Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2012

Il giusto ppi [scansione ].

Immagine
Il giusto ppi [scansione ]. I driver di scansione includono spesso i profili predefiniti per generare immagini destinate al Web, alla trasmissione via fax e da allegare a messaggi via posta elettronica. Di norma, immagini di questo tipo devono essere di dimensioni compatte, ma vediamo come fare in pochi e semplici passaggi.
Equilibrio per Fax, lo standard è di 200 ppi in scala di grigi.
Documenti e foto per il Web possono essere acquisite anche con una tavolozza di 256 colori, e, la risoluzione variabile tra 75 e 150 ppi, sufficienti per lo schermo . Le scansioni possono essere salvate in formato Jpeg a media qualità per ridurre le dimensioni del file. Le alternative sono i formati: Pdf e Png, un formato grafico adatto al Web e che grazie al suo algoritmo di compressione non distruttiva genera file più pesanti ma di qualità superiore al Jpeg.
Esempio pratico.
Un software di scansione ci offre tutte le impostazioni per ottimizzare l'immagine in funzione della destinazione dell&#…

La vita di una scuow indiana.

Immagine
La vita di una scuow indiana. Prima dell'avvento dell'era coloniale nei territori che oggi sono conosciuti col nome di: America, la vita scorreva non certamente priva di pericoli, le ostilità tra tribù locali erano diventate quasi un fatto di estrema quotidianità, la legge esistente conosciuta era naturalmente quella del più forte [un po come oggi], ma quando dominava la pace la vita in un campo indiano scorreva all'insegna del lavoro, lavoro di mantenimento del bestiame; cavalli, capre selvatiche e , naturalmente la caccia. La caccia era compito dell'uomo o guerriero, accudire il bestiame era compito dei ragazzi più grandicelli, ma, il lavoro più duro veniva svolto dalle donne. Loro era il compito di accudire la famiglia, pensare a fare la legna per il fuoco, accudire ai loro bimbi e infine la ricerca di cibo nel bosco che offriva una gran quantità tra frutti, bacche, castagne, insomma la donna era la figura che mandava avanti la tribù. Se poi pensiamo che il fare i…

Indiani d'America: I Crow.

Immagine
Indiani d'America: I Crow. I Crow appartengono al gruppo Hidatsa della famiglia linguistica dei Sioux; essi stessi asserivano di essersi un tempo separati dagli Hidatsa . Il nome “Crow” è soltanto la traduzione inglese del francese: “Gens des corbeaux” ]Popolo dei corvi] , che a sua volta fa riprendere e interpretare il nome vero e proprio di questa tribù: “Absaroke”, che significa: “Popolo dei Corvi” o “Popolo degli uccelli”. Vivevano nel territorio dello Yellowstone River e dei suoi affluenti, i fiumi Powder e Big Horn. Erano costituiti da tre gruppi, ma , per semplicità , è stata fatta molte volte una distinzione tra i River Crow [Crow del fiume] e i Mountain Crow [i Crow delle montagne]. Intorno al 1830 potevano contare su una forza di circa 3500 persone. Sebbene i Crow fossero imparentati linguisticamente con i Sioux, tra le due tribù [popolazioni] vi fu sempre una feroce inimicizia. Per questo motivo i Crow non decisero mai di prendere parte alla lotta indiana contro gli ame…

I Kiowa.

Immagine
I Kiowa
Si è ritenuto per molto tempo che i Kiowa costituissero un gruppo linguistico a se stante. Oggi vive l'opinione che essi appartengono al gruppo Tanoan e che costituiscono il gruppo dei Kiowa.Tanoan. È probabile anche un legame con la famiglia linguistica uto-azteca. Il nome con cui i Kiowa vengono designati deriva dal loro proprio nome di tribù “Kai-ywu”,che significa “primo popolo”. I territori di caccia dei Kiowa sono molto difficili da delimitare geograficamente. Nel secolo XIX cacciavano abitualmente in Kansas,Colorado,New Mexico,Texas e Oklahoma. Secondo le tradizioni da loro tramandate,i Kiowa vivevano originariamente presso la zona delle sorgenti dello Yellowstone River e del Missouri,all'interno dell'odierno Montana. Già allora i Kiowa erano nomadi. Vennero a contatto la prima volta con i bianchi nel 1706:si trattava di spagnoli che si erano spinti fino allo Yellowstone. Allora i Kiowa non usavano il cavallo. Già nel 1732 che i cronisti spagno…

I Cheyenne.

