Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2012

Ubuntu -Accedere a Nautilus.

Immagine
Ubuntu -Accedere a Nautilus. Nautilus è lo strumento per gestire i File in Ubuntu, naturalmente non è un programma da avviare, ogni volta che apriamo una cartella e navighiamo nei suoi contenuti stiamo usando di fatto Nautilus. Per accedere alle impostazioni di Nautilus, apriamo una cartella qualsiasi e facciamo clic in alto sulla barra che contiene anche l'orologio, il controllo del volume e l'indicazione dell'utente connesso a Ubuntu, nel menu che compare, facciamo clic su Modifica e poi su Preferenze. Nella finestra Preferenze di gestione dei file, facciamo clic sulla scheda Comportamento. Per fare il modo che i File vengano eliminati senza essere messi prima nel cestino, scelta che sconsiglio perché basta un clic fatto troppo velocemente per perdere dei File importanti, selezioniamo l'opzione Includere un comando <<Elimina>> che scavalchi il Cestino. Vedrete che quando faremo clic col destro su un file e nel menu che compare selezioniamo Elimina, compari…

Sicuri che il nostro Computer dia il massimo?

Immagine
Sicuri che il nostro Computer dia il massimo?Auslogics Bench Town è un programma gratuito che ci permette di scoprire quali siano le reali prestazioni della nostra macchina. E lo fa grazie a moltissimi test che misurano la performance di CPU, memoria RAM,dischi fissi, scheda grafica e molto altro ancora. I risultati sono espressi in punteggi, che potremo comparare con i centinaia di utenti che usano il programma: il software mette a disposizione il suo forum ufficiale.
Installiamo il programma. Colleghiamoci all'indirizzo Web: www.benchtown.com/ausbench/download per scaricare il software : Bench Town. Facciamo clic su “ Download” per scaricare l'eseguibile di circa 7.35 MB. Dopo avere scaricato il File, avviamo la procedura di Setup facendo clic sul file appena scaricato. Si avvia il Wizard, vale a dire la procedura passo a passo di configurazione del Software. Prima, come al solito, dobbiamo accettare le condizioni d'uso del programma [ va ricordato: è gratuito ]. Al

Problemi con gli aggiornamenti di Ubuntu.

Immagine
Problemi con gli aggiornamenti di Ubuntu. Come tanti di noi sanno Ubuntu è un sistema operativo meraviglioso, ma qualche volta mostra dei piccoli e fastidiosi “problemucci” che vanno solo amputati alla gioventù del progetto stesso, io sono una persona che non ama fare perdere del tempo prezioso sopratutto a chi col computer ci lavora, ed è per questo che non amo far fare alle tante persone prove che magari riusciamo a risolvere con un banalissimo comando scritto nel nostro Terminale, ma torniamo a noi vediamo come risolvere in pochi clic questo “fastidioso” problema. Se il nostro tentativo di aggiornamento non è andato a buon fine, dobbiamo cancellare il contenuto della cartella : var/lib/apt/list che il comando apt di Ubuntu, che serve per installare i pacchetti disponibili. Per fare la pulizia, avviamo il Terminale e scriviamo: sudo rm/var/lib/apt/list/* -vf. Premiamo il tasto INVIO e scriviamo : sudo apt-get update. Premiamo di nuovo INVIO e scriviamo: sudo apt-get upgrade p…

Operazioni a comando sul nostro computer.

Immagine
Operazioni a comando sul nostro computer. Quando usiamo il Computer ci sono un sacco di azioni che siamo costretti a fare manualmente. Grazie a un'applicazione versatile come: Cttlefish possiamo insegnare a Ubuntu 12.04 a eseguirle automaticamente in base a certe condizioni stabilite da noi. In questo caso potremo concentrarci solo su quelle essenziali, sapendo che sarà Cuttlefish a pensare a tutto il resto.
Installiamo Cuttlefish dal Software Center. Apriamo il Software Center di Ubuntu e, nel motore di ricerca scriviamo: cuttlefish. Vedremo apparire un unico risultato, facciamo clic sul pulsante Installa e attendiamo la fine dell'operazione.
Avviamo Cuttlefish. Facciamo clic sull'icona che è apparsa nella Barra dei Launcher. Vedremo apparire la finestra di Dialogo che ci invita a vedere l'introduzione su YOUTUBE, cliccando sul collegamento sottolineato.
Iniziamo a creare il nostro primo Reflex. Facciamo clic su New in alto a sinistra. Nella nuova finestra diamo un nome …

Toscana terra di confine.

