Storia Egizia.

Mauro Goretti & Aramini Parri Lucia

       Storia Egizia.

Per quasi tremila anni dall'inizio delle dinastie faraoniche (2850 a. C. circa) all'anno della conquista romana (30 a. C.) lungo il corso del fiume Nilo si è sviluppata una delle più grandi civiltà della storia, quella egizia. L'espressione artistica più importante di questa civiltà è collegata soprattutto alla costruzione delle tombe dei re, le piramidi, e agli oggetti, ai dipinti e alle sculture in esse ritrovati. Alcune piramidi hanno una dimensione colossale e fecero una profonda impressione sui contemporanei e sulle generazioni successive. La costruzione e la decorazione di una piramide richiedevano l'impiego di molte persone e un grande dispendio di energie e di ricchezze. Le dimensioni della piramide cambiavano il paesaggio, ma era proprio questa la volontà del faraone: lasciare sul territorio un segnale eterno della sua presenza. La civiltà egizia aveva un particolare culto dell'aldilà: per accedere al mondo dei morti, il defunto doveva conservare le proprie sembianze per questo veniva mummificato e partiva per quel viaggio senza ritorno accompagnato dai vestiti, dai gioielli, dai giochi, dalle suppellettili che aveva posseduto in vita. Nelle tombe sono state rinvenute addirittura notevoli quantità di cibo che era necessario al defunto lungo il tragitto. Dagli oggetti ritrovati, dunque, abbiamo appreso molte informazioni sugli Egizi. Nelle tombe si sono scoperti, oltre agli oggetti, molte rappresentazioni (dipinti e bassorilievi) delle attività che il defunto svolgeva personalmente in vita o a cui sovrintendeva per conto del re: scene di lavori artigianali e agricoli, scene di vita quotidiana, raffigurazioni di animali cacciati o allevati, di attrezzi per l'agricoltura e di armi. Questi dipinti e bassorilievi costituiscono fonti preziose per sapere come venivano coltivati i campi, come erano lavorati i metalli, l'argilla o le pietre. L'arte degli egizi era molto colorata: i grandi edifici pubblici e il palazzo del faraone erano costruiti in mattoni ricoperti di intonaco dipinto e bandiere colorate sventolavano contro il cielo azzurro. I dipinti sulle pareti delle tombe e dei palazzi erano coloratissimi, così pure i bassorilievi e le sculture. L'arte era praticata da artigiani specializzati, che obbedivano a precise regole: esse definivano le misure e le proporzioni con cui dovevano essere rappresentate le figure umane. Lo stile dell'architettura, della pittura e della scultura, non si modificò molto nei tremila anni di storia di questa civiltà. Nella pittura e nella scultura le forme sono stilizzate e ripetute secondo formule fisse. Ma in molti casi, specialmente quando le figure ritratte non sono il faraone o i nobili, ma la gente comune colta nelle occupazioni quotidiane, lo stile diventa più sciolto, naturale, a volte straordinariamente vivace. Scopriamo così in realtà che l'arte egizia, che a volte è stata definita monotona e ripetitiva, si rivela anche vivace e capace di descrivere gli uomini durante la vita di tutti i giorni.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.