Immagine
I Cheyenne

I Cheyenne appartengono al ceppo linguistico degli Algonchini e prima del 1700 occupavano i territori del Minnesota. I loro nome proviene dall'espressione Sioux “Shahi-yena”,che significa “Uomini di lingua straniera”. I Cheyenne si chiamavano “Dzitsistas”,”Nostro popolo”. All'inizio del XVIII secolo,si mossero verso ovest per poi stabilirsi presso il Missouri e il Cheyenne River nell'odierno stato del North Dakota. Alla fine del XVIII secolo,sotto la spinta e le pressioni Chiappewa,finirono per cambiare più volte la località dove poter risiedere. Tuttavia anche in seguito ebbero difficoltà a stabilirsi in modo stanziale. Come i Teton,anche i Cheyenne riorganizzarono completamente il loro stile di vita e divennero un asse portante della cultura delle pianure. All'inizio del XIX secolo si spinsero verso l'alto corso del Platte River. Nel 1832 si divisero:una parte mosse in direzione sud e si stabilì presso l'alto corso dell'Arkansas v…

Una galassia di pianeti nomadi.

Immagine
Una galassia di pianeti nomadi. La nostra galassia potrebbe essere popolata da un numero altissimo di pianeti nomadi, cioè non vincolati a orbitare attorno a una stella ma liberi di muoversi nello spazio interstellare. Gli autori di questo studio che hanno portato questo risultato sono alcuni astronomi diretti da Louis Strigari, del Kavli Institute for Particle Astrophysics and Cosmology di Stanford, in California. Lo scorso anno Strigari e collaboratori hanno scoperto una dozzina di pianeti nomadi usando la tecnica del << microlensing >> gravitazionale, fenomeno consistente in una focalizzazione gravitazionale della luce di una stella nel momento in cui un pianeta le passa davanti. In questo modo, considerando diversi fattori, gli astronomi hanno così stimato un rapporto fra numero di pianeti nomadi e numero di stelle della nostra galassia pari a 100.000. L'origine di questi oggetti rimane incerta (non tutti sono nati attorno a una stella), ma, pur non essendo vici…

La placenta.

Immagine
Scienza. La placenta. La placenta è un organo particolare: sebbene sia necessario per la vita umana, non ci accompagna per tutta l'esistenza. Nel suo breve periodo di attività, ha il ruolo fondamentale di barriera protettiva per il feto. I vasi sanguigni della placenta che somigliano alle radici degli alberi trasportano anche ossigeno e nutrienti essenziali dalla madre al bambino in via di sviluppo. Eppure in passato questo organo è stato ampiamente sottovalutato. Oggi invece gli scienziati lo stanno studiando più da vicino, scoprendo che è molto più di un semplice << tubo >> di collegamento: protegge in modo attivo il feto e ne modella lo sviluppo neurologico. In uno studio condotto sui topi, un gruppo di ricercatori britannici ha mostrato che quando una madre è privata del cibo la placenta entra in gioco, degradando il proprio tessuto per alimentare il cervello del feto murino. Nel frattempo, alcuni scienziati del Zilkha Neurogeneric Institute della University…

Si allunga la lista dei gruppi sanguigni.

