro modo di considerare il mondo e la vita. Studiando le civiltà orientali, si ha la sensazione di conoscere paesi popolati da moltitudini enormi, con città e necropoli dominate da templi e monumenti funerari dalle dimensioni grandiose. I loro dei, spesso crudeli, a volte mostruosi, dominavano la vita di quelle civiltà. Le città greche invece non erano…

Trasferimento del sistema operativo su un nuovo PC.

Immagine
Trasferimento del sistema operativo su un nuovo PC. Il trasferimento del sistema operativo tramite una copia immagine è un'operazione possibile solo tra configurazioni hardware omogenee. È per questo motivo che le aziende acquistano sempre decine o centinaia di computer identici. Una volta eseguita un'installazione personalizzata del sistema operativo, è poi possibile trasferirla su tutte le altre stazioni di lavoro con un software di donazione dell'hard disk. Non è invece possibile eseguire la stessa operazione tra configurazioni hardware diverse perché Windows rileva le caratteristiche al momento dell'installazione e provvede a copiare solo i componenti necessari alla macchina. Le parti mancanti del sistema operativo non possono più essere installate successivamente. Sebbene nei forum specializzati siano state pubblicate diverse tecniche che consentirebbero la sostituzione dei componenti del nucleo del sistema operativo, la probabilità di ottenere in questo modo…

Notebook e la pulizia del dissipatore.

Immagine
Notebook e la pulizia del dissipatore. La conformazione dei sistemi di raffreddamento per i notebook rende le operazioni di pulizia più complesse rispetto ai computer desktop. Nei portatili si fa largo uso di heat-pipe per trasferire il calore dalle zone di produzione in altre posizioni più favorevoli allo smaltimento. I profili metallici sono distribuiti in più punti ed è probabile che non si possano raggiungere senza aprire il telaio. Anche strumenti come aspiratori e bombolette d'aria compressa devono essere impiegati con attenzione, perché si rischia di spingere la polvere più a fondo e aggravare la situazione invece di risolverla. Inoltre, incanalando il flusso d'aria prodotto dall'aspiratore dentro il notebook si possono far ruotare le ventole a velocità molto elevate, causando danni ai sistemi di scorrimento. È molto meglio, perciò, aprire il telaio. Usando metodi artigianali, oltre a non eliminare gli accumuli di polvere si rischia di danneggiare il noteboo…

Il recupero di componenti hardware per un nuovo PC.

Immagine
Il recupero di componenti hardware per un nuovo PC. Se avete un computer basato su scheda madre Asus P8H67 e processore Pentium G620/G630 sarà in grado di fornire prestazioni superiori di almeno un ordine di grandezza rispetto alla configurazione hardware precedente e, con un sistema operativo che impegna le risorse hardware in modo limitato come Windows XP, questa potenza di calcolo risulterà interamente disponibile per le applicazioni dell'utente. L'unico inconveniente da considerare è che Windows XP non supporta la modalità Trim per la gestione dell'unità Ssd e ciò, con il tempo, potrebbe causare un decadimento delle prestazioni. In ogni caso, anche nella peggiore delle ipotesi e considerando il raggiungimento della massima Write Amplification, l'efficienza dell'Ssd rimarrà non paragonabile a un disco fisso a piattelli magnetici e garantirà sempre un'elevata reattività. Qualora il calo delle prestazioni diventasse sensibile, sarà sufficiente riformattare …

Due civiltà mediterranee, Creta e Micenea.

Immagine
Due civiltà mediterranee, Creta e Micenea. La civiltà cretese (o minoica) si sviluppò a Creta, una grande isola del Mar Egeo a sud-est della Grecia, tra il 2800 e il 1500 a. C. La civiltà micenea si estese nel Peloponneso, la regione meridionale della Grecia, dal 1500 al 1200 a. C. circa. È difficile distinguere queste due civiltà perché ci fu un momento in cui il loro sviluppo fu parallelo e usi e costumi furono molto simili.
L'arte a Creta. A Creta, situata in posizione strategica per i commerci marittimi con l'Egitto e con la Siria si sviluppò una civiltà che ebbe una notevole produzione artistica. L'isola era ricca e abitata da una numerosa popolazione che viveva intorno e dentro le città-palazzo costruite a Cnosso, Festo Mallia. I palazzi, costruiti in pietra, si sviluppavano intorno a un grande cortile centrale, seguendo l'andamento del suolo. Comprendevano gli appartamenti per il re e per il suo seguito, i magazzini, le botteghe degli artigiani, i luoghi pe…

Storia Egizia.