Immagine
Toscana terra di confine.
In una regione bellissima della nostra Italia: la Toscana culla di poeti, artisti di ogni tempo, unomini di cultura riconosciuta in campo internazionale e terra di crisi economica che ha martoriato questa bellissima regione, una nuova realtà si sta impossessando delle mentalità del classico individuo, questa forma a un nome: ipocrisia, in questo articolo proverò a raccontare il perché nella mia terra è nato questo fenomeno, spero di riuscire ad essere chiaro, anche perché tutti i fatti che saranno scritti li ho vissuti in prima persona, pertanto ritengo di non essere in alcun modo smentito, un dato di fatto risulta inequivocabile la mia terra è solo diventata: terra di confine e di ipocriti. Cominciamo col dire che la Toscana di una volta era considerata un isola felice in quel grande contesto di quel meraviglioso paese che si chiama Italia, una miriade di realtà davano lavoro a giovani e ai meno giovani, nelle botteghe di artigiani il giovane imparava un…

Leggiamo i PDF con Firefox 16.

Immagine
Leggiamo i PDF con Firefox 16. Grazie al componente aggiuntivo PDF Viewer 0.4.11 possiamo insegnare a Firefox a leggere e a salvare i file PDF che scarichiamo da Internet. Vediamo come fare per rendere il nostro lavoro più veloce e versatile. Passo primo. Installiamo il plugin PDF Viewer. Con Firefox colleghiamoci all'indirizzo: https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/pdfjs e facciamo clic sul pulsante: Aggiungi a Firefox. Nella nuova finestra facciamo clic su: Installa adesso.
Passo secondo. Gestiamo il componente aggiuntivo. Ora facciamo clic su: Apri gestore componenti aggiuntivi. Nella pagina che ci viene visualizzata possiamo disattivare o rimuovere il componente aggiuntivo appena installato.
Passo terso. Visualizziamo un PDF con Firefox. Andiamo a collegarci a un qualsiasi sito, da cui possiamo prelevare un documento in formato PDF, scarichiamolo e lo vedremo apparire automaticamente in una pagina del programma di navigazione.
Passo quarto. Ingrandiamo le pagine del documento…

Installiamo Ubuntu 12.10.

Immagine
Installiamo Ubuntu 12.10. Con l'arrivo di Ubuntu 12.10 Quetzal diamo l'addio alla grafica 2D e il benvenuto alle numerose novità che riguardano la Dash. Ma prima di dare inizio alla scrittura di procedura che riguarda l'installazione del nostro Sistema Operativo è d'obbligo una piccola postilla: Ubuntu non è più un OSmolto leggero” pertanto, è indirizzato a macchine potenti, e forse è un difetto perché non tutti gli utenti dispongono di Computer della cosiddetta “ultima generazione”, ma torniamo a noi inziamo a scrivere la procedura di installazione di Ubuntu 12.10.
La lingua del Quetzal [ Ubuntu 12.10 ]. Controlliamo che nel BIOS il lettore DVD abbia la priorità e, con il DVD di installazione inserito, riavviamo il computer. A sinistra nella prima schermata, selezioniamo Italiano e a destra facciamo clic su Installa Ubuntu.
Installiamo subito i Codec. Per leggere subito MP3 e MPEG installiamo i codec, nella finestra Preparazione all'installazione di Ubuntu selezio…

I comandi di INSYNC.

Immagine
I comandi di INSYNC. L'avvio di insync avviene sempre da Terminale, semplicemente scrivendo: insync e premendo INVIO, dopodiché faremo tutte le operazione necessarie tramite la normale interfaccia di Ubuntu. Ma facciamo attenzione a non chiudere il Terminale. Infatti se proviamo a farlo si aprirà una finestra di dialogo che ci avverte di un processo ancora in esecuzione. Quindi se per sbaglio ci abbiamo provato, sarà sufficiente fare clic su Annulla e tutto tornerà a posto.
Il menu principale. Come possiamo notare, una volta avviato insync, in alto a destra appare un menu a tendina con il logo dell'applicazione. Da qui possiamo aprire la cartella di Insync [ Open Insync Folder ] e la nostra pagina Web [ Go to Insync Web ]. Siccome ci siamo registrati al primo avvio , dovrebbe apparire la nostra pagina personale. Sempre tramite il menu possiamo creare un altro Account con: Add New Account che si trova dentro: Account Information. Inoltre possiamo visualizzare le modifiche più re…

Documenti più ricchi con gli Ipertesti.