Immagine
Biologia molecolare. Si allunga la lista dei gruppi sanguigni. Tutti hanno sentito parlare dei gruppi sanguigni AB0 e Rhesus. .Ma che dire di Duffy, Kid o Diego? Che non sono i nomi dei componenti di una “boy band”, ma quelli di alcuni dei 30 gruppi sanguigni riconosciuti dalla Società internazionale delle trasfusioni di sangue, ognuno caratterizzato dalla presenza di particolari antigeni sulla superficie dei globuli rossi. Da oggi entrano a far parte della lista anche Junior (Jr) e Langereis (Lan), due tipi di sangue già noti da qualche decina d'anni ma di cui non si conosceva il profilo molecolare. Lo hanno ricostruito due èquipe di ricerca che, come descritto negli studi pubblicati su << Nature Genetics >>, hanno identificato i geni codificanti le due proteine che caratterizzano questi due gruppi sanguigni, rispettivamente ABCG2 e ABCB6. <<Abbiamo sempre pensato che le proteine qualificanti i gruppi sanguigni fossero 30 spiga Bryan Ballif, un ricercatore…

Il matusalemme degli esseri viventi.

Immagine
Biologia. Il matusalemme degli esseri viventi. Posidonia oceanica, una pianta molto comune nelle acque del Mediterraneo, a dispetto del nome, è l'organismo vivente più vecchio del pianeta. Lo dimostra uno studio, che ha coinvolto centri di ricerca spagnoli, francesi, portoghesi e australiani. Basato sul sequenziamento del DNA del vegetale e su misurazioni indirette della velocità di colonizzazione dei fondali marini, lo studio fa risalire l'origine di queste piante marine a un periodo stimato tra 80.000 e 200.000 anni fa. Questa datazione tiene conto di una parentesi trascorsa in parte fuori dell'acqua, nel corso dell'ultima glaciazione, quando il livello del mare era 100 metri più basso di quello attuale. Posidonia oceanica può raggiungere dimensioni considerevoli, riproducendosi per clonazione. Per esempio, la prateria di Posidonia oceanica oggetto della ricerca, che si trova al largo dell'isola di Formentera, si estende per 15 chilometri e ha un peso pari a…

Magnetosfera: l'accelerazione degli elettroni.

Immagine
Astronomia.Magnetosfera: l'accelerazione degli elettroni.Grazie a una massiccia simulazione numerica, un gruppo di astronomi è riuscito a spiegare il meccanismo con cui gli elettroni del vento solare, una volta arrivati alla coda magnetica terrestre, possono rimbalzare e tornare indietro ad altissima velocità verso la Terra. Per undici giorni Jan Egedal, del Massachusetts Institute of Technology, e collaboratori hanno sfruttato 25.000 dei 112.000 processori del supercomputer Kraken, presso l'Oak Ridge National Laboratory, in Tennessee, per seguire la dinamica di un plasma composto da 180 miliardi di particelle cariche in un evento completo di riconnessione di linee di campo magnetico. Il risultato della simulazione, descritto su << Nature Physics >>, dimostra che una regione della coda magnetica terrestre dove si verificano riconnessioni magnetiche la regione allungata della magnetosfera terrestre in direzione opposta al Sole può essere estesa 1000 volte quant…

Napoleone e l'Europa.

Immagine
Napoleone e l'Europa.Il consolato: stabilità interna e pacificazione internazionale.Successi militari e potere politico. Il successo di Napoleone Bonaparte nella conquista del potere poggiava su un elemento di fondo: il ruolo dell'esercito nella vicenda rivoluzionaria. Dei dieci anni fra l'89 e il '99, sette erano stati anni di guerra. Dal momento in cui il popolo francese si era identificato con la nazione in armi e questa identificazione era divenuta uno degli elementi portanti della mobilitazione politica, il controllo dell'esercito e delle sue possibilità di vittoria divenne la fonte principale del potere e la garanzia di una stabilizzazione delle conquiste rivoluzionarie. Napoleone rimarrà indissolubilmente legato ai successi militari e alla necessità di rinnovarli. Ma proprio il dominio francese sull'Europa susciterà per contrasto l'emergere di forze nazionali che decideranno il crollo dell'Impero Napoleonico.
La Costituzione dell'anno VIII…

La storia dell'America.