Immagine
Storia Egizia. Per quasi tremila anni dall'inizio delle dinastie faraoniche (2850 a. C. circa) all'anno della conquista romana (30 a. C.) lungo il corso del fiume Nilo si è sviluppata una delle più grandi civiltà della storia, quella egizia. L'espressione artistica più importante di questa civiltà è collegata soprattutto alla costruzione delle tombe dei re, le piramidi, e agli oggetti, ai dipinti e alle sculture in esse ritrovati. Alcune piramidi hanno una dimensione colossale e fecero una profonda impressione sui contemporanei e sulle generazioni successive. La costruzione e la decorazione di una piramide richiedevano l'impiego di molte persone e un grande dispendio di energie e di ricchezze. Le dimensioni della piramide cambiavano il paesaggio, ma era proprio questa la volontà del faraone: lasciare sul territorio un segnale eterno della sua presenza. La civiltà egizia aveva un particolare culto dell'aldilà: per accedere al mondo dei morti, il defunto…

Indicare le celle di Excel.

Immagine
Indicare le celle di Excel. Per potere reperire informazioni presenti in file e fogli di lavoro differenti bisogna innanzitutto sapere che Excel gestisce i riferimenti alle celle. Per indicare una cella specifica si deve scrivere:
{Nome/Documento}Nome\Foglio\cella
Per un gruppo di celle invece è:
{Nome/Documento} NomeFoglio!CellaIniziale:CellaFinale
Un esempio; la formula sottostante esegue la somma delle celle C2:C20 del foglio Clienti contenuto nel file Fatture.xls
=SOMMA([Fatture.xls]Clienti!C2:C20)
Un'alternativa che presenta un'importante differenza, è questa:
=SOMMA(Fattura.xls]Clienti!$C$2:$C$20)
Avrete notato la presenza dei simboli del dollaro ($) nell'indicazione del range di celle. Ci chieseremo che differenza ci può essere tra le due forme? I riferimenti senza il simbolo del dollaro ($) sono detti Assoluti e puntano sempre alle stesse celle anche quando la formula viene copiata o spostata in un altra posizione. Gli altri invece sono Relativi e vengono aggiornati auto…

Piazza della Libertà - Firenze.

Immagine
Firenze - Piazza della Libertà.

Assisi piazza del Comune.

Immagine
Assisi - Piazza del Comune.

La mia Firenze.

Immagine
Firenze - vie Fiorentine

Il Pirata telefona così.

Immagine
Il Pirata telefona così. Questo articolo è e rimane solo a scopo didattico non deve essere in alcun modo fonte istruttiva per intrufolarsi in protocolli di Rete altrui. Come tutti noi sappiamo esistono una miriade di sistemi operativi che consentono ai più esperti di aggirare protezioni di rete, anche le più blasonate. Ricordiamoci che questa operazione è punita dalla legge, è pertanto un reato di Pirateria Informatica. La distribuzione Linux di cui parlo è: Back Track 4 R2 scaricabile al seguente indirizzo: www.backtrack-linux.org Il Tool essenziale. Dopo avere avviato BackTrack 4 R2, il pirata apre il Terminale e digita il seguente comando: cd/pentest/voip/sipvicious per accedere alla directory che contiene tutti i tool necessari a raggiungere il suo obbiettivo. A questo punto esegue il comando: ls -lrt per esplorare il contenuto della cartella. Ricerca del Voip. Il Pirata si connette alla Rete Wi-Fi della vittima [ utilizzando i soliti strumenti di craking ] e successivamente…

Cloniamo una pendrive USB.

Immagine
Cloniamo una pendrive USB. Come creare un duplicato perfetto di una chiavetta USB avviabile, vediamo come fare in tre semplici ma utili passaggi.
Pendraive avviabile.
Supponiamo di avere scaricato il LiveCD di Gnome 3 basato su Fedora, file: GNOME30-Live-latest.iso e di volere creare una pendrive USB avviabile [/dev/sdb] con questa distribuzione. Il comando : dd per farlo è il seguente: dd if=GNOME30-Live-latest.iso of=/dev/sdb. Immagine Chiavetta. Ricordiamo che se il File ISO non si trova nella directory corrente, cioè quella dalla quale si esegue il comando dd bisogna indicare il percorso completo. A questo punto, per creare il file immagine della chiavetta eseguiamo: dd if=/dev/sdb of=/backup/usb.img La clonazione. Abbiamo creato una copia esatta { immagine } della pendrive USB nel file usb.img che abbiamo salvato nella directory: /backup. Adesso usiamo lo stesso file per creare un'altra chiavetta USB avviabile identica alla prima: dd if=/backup/usb.img of=/dev/sdb. Ecco a v…

WINE - aggiorniamolo bene.