Immagine
Documenti più ricchi con gli Ipertesti. Può succedere di avere bisogno di creare un documento con collegamento a pagine Web, oppure con un indice che ci permette di accedere velocemente a questo o a quel capitolo. La soluzione si chiama: Ipertesto, cioè un testo interattivo che con un semplice clic ci invii a una certa pagina, a un'immagine o che ci permetta di aprire automaticamente un File, ma vediamo come fare.
Apriamo un collegamento ipertestuale. Dopo avere avviato Writer di OpenOffice, apriamo il menu Inserisci, e poi facciamo clic su Collegamento. Vedremo aprire la finestra Collegamento ipertestuale. Nella colonna a sinistra selezioniamo Internet.
Inseriamo un indirizzo Internet. Selezioniamo Web nella sezione Tipo di collegamento ipertestuale. Nel campo Destinazione, inseriamo l'indirizzo Internet della pagina a cui vogliamo collegarci dal documento. Confermiamo con Applica.
Colleghiamoci alla pagina Web. Facciamo clic su Chiudi, per tornare al nostro collegamento di Writ…

Dischi e partizioni Linux.

Immagine
Dischi e partizioni Linux. Consiglio vivamente di utilizzare lo schema di partizionamento automatico scelto dal Sistema Operativo Linux che andremo a installare, ma per chi ne vuol saper di più, ecco alcune informazioni utili che spiegano in che modo Linux assegna i nomi alle unità e alle partizioni contenute nei dischi, che cos'è LVM e quali sono le scelte di partizionamento comuni adottate dai sistemi Linux. Come in Windows, anche nei sistemi Linux esistono due tipi di unità disco: IDE e SCSI. Come vedremo in Linux i dischi rigidi hanno sempre nomi che li identificano. Questi nomi appaiono come File speciali nella directory /dev o in una sottodirectory di /dev. Le unità IDE appaiono in /dev/hda [acronimo di Hard Drive A], /dev/hdb, /dev/hdc e così via. I due connettori sulla prima interfaccia IDE sono sempre /dev/hda e /dev/hdb, anche se uno dei connettori non è utilizzato. /dev/hdc e /dev/hdd sono associati ai due connettori della seconda interfaccia IDE e così via. I dischi r…

Creiamo un indice Interattivo-OpenOffice.

Immagine
Creiamo un indice Interattivo-OpenOffice. Come abbiamo spiegato nell'articolo precedente, illustrando i vari modi per creare collegamenti con pagine Web, file esterni e parti del documento stesso, facciamo un esempio pratico, creando l'indice di un manuale. Per prima cosa apriamo il nostro documento e aggiungiamo un'immagine in fondo , o se preferiamo all'inizio. Qui apriamo il menu Inserisci e selezioniamo Cornice. Confermiamo con OK e poi ridimensioniamo la cornice manualmente. Qui creiamo il nostro Indice, per creare questo indice interattivo dei capitoli, per prima cosa selezioniamo il titolo del capitolo, poi apriamo il menu Inserisci e selezioniamo Sezione. Nella finestra che si apre, diamo un titolo alla sezione opuure lasciamo quello predefinito { Sezione 1, Sezione 2 ecc. }. Poi facciamo clic sul pulsante Inserisci. Per creare le Sezioni, andiamo all'indice dei capitoli, selezioniamo il primo, apriamo il menu Inserisci e selezioniamo Collegamento. Nella sezi…

Con Shutter cattura e modifica.

Immagine
Con Shutter cattura e modifica. Shutter è uno strumento straordinariamente versatile e facile da usare per la cattura di qualsiasi cosa appaia sullo schermo del nostro computer. Oltretutto è completamente in Italiano e ricco di aiuti. Ma la vera chicca di questo software è uno strumento che ci permette di modificare in moltissimi modi le schermate che cattureremo, installiamolo e iniziamo a usare Shutter.
Installiamo Shutter dal Software Center. Cerchiamo Shutter nel Software Center e facciamo clic su Installa, quindi facciamo clic su Ulteriori Informazioni e nella scheda selezioniamo i Componenti aggiuntivi, poi facciamo clic su Applica modifiche.
Avviamo Shutter per la prima volta. Nel menu Accessori delle Applicazioni, facciamo clic sull'icona di Shutter, quindi aspettiamo che il programma si aggiorni automaticamente, dopodiché sarà a nostra completa disposizione.
Scattiamo uno Screenshot. Nella barra del menu in alto apriamo Finestra e selezioniamo per esempio Scrivania. Lo Screen…

Apriamo File e cartelle con un solo Clic.