Immagine
La storia dell'America. Il contrasto con l'Inghilterra.La dipendenza economica dalla madrepatria.
Nel complesso, l'economia delle colonie era strettamente integrata con quella della madrepatria, che si riservava almeno in teoria il “monopolio sui commerci” da e per le provincie d'oltremare. Solo le navi inglesi potevano accedere ai porti del Nord America e tutte le merci dirette alle colonie dovevano passare per la Gran Bretagna. La quasi totalità della produzione coloniale (il tabacco e il riso del Sud, il legname della Nuova Inghilterra, il pesce e l'olio di balena, il rhum e le pellicce) era destinata ai mercati britannici; mentre l'industria locale, salvo quella cantieristica, era ostacolata per evitare che entrasse in concorrenza con quella della madrepatria.
L'autogoverno delle colonie. A questa stretta dipendenza economica peraltro attenuata dallo sviluppo di un fiorente “commercio clandestino” soprattutto con i Caraibi faceva riscontro una notevole…

Una chiavetta anti malware con Windows Defender

Immagine
Una chiavetta anti malware con Windows Defender
I tool anti malware prodotti da Microsoft sono molto migliorati nel corso degli anni;oggi sono in grado di fronteggiare e di risolvere la maggior parte delle minacce e delle infezioni. Quando il sistema è ormai compromesso,l'installazione di un programma antivirus è un operazione difficoltosa e ricca di incognite;inoltre,più tempo si lascia al malware di agire,maggiori sono le probabilità che danneggi il contenuto del computer in maniera irreparabile. Microsoft ha realizzato una versione offline di Windows Defender,che permette di creare una chiavetta di recupero con cui avviare il computer e tentare di risolvere il problema. Per prima cosa,scaricate il tool da: http://windows.microsoft.com/it-IT/windows/what-is-windows-defender – offline,quindi avviate l'installazione e seguite i passi della procedura guidata di setup. Dopo aver risposto positivamente alla schermata di conferma del Controllo Account Utente,si apri…

Salvare in locale i video di You Tube.

Immagine
Salvare in locale i video di You Tube.

You Tube è una fonte inesauribile di filmati utili,divertenti e istruttivi. Si possono trovare le esecuzioni di grandi musicisti,i momenti più belli di tantissimi film,ma anche inchieste,filmati di attualità e moltissimo altro ancora. Purtroppo You Tube non permette di scaricare video in locale,opzione che invece sarebbe molto comoda per poterli trasferire su un device portatile o per vederli anche quando non è disponibile un accesso a Internet. Esistono però svariate soluzioni che consentono di memorizzare permanentemente un video di You Tube. Molto semplici da usare sono le estensioni per i browser,come Fastes Tube,che è disponibile per Chrome,Opera,Safari,Firefox e Internet Explorer:questo semplice add-on aggiunge alla pagina di You Tube un menù a discesa in cui si può scegliere il formato e la risoluzione del video da scaricare. Nel caso di Google Chrome la procedura è questa:visitate il sito Internet http://fastesttube.kwizz…

Quanto sono robuste le mie password?

Immagine
Quanto sono robuste le mie password?
I servizi online crescono in numero e utilità ogni giorno:oggi è possibile utilizzare il Web per eseguire operazioni bancarie,acquistare merci e servizi,accedere a documenti riservati relativi alla propria professione o addirittura richiedere certificati,bollette e molto altro ancora. L'accesso a tutti questi servizi è regolato da credenziali e password,un fastidio necessario che molti utenti cercano di limitare senza rendersi conto dei pericoli. Quasi nessuno,per esempio, segue la regola di buon senso che prevede password univoche per ciascun servizio:quando un accesso viene compromesso,la falla si apre anche in tutti quelli protetti dalla stessa parola chiave. Per evitare questo rischio si può utilizzare un software come l'eccellente LastPass (www.lastpass.com),che integra anche strumenti di auditing utili per risolvere problemi simili. Il software si installa come estensione del browser per Internet Explorer,Firefox e Chrome;sul�…

Linux e Android nuovo amore.