Immagine
WINE - aggiorniamolo bene. Come tutti noi sappiamo WINE ci consente di usare moltissime applicazioni di Windows, naturalmente il programma richiede come voi già sapete di essere aggiornato per potere funzionare al meglio, vediamo come fare per fare sì che il nostro Wine funzioni al meglio. Con poche righe di comando che andremo a scrivere nel nostro Terminale lo renderemo veramente un gran: Wine novello, ma scherzi a parte cominciamo a scrivere le seguenti stringhe: sudo add-apt-repository ppa:ubuntu-wine/ppa e premiamo INVIO. Poi recuperiamo gli aggiornamenti scrivendo: sudo apt-get update e premiamo ancora una volta INVIO. Infine scriviamo: sudo apt-get install wine per terminare l’installazione.

Una sveglia per il computer.

Immagine
Una sveglia per il computer. Oggi è uso avere sui nostri moderni portatili più di un sistema operativo, ipotizziamo che dopo una sessione di lavoro scegliamo di mettere in sospensione il nostro portatile, e, la mattina successiva lo vogliamo “sveglio” col nostro sistema Operativo preferito in questo caso parliamo di Ubuntu . Per fare questa comodissima operazione ci possiamo fare aiutare da: rtcwake un comando già presente in moltissime distribuzioni di Linux. Avviamo il Terminale e scriviamo il comando: sudo rtcwake -m tipo di sospensione -s numero di secondi Se per esempio desideriamo sospendere il computer per 11 ore scriveremo: sudo rtcwake -m standby -s 39600 Se dopo l’opzione -m scriviamo disk, il computer salverà tutto il contenuto della RAM nel disco fisso e il computer viene spento, al termine del periodo indicato, in questo caso 39600 secondi il computer tornerà attivo e pronto all’uso. Possiamo inoltre avviare un programma dopo il risveglio del nostro PC, potremo a…

Ubuntu Restricted Extras.

Immagine
Ubuntu Restricted Extras.Restricted Extras ci permette di installare con un solo comando moltissime librerie e strumenti per fare un po’ di tutto: dall’estrazione dei .cab di Windows al supporto di alcuni tipi di fotocamere alla gestione migliore di alcuni tipi di file audio e tanto altro ancora, il mio consiglio personale: installiamola perché ci risulterà molto utile. La possiamo installare dal Software Center di Ubuntu, oppure se amiamo usare il Terminale, il comando da scrivere è il seguente: sudo apt-get install ubuntu-restricted-extras

Scrivere su dischi NTFS.

Immagine
Scrivere su dischi NTFS. Quando viene eseguita un’installazione minimale di Ubuntu, per esempio se facciamo l’installazione di Ubuntu a partire da una versione alternate, il sistema non è in grado di scrivere su dispositivi formattati NTFS. Per risolvere il problema dobbiamo installare il pacchetto: ntfs-3g . Per farlo avviamo il Terminale e scriviamo il comando: sudo apt-get install ntfs-3g Semplice lavorare col nostro Ubuntu, un buon lavoro a tutti voi.

Il LAUNCHER mettiamolo in ordine.

Immagine
Il LAUNCHER mettiamolo in ordine. Chi usa Ubuntu con il portatile, soprattutto con piccoli schermi non tarderà ad accorgersi che ben presto il Launcher si riempirà di icone e saremo costretti a farlo scorrere per trovare il programma che vorremo avviare. Per nostra fortuna esiste una soluzione molto semplice, ci basterà riunire più applicazioni in una stessa icona e sfruttarle, ci basterà un clic con il pulsante destro del mouse per lanciare quella che vogliamo usare. Noi andremo a scaricare questa comoda applicazione che ci consentirà di avere solo cinque File tematici : Category Quick-list. In questi file tematici li riassumiamo così: Cartella Home, Internet Apps, Media Apps, Office Apps, e naturalmente Ubuntu Software Center. Installiamo e facciamo ordine.Scarichiamo il file ZIP. Per prima cosa apriamo Firefox e colleghiamoci all’indirizzo: http://ubuntuone.com/1dDKg2RnjW9tvWpNzwIORZ. Nella nuova finestra, scegliamo Aprilo conGestore di Archivi e confermiamo con OK. Estraiam…

Piazza Signoria - Firenze

Immagine
Firenze - Piazza Signoria.