Immagine
Apriamo File e cartelle con un solo Clic. Normalmente per aprire un file o una cartella dobbiamo farci clic sopra due volte. Possiamo però sostituire il doppio clic predefinito per aprire file e cartelle con uno solo seguendo una semplice procedura. Facciamo clic su Computer nel menu Risorse e nel menu Modifica della nuova finestra selezioniamo Preferenze. Nella parte alta della finestra selezioniamo la scheda Comportamento. Nella sezione Comportamento selezioniamo la voce Singoloclic per aprire gli oggetti e facciamo clic su Chiudi. D'ora in poi quando passeremo su un file con il puntatore, questo viene evidenziato e il puntatore si trasforma in una mano. Per aprire il file ci basterà semplicemente farci un singolo clic sopra.

Amazon giova molto a Ubuntu.

Immagine
Amazon giova molto a Ubuntu. La scomparsa della scrivania di Ubuntu 12.10 Quetzal Quantico di un Launcher con il logo di Amazon ha provocato più di un mal di pancia e l'integrazione dei risultati provenienti dal grande negozio online, quando facciamo una ricerca nella Dash, ha fatto gridare qualcuno allo scandalo. Ma non dimentichiamo che tutto questo è avvenuto con la benedizione del fondatore di Canonical, cioè Mark Shuttleworth e quindi lo stesso Mark si è sentito in dovere di spiegare le ragioni delle proprie scelte. Prima di tutto questo fa parte di un progetto di integrazione delle Web apps di Ubuntu, inoltre si tratta di un importantissimo banco di prova per dimostrare quanto la Dash si capace di visualizzare i contenuti online e naturalmente offline, cioè quelli presenti nel disco fisso dell'utente. Shuttleworth ha anche sottolineato che l'integrazione di Amozon ha senso perché la Home Lens della Dash deve permetterci di trovare qualsiasi cosa sempre e ovunque, qui…

Tutto su Dropobox via posta Elettronica.

Immagine
Tutto su Dropobox via posta Elettronica. I servizi di cloud computing, e in particolari quelli di cloud storage, permettono di salvare on-line i propri file, in modo che siano sempre raggiungibili. Per caricare questi file sulla nuvola, nel caso di Dropbox, è possibile usare una sorta di scorciatoia: spedirli via e-mail. Ecco come fare.
Il servizio che permette di inviare via posta i file al proprio account di Dropbox si chiama Send To Dropbox. L' indirizzo Web : http://sendtodropbox.co . Nella pagina che verrà visualizzata dobbiamo fare un clic su Connect to Dropbox, e saremo collegati a Dropbox. Il nostro Browser si collegherà automaticamente alla Home page di Dropbox. Il sito ci avverte che un'applicazione sta cercando di collegarsi:è tutto OK. Inseriamo i nostri dati identificativi che usiamo per accedere a Dropbox e un clic su: Sign-in. Dropbox, potrebbe usare un meccanismo di TFA ( identificativo che avviene anche tramite messaggio SMS ), con il TFA Dropbox è…

Tutto il nostro Web in una sola Password.

Immagine
Tutto il nostro Web in una sola Password. Facciamo il modo che il nostro Browser ricordi tutte le nostre Password a tutti servizi a cui ci siamo registrati. Esiste una comoda estensione per il browser di Google e si occupa di inserirle quando è richiesto, è disponibile anche in lingua Italiana, il suo nome: LastPass. Ma vediamo di scaricarla e inserirla per semplificare il nostro lavoro. Colleghiamoci all'indirizzo web: https://lastpass.comquindi facciamo clic su : Free-DownloadLastPass. Scegliamo la nostra versione Es 32bit, quindi procediamo al Download. Acconsentiamo all'esecuzione del file eseguibile LastPass.exe che installerà l'estensione. Tra le lingue disponibili, come anticipato in precedenza, è disponibile anche la lingua Italiana. Selezioniamola e procediamo oltre. Possiamo fare in modo che l'estensione possa essere scaricata anche per altri Browser, se Chrome non è l'unico sul nostro Computer. Se GoogleChrome è in uso o in background, occorr…

Che cos'è il PHP.