Immagine
Linux e Android nuovo amore. Correva l'anno 2009 che tra Linux e Android si consumava un divorzio annunciato, visto i disaccordi tra gli sviluppatori di questi due grandi progetti. Quindi ognuno per la sua strada e, di strada in questi anni ne hanno fatta e, tanta entrambi. A volte capita che prendendo direzioni diverse si finisce per incontrarsi ancora. È quanto sta succedendo in questo periodo, in concomitanza con l'uscita del nuovo Kernel di Linux., che come tanti di noi sanno reintroduce il supporto per Android. Le conseguenze per noi utenti sono immediate e di tutto rispetto, che come già potremo intuire troveremo nella repository di Linux il codice derivante del progetto Android. Ma i vantaggi più evidenti li vedremo sopratutto con i numerosi pacchetti animati del sistema operativo marcato Google sempre più numerosi. Comunque, i vantaggi non riguardano solo l'utenza Linux in generale e quella di Ubuntu, visto che è stato il primo sistema operativo a riconoscere l'…

La tua musica a costo zero.

Immagine
La tua musica a costo zero. I tuoi album e la tua musica con YOUTUBE in un solo clic a costo zero, ma vediamo come fare in pochi e semplici passaggi. Cominciamo con lo scaricare il software che ci consentirà di poter acquisire e convertire tutta la nostra musica [video compreso] da YOUTUBE, in maniera legale e sicura, colleghiamoci al seguente indirizzo web: www.freemake.com/it Dopo i film completi, su YouTube è scoppiata la moda degli album musicali. Basta infatti, inserire la parola: “ full album” nel campo di ricerca del Tubo per vedere comparire una lunga lista di album di alta qualità. E con Freemake Video Converter è possibile convertirli al volo in MP3. Ci basterà avviare il software, copiare il Link del video di YouTube [quello nella barra degli indirizzi], cliccare col destro nell'interfaccia e scegliere Incolla. A questo punto clicchiamo sull'icona MP3 in basso nella finestra che appare , clicchiamo Converti. Nel percorso indicato in Salva in troveremo MP3: usi…

Creiamo il nostro video-messaggio.

Immagine
Creiamo il nostro video-messaggio. Ormai l'era digitale entrando di prepotenza nella nostra vita ci ha condizionato anche nel modo di scrivere, prima con l'avvento dei messaggini [ SMS ] , senza poi parlare di chat e dei tantissimi Social Network, oggi è di gran moda inviare le video cartoline, con testi personalizzati e naturalmente con i nostri filmati preferiti, ma vediamo come fare. Colleghiamoci al seguente indirizzo Web : www.movavi.com Scarichiamo il programma, installiamolo accettando le varie condizioni d'uso, una volta terminata l'operazione clic su Finish. Andiamo adesso a vedere il suo funzionamento. Passo primo. Sfondi tematici. Il software si avvia automaticamente [se al passo precedente abbiamo tolto la spunta: Launch Movavi ViedoMessage, usa l'icona del Desktop]: nel quadro a destra, che contiene ben 26 sfondi tematici riferiti alle varie occasioni di vario genere , scegliamone uno con un semplice clic del mouse. Passo secondo. Ci serve…

La rivoluzione francese.

Immagine
La rivoluzione francese.
Crisi e mobilitazione politica. La rivoluzione francese trasformò il sistema di potere, i contenuti e i metodi della politica non solo in Francia, ma in tutta l'Europa continentale. Fu una trasformazione radicale, profonda: mescolò sangue e violenza, passioni civili e immaginazione politica. Inventò e propagandò nuovi miti. Nulla nella storia della civiltà occidentale può a maggior titolo rivendicare il nome di rivoluzione.
Le radici della rivoluzione. La rivoluzione scoppiata nel 1789 affondava le sue radici nella lunga crisi attraversata dalla Francia nel XVIII secolo. Dalla morte di Luigi XVI (1715), l'assolutismo si era indebolito senza riuscire a riformarsi; monarchia e ceti privilegiati si confrontavano senza che l'uno e gli altri riuscissero a prevalere. La dinamica politica appariva soffocata, nonostante una vivacità del dibattito culturale e una partecipazione delle èlites colte che non aveva eguali nel resto d'Europa. Fra i tanti pro…

La guerra di successione spagnola.