Napoli e la sua bellezza.

Immagine
Napoli - Piazza San Domenico

La mia Firenze.

Immagine
Firenze - particolare di una via.

La Seconda Guerra Mondiale.

Immagine
La Seconda Guerra Mondiale.
Il quadro generale. Al termine della prima guerra mondiale, la situazione internazionale, come stabilita dal trattato di pace del 1919, era, a grandi linee, questa: la Germania, sconfitta, era, e doveva restare, disarmata; era nata la Società delle Nazioni, un organismo internazionale che avrebbe dovuto garantire la pace nel mondo; in Europa le nazioni vittoriose e preminenti, cioè Inghilterra, Francia e Italia, erano alleate tra loro. Nel 1939 quella situazione era però totalmente mutata: la Germania nazista si era armata sino ai denti, e con l'annessione di Austria e Cecoslovacchia portava avanti una politica fortemente aggressiva e destabilizzante; la Società delle Nazioni era impotente a risolvere le controversie tra gli Stati; l'Italia si era allontanata da Francia e Inghilterra, legandosi a potenze totalitarie e militariste, come Germania e Giappone; Germania nazista e Unione Sovietica avevano firmato un patto di intesa. Per questo, quando il 1…

La storia della città, la Sardegna.

Immagine
La storia della città, la Sardegna. I primi abitatori nell'età eneolitica occuparono certamente la rupe ed i poggi vicini. Ai punici si deve probabilmente la origine dell'impianto urbano vero e proprio: lo testimoniano le ricche necropoli rupestri delle colline di Bonaria e di Sant'Avendrace , con la fitta maglia delle traforazioni sotterranee; le grandi cisterne scavate pure nella roccia, al disotto del quartiere medioevale di Stampace e soprattutto il magnifico tempio tetrastilo, scenograficamente aperto con la su scalèa antistante nell'emiciclo di un teatro, per meglio adattare la partecipazione dei fedeli al rituale religioso; infine una palizzata di ginepro, resti di un pontile d'imbarco, rinvenuta nello stagno di Santa Gilla. Con i romani il protagonista della città diventò il porto, che allora distanziò per traffici e movimento gli altri porti cartaginesi della Sardegna: era scalo della flotta militare di Capo Miseno e di quelle granarie dirette a Ostia per…

La Capitale e la Regione, la Sardegna.

Immagine
La Capitale e la Regione, la Sardegna. In Cagliari, capitale dell'isola, i sardi non sono inclini a riconoscersi; non solo non ne fanno un simbolo della Sardegna, ma quasi la sentono come un elemento in qualche modo estraneo alla vita e alla cultura dell'isola, sebbene la vita dell'isola, e anche la sua cultura, specie quella << ufficiale >>, dipendano per molti aspetti da quello che Cagliari è e da quello che fa. Cagliari può non essere un caso unico di capitale in qualche modo estranea alla sua regione, ma ne è un caso tipico e, fatto questo meno frequente, il suo essere estranea non è ancorato nella rivalità passata con altre città (se si eccettua il caso di Oristano, capitale di Giudicato nel Medioevo); la rivalità degli altri capoluoghi di provincia sardi, Sassari e Nuoro, è un fatto recente.
L'immigrazione. Negli ultimi dieci anni, dal 1960 al 1969, Cagliari è più che raddoppiata di ampiezza e il suo sviluppo, rapido e caotico, continua. L'aumento …

Gestiamo il nostro lettore musicale Apple.

Immagine
Gestiamo il nostro lettore musicale Apple. Ubuntu riconosce alcuni dei più diffusi dispositivi Apple Inc e permette di gestirli al meglio tramite: Banshee, Gtkpod e Amarok [lettore multimediale predefinito di Kubuntu]. Con Rhythmbox è possibile, semplicemente collegarlo al nostro iPod, mostrare il contenuto e riprodurre i file presenti nel dispositivo, sincronizzarlo o trasferire i file musicali. Anche con le altre applicazioni, Banshee in particolare, è possibile sincronizzare la musica dal proprio iPod o utilizzare il contenuto del dispositivo come sorgente da cui attingere la musica da riprodurre. Un discorso a parte va fatto per iPod Touch,l'iPhone e l'iPad: poiché non sono semplici periferiche di archiviazione di massa, non vi si può accedere in maniera standard. La gestione dei dispositivi è affidata a una libreria particolare: libimobiledevice reperibile al seguente indirizzo web: www.libimobiledevice.org al momento è possibile sincronizzare qualsiasi funz…