Immagine
Che cos'è il PHP?
PHP è un linguaggio di programmazione. È come JavaScript, nel senso che richiede di passare la maggior parte del tempo utilizzando i valori e prendendo decisioni su quale percorso nel codice deve essere seguito in un determinato momento. Ma anche come HTML, per il fatto che si ha a che fare con degli output, ovvero con dei tag che gli utenti visualizzano attraverso la lente del loro Browser Web. In effetti nel contesto della programmazione web, PHP è una specie di outsider: anziché essere specializzato in una sola cosa, sa fare molte cose abbastanza bene. Ma poniamoci la vera domanda che può sorgere spontanea e cioè: “cosa vuol dire PHP?”. PHP è l'acronimo di : Personal HomePage, ricordiamoci che questo linguaggio di programmazione è utilizzato da moltissimi programmatori per realizzare pagine Web, e , riuscendo ad ottenere funzionalità superiori a quelle concesse da HTML, CSS e JavaScript. , questo è PHP. Naturalmente PHP è già pronto per lavorare con form HT…

Problemi con l'audio-Ubuntu.

Immagine
Problemi con l'audio-Ubuntu. Se il nostro sistema operativo preferito ci crea qualche problemino con l'audio vediamo di risolverlo una volta per tutte, cominciamo col compiere alcune semplici ma essenziali operazioni che riporteranno il nostro audio in auge. Facciamo clic su Impostazioni di Sistema e facciamo doppio clic su Audio. Nella scheda Uscita accanto a Connettore deve essere selezionato la voce: Uscita analogica. Ora avviamo il Terminale e scriviamo il comando alsamixer per accedere alle impostazioni del Server audio di Ubuntu. Vedremo più o meno due colonne a seconda delle caratteristiche della scheda audio. Sotto le colonne dobbiamo vedere la dicitura 00 che indica che l'opzione è attiva, MM sta invece per muta. Per attivare l'opzioni, spostiamoci dall'una a l'altra con i tasti freccia, destro, sinistro, selezionata la colonna da modificare usiamo il tasto m per cambiare lo stato da 00 a mm e viceversa. I tasti su e giù servono per alzare e abbassare …

Linux Mint nome in codice Lisa.

Immagine
Linux Mint nome in codice Lisa. Linux Mint, come già detto il suo nome in codice Lisa, ma più formalmente si chiama Linux Mint12, la distribuzione che da mesi tiene testa a Ubuntu. Linux Mint è distribuito in versione CD e DVD, nonostante la prima versione sia molto meno completa rispetto alla seconda, potremo comunque arricchirla in seguito.
Installiamo Linux Mint.
Troviamo la nostra versione
Prima di tutto colleghiamoci con la pagina web: www.linuxmint.com e facciamo clic sul menu Download per accedere alla pagina di scelta e scaricamento della versione che fa per noi. Scegliamo la versione da scaricare.
Nella sezione Download links della pagina www.linuxmint.com/download.php scegliamo la versione DVD, più completa, o la base su CD, facendo clic su: 32bit o 64bit a seconda del nostro Computer.
Scegliamo il mirror e scarichiamo.
Nella finestra successiva, selezioniamo il mirror da cui scaricare la versione scelta, tra quelli che appaiono nell'elenco. E' consigliabile …

Lavoriamo in gruppo.

Immagine
Lavoriamo in gruppo. La connessione dei computer a un router crea automaticamente una rete locale:sfruttiamola al meglio per condividere stampanti e cartelle. Ma vediamo come fare per renderci il lavoro più snello e veloce.
Facciamo clic sul pulsante Start del nostro computer e poi facciamo clic col destro su “Computer”. Dal menu rigido scegliamo l'opzione Proprietà. Ci troveremo nella pagina Sistema del Pannello di Controllo. Rivolgiamo l'attenzione alla Sessione Impostazioni relative al nome del Computer, domino e gruppo di lavoro. Dopo avere fatto clic sull'opzione Cambia Impostazioni, verrà visualizzata la finestra di dialogo Proprietà del sistema, aperta sulla scheda Nome del Computer. Nella casella Descrizione del Computer possiamo specificare il nome che lo identificherà all'interno della Rete locale, insieme al sottostante Nome del computer. Facciamo clic sul pulsante Cambia per accedere alla pagina che consente di configurare Nome del computer e …