Immagine
La guerra di successione spagnola. E il nuovo assetto italiano.
Il progetto di spartizione dell'Impero spagnolo. Dopo la guerra combattuta dalla Francia contro la Lega d'Augusta (Spagna, Impero, Olanda e, successivamente, Inghilterra), guerra causata dall'espansionismo di Luigi XVI e persa dalla Francia che dovette restituire i territori occupati in Lorena e Alsazia, un conflitto di ben più vasta portata era destinato ad aprirsi in relazione al problema della “successione spagnola”. Carlo II d'Asburgo-Spagna, non ancora quarantenne, era in pessime condizioni di salute e non aveva eredi. Nel 1698 Olanda, Inghilterra e Francia, prevedendone la morte imminente, trovarono un accordo sulla spartizione del grande Impero spagnolo tra i possibili eredi, figli o nipoti delle due sorellastre del re di Spagna (Maria Teresa sposa di Luigi XIV e Margherita Teresa sposa dell'imperatore Leopoldo I): Nel 1700, alla morte di Carlo II, Luigi XVI scoprì con sorpresa che il nipote …

La colonizzazione Americana.

Immagine
La colonizzazione Americana.
I fattori della colonizzazione.La colonizzazione inglese del Nord America si era svolta in tempi piuttosto lenti, fra l'inizio del '600 e la metà del'700; ed era stata il risultato non tanto di un piano di conquista preordinato, quanto della somma di una serie di azioni e di spinte diverse: l'iniziativa di alcune “compagnie commerciali” o di singoli grandi proprietari o speculatori si sommò a una consistente emigrazione dalla Gran Bretagna, e da altri paesi europei, di “minoranze politiche e religiose”. Sia le iniziative economiche sia i movimenti migratori furono incoraggiati o assecondati dalla corona britannica, allo scopo precipuo di contrastare o di controbilanciare la presenza sul continente delle altre potenze coloniali: in particolare della Francia e della Spagna. Formatesi in tempi e in circostanze diversi, abitate da popolazioni tutt'altro che omogenee per religione e etnia, le colonie del Nord America differivano profondamente…

Storia. La nascita degli Stati Uniti.

Immagine
Storia. La nascita degli Stati Uniti.
L'età delle rivoluzioni borghesi. La guerra di indipendenza che, fra il 1775 e il 1783, oppose alla madrepatria tredici colonie inglesi del Nord America e che avrebbe portato alla formazione degli Stati Uniti rappresenta, per molti motivi,uno degli episodi capitali nella storia del mondo moderno. La rivoluzione americana fu infatti il primo esempio di lotta di liberazione condotta vittoriosamente da un paese extraeuropeo (per quanto abitato da una popolazione in gran parte di origine europea) contro una potenza del Vecchio Continente; segnò la nascita di un nuovo organismo statale destinato a svolgere un ruolo da protagonista nel mondo contemporaneo; aprì infine una stagione di grandi rivolgimenti politici l'età delle rivoluzioni liberali e democratiche, o delle << rivoluzioni borghesi >> da cui sarebbero usciti gli ordinamenti che in gran parte reggono ancora le democrazie moderne. Da quest'ultimo punto di vista, la guerra d…

La rivoluzione industriale.

Immagine
La rivoluzione industriale.
Dall'economia agricolo-artigianale al sistema di fabbrica. Con una serie di profondi mutamenti nelle forme di produzione prese avvio in Inghilterra, tra la fine del XVIII e gli inizi del XIX secolo, la << rivoluzione industriale >>. Il termine rivoluzione non deve tuttavia suggerire la repentinità del cambiamento quanto piuttosto indicare il suo carattere irreversibile e radicale. In un arco di tempo relativamente breve un assetto economico sociale stabile e sostanzialmente stagnante fu sostituito da una fase di sviluppo economico senza precedenti, caratterizzata da una crescita gradualmente accelerata, non più sottoposta ai limiti imposti dalla pressione demografica. Il passaggio da una economia agricolo-artigianale a una economia industriale, fondata sulla fabbrica, si affermò in tempi successivi e con differenti modalità anche nel continente europeo, avviando quella trasformazione dell'organizzazione sociale, dei sistemi politici, de…

Windows con Folderico personalizza le tue cartelle.

Immagine
Windows con Folderico personalizza le tue cartelle. Gli utenti Mac conoscono perfettamente la funzione che permette di cambiare colore ad ogni singola cartella, per rendere immediatamente riconoscibile ciascun elemento del file system . Il vantaggio è evidente, basta un colpo d'occhio per sapere dove trascinare il documento, oppure dove si trova un file cercato. Per ottenere lo stesso risultato anche su Windows possiamo utilizzare: Folderico, un programma gratuito scaricabile dal seguente indirizzo: http://eng.softq.org/ Dopo avere scaricato e installato il software, avviatelo con un doppio clic sull'icona; come primo passo selezioniamo la scheda Language , nella barra in alto, e , cambiate la lingua, scegliendo Italiano con un doppio clic nell'elemento corrispondente . Dopo avere chiuso il programma [ operazione che si rende necessaria affinché l'interfaccia venga localizzata], facciamo clic col destro su qualsiasi cartella selezionando la voce Folderico, nel menu cont…

Ripristino di un pendrive Usb.

Immagine
Ripristino di un pendrive Usb. Molti produttori di pendrive Usb mettono a disposizione utilità specifiche che sono in grado di accedere a basso livello alla struttura a blocchi delle memorie flash per riparane i danni. In questo caso analizzando una marca di questi ben noti dispositivi come: Verbatin, andiamo poi a controllare che la suddetta non rilascia al pubblico alcun software di supporto, andando a complicare la vita ai suoi clienti. Possiamo tentare il recupero con un software di cancellazione totale dei dati come: Disk Wipe [scaricabile gratuitamente ] al seguente indirizzo Web: www.diskwipe.org Questo programma è stato sviluppato per analizzare i blocchi delle memorie di massa . Una volta completato il procedimento , si deve scollegare in modo sicuro il pendrive prima di ricollegarlo al Computer e riformattarlo . Se questa operazione non producesse l'effetto desiderato , si dovrebbe eseguire la formattazione a basso livello con l'utility gratuita : Hdd Llf [Low Level F…

Ripristinare la raccolta documenti [Windows].

Immagine
Ripristinare la raccolta documenti [Windows]. Se per sbaglio abbiamo cancellato la Cartella Documenti che si trova nelle Raccolte di EsploraRisorse non disperiamo con pochi clic rimettiamo tutto a posto. Passo primo. Eseguire Esplora risorse e selezionare Raccolte. Passo secondo. Nella barra del menu, facciamo clic su Nuova raccolta e diamogli il nome di: Documenti. Passo terso. Fare doppio clic per aprirla e premere il pulsante Includi una Cartella. Passo quarto. Selezionare le Cartelle: C\Utenti [nome utente] e C\Utenti\Pubblica\Documenti pubblici. Passo quinto. Per aggiungere altre cartelle in un momento successivo, selezionare la nuova raccolta col tasto destro del mouse, fare clic su: Proprietà. Nel riquadro Percorsi della raccolta premere il pulsante Includi una cartella e indicare i folder da includere.
Questa procedura è valida per creare qualunque altro contenitore di documenti a File. Un collegamento sulla scrivania permetterà di velocizzare ulteriormente l'accesso ai …

Partenza ritardata per velocizzare il boot.

Immagine
Partenza ritardata per velocizzare il boot. Sulla maggior parte dei PC, quando si accede al sistema operativo partono automaticamente moltissimi processi. Questi caricamenti rallentano l'avvio, costringendo l'utente ad attendere molti secondi che il Sistema risponda in maniera immediata ai suoi comandi. Alcuni di questi programmi non sono indispensabili e non c'è bisogno di avviarli automaticamente, altri invece svolgono una funzione utile ma non è necessario attivarli immediatamente. Per velocizzare la fase di avvio del sistema operativo si può quindi ricorrere a: My Startup Delayer, un software gratuito che non richiede neppure l'installazione e permette di ritardare selettivamente l'avvio dei programmi ad esecuzione automatica [e disabilitare quelli ritenuti non necessari]. Dopo avere scaricato l'archivio compresso dal sito: www.myportablesoftware.com/mystarupdelayer.asp scompattiamolo e avviamo l'eseguibile : My_Startup_Delayer.exe con diritti…

Formato Wps e le sue compatibilità.

Immagine
Formato Wps e le sue compatibilità. Ancora oggi siamo a parlare di questa estensione:Wps utilizzata da tempo da diversi software. Se andiamo bene a verificare alcuni di noi sul proprio Computer ha ancora installato la versione per ufficio di: Microsoft Works, versione che in passato era preinstallata come già accennato su innumerevoli PC. La diffusione di Works è molto calata da quando Suite d'ufficio come ; OpenOffice, e , LibreOffice sono disponibili per il download a costo zero [entrambe ottime]. Tutti gli applicativi di Microsoft Office sono in grado di accedere normalmente a i documenti di Works, se a volte non è possibile aprire il file desiderato è perché risulta mancante l'associazione tra l'estensione Wps e il rispettivo programma. Se invece usiamo Word di Microsoft, è sufficiente lanciare il programma , entrare nel menu File , selezionare la voce Apri , scorrere il selettore del tipo di file e impostare l'opzione :Tutti i File, quindi navigare nelle cartelle …

DECORAZIONI ARTISTICHE - crea con Inkscape -

Immagine
DECORAZIONI ARTISTICHE
Come tutti i programmi per la grafica vettoriale anche Inkscape possiede strumenti che permettono di tracciare linee a mano libera,ma è l'unico a prevedere un tipo di linea particolare chiamata “spiro”. In sostanza si tratta di una linea curva formata da tanti archi di cerchio,ben raccordati uno all'altro in modo da formare curve sinuose,senza passaggi bruschi. Le spiro si prestano molto bene per creare velocemente disegni complessi dall'aspetto organico,quasi frattale. Per creare una linea di questo tipo attiviamo lo strumento Penna (l'undicesima icona nella colonna di sinistra),si seleziona la modalità spiro (secondo tasto a destra della scritta Modalità:nella barra delle opzioni in alto) e nel menu a tendina Forma:si sceglie la voce Triangolo crescente. Ora disegniamo la linea nell'area di lavoro,avendo cura di tracciare segmenti curvi:per ogni vertice facciamo clic e trasciniamo il mouse con il tasto sinistro premuto,in …

UNA SFERA REALISTICA - creare con Inkscape -

Immagine
UNA SFERA REALISTICA
Per creare una sfera dall'aspetto realistico,quindi con ombreggiature ai bordi,un colpo di luce e un ombra proiettata sul piano di appoggio,tracciano un cerchio tenendo premuti i tasti Control e Shift (in modo che la sagoma sia circolare e centrata sul punto del clic iniziale). Subito dopo scegliamo il colore di riempimento,selezionandolo nella palette alla base dell'interfaccia. Di default,le forme in Inkscape hanno un bordo,che in questo caso va eliminato:facciamo clic sul riquadro colorato in basso a sinistra,di fianco alla scritta “Contorno”;questa operazione fa apparire sulla destra il pannello “Riempimento e contorni”,in cui si seleziona la X (ossia Nessun colore). Per avere la massima libertà d'azione conviene creare l'ombreggiatura dei bordi su un nuovo livello. Con Livello/Livelli...apriamo la palette di gestione dei layer,facciamo clic sul tasto con simbolo + e assegniamo il nome preferito al nuovo livello. Copiamo il cerchi…