Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2013

La Biologia e la varietà della vita.

Immagine
La Biologia e la varietà della vita.Nonostante tutti gli esseri viventi abbiano in comune queste caratteristiche generali,l'evoluzione ha prodotto una stupefacente varietà di forme di vita. La classificazione e le strutture degli organismi saranno analizzate a fondo,ma pensando che non tutti gli organismi,di cui spesso si sente parlare,e sono familiari,vengono proposti nelle descrizioni le principali categorie e moltissime raffigurazioni, rappresentanti I cinque regni dei viventi . Gli organismi viventi sono raggruppati in cinque regni:Monera,Protista,Fungi,Plantae e Animalia. Anche se i biologi sono convinti che i raggruppamenti rispecchino relazioni evolutive tra organismi,occorre classificare gli esseri viventi in base alle caratteristiche che possono essere viste e misurate. Non esiste dunque,un criterio base,per definire i regni che tuttavia,non comporti delle eccezioni;tuttavia,tre elementi si rivelano di particolare utilità:il tipo cellulare,il numero di cellule presenti in cias…

L'Evoluzione,il concetto unificante della biologia.

Immagine
L'Evoluzione,il concetto unificante della biologia.L'idea centrale della biologia è l'evoluzione:la teoria che gli organismi attuali derivino,per modificazioni successive, da forme di vita preesistenti,è riassunta nelle parole di Theodosius Dobzhansky:”Nulla ha senso in biologia, se non è visto alla luce dell'evoluzione”. Perché i serpenti non hanno zampe? Perché abbondano i fossili di dinosauri,ma non se ne trova pure un esemplare vivente? Perché le scimmie sono simili a noi,non soltanto nell'aspetto ma anche nella struttura di geni e proteine? Le risposte a questi interrogativi,e a migliaia di altri,vanno ricercate nei meccanismi dell'evoluzione. Ma l'importanza dell'evoluzione per capire la biologia è tale che, prima di procedere oltre,è bene sintetizzarne i concetti principali. I Meccanismi dell'evoluzione. Attorno alla metà del XIX secolo due naturalisti inglesi,Charles Darwin e Alfred Russel Wallace,formularono quella teoria evoluzionistica che a…

L'Egitto e le sue piramidi.

Immagine
L'Egitto e le sue piramidi.Il passaggio da un'impostazione arcaica a una struttura razionale muove dal complesso funerario di Gioser e si completa,dopo una fase di transizione (piramidi di Meydum e di Dahshur),con la piramide di Cheope, di proporzioni regolari. Con Gioser la tomba reale viene per la prima volta differenziata da quella dei funzionari. Alla primitiva mastaba l'architetto Imhotep adattò una nuova sovrastruttura composta da più mastabe sovrapposte. Nacque così una piramide a gradoni. Intorno furono costruiti vari edifici che riproducevano,in pietra,quelli più antichi di canne, legno e mattoni crudi ove avvenivano le cerimonie del culto. Sotto la piramide fu sviluppata una rete di ambienti e corridoi con la cripta e l'intero complesso fu circondato da un muro di cinta. Il tutto,per la prima volta,con l'intervento di massicce forze di lavoro e di manodopera specializzata. Il monumento tipico dell'età menfita è la piramide, la quale mostra concezioni pec…

In più,la tecnica dell'imbalsamazione.

Immagine
In più,la tecnica dell'imbalsamazione.E' stato accertato che a grandi linee la tecnica dell'imbalsamazione non si discostava di molto da questo descritto da Erodoto (Le Storie). Premesso che in Egitto esistevano tre tipi di imbalsamazione,di diverso prezzo,egli descrive la tecnica più costosa: prima di tutto con un ferro adunco estraggono dalle narici il cervello;o meglio parte ne estraggono e parte ne liquefanno per mezzo di certe droghe. Indi,con pietra etiopica acuta,fanno un'incisione lungo l'addome ed estraggono tutti i visceri;poi purificano la cavità. Finalmente,riempito il ventre...di ogni sorta di aromi...lo ricuciscono. Ciò fatto,impregnano il cadavere di sale alcalino tenendolo immerso per 70 giorni;trascorsi i quali lo lavavano e lo avviluppano tutto in fasce tagliate da un lenzuolo di bisso (spalmato di una gomma collosa) . Così lo ricevono i parenti.

In più,gli scribi. [Egizi]

Immagine
In più,gli scribi. “Ecco,non esiste un mestiere senza che qualcuno dia ordini,eccetto quello di scriba,perché è lui che da ordini”. Così viene definita la professione o meglio il potere dello scriba in un testo del Medio Regno, destinato alla propaganda reale per il reclutamento dei giovani alla carriera amministrativa dello Stato da poco ricostituito. Durante l'Antico Regno la professione di scriba era appannaggio dei membri della famiglia reale che venivano istruiti a corte. Più tardi questa ambita carriera era aperta a tutti e la scuola che preparava i futuri funzionari era organizzata presso i templi o i centri di formazione dell'amministrazione. Si ha notizia di un semplice disegnatore delle maestranze di Deir el-Medina che via via riuscì a salire la scala gerarchica di questa professione sino a diventare scriba del tesoro e soltanto la morte non gli permise di diventar visir. L'insegnamento incominciava verso i cinque anni di età e durava circa dodici anni,se dobbiamo pre…

Gnu Linux nel router.

Immagine
Gnu Linux nel router.Assumiamo il controllo completo del nostro router installandoci dentro la distro “free” OpenWRT, e sfruttiamo tutte le potenzialità di questi strumenti spesso nascoste agli utenti.
Dentro il router Alice. Per quanto riguarda il Pirelli Gate 2 Plus Wi-Fi distribuito da Telecom Italia, sul sito di OpenWRT è presente la pagina http://wiki.openwrt.org/toh/pirelli/agpf, al suo interno viene descritta una procedura per il backup del firmware originale (rimettere sul router qualora avessimo dei problemi). Il dispositivo è perfettamente supportato, anche grazie al lavoro dalla community Ninux( http://wiki.ninux.org/Hackalice-gate). Il router dispone di un processore Broadcom 6358, 16 MB di memoria Flash e 32 MB di RAM: cifre di tutto rispetto per un router. Anche la sua scheda di rete Wi-Fi è targata Broadcom e tutto gira grazie al noto bootloader CFE. Collegando il dispositivo con un connettore USB, è possibile accedere tramite seriale, alla console del …

Focaccione di pollo e radicchio.

Immagine
Focaccione di pollo e radicchio.Ingredienti 1 rotolo di pasta sfoglia fresca 2 cespi di radicchio 200 g di petti di pollo 1 rametto di rosmarino ½ bicchiere di vino bianco 1 uovo 2 dl di panna fresca 50 g di fontina fresca olio extravergine di oliva sale e pepe
Preparazione In una casseruola rosolare il rosmarino tritato, il radicchio (ben lavato e tagliato) a strisce e il pollo (ben lavato) e tagliato a dadini. Cuocere a fuoco medio per 8-10 minuti abbondanti, versare il vino,regolare di sale e pepe.
Una volta che è evaporato tutto il vino unire la panna,e cuocere per altri 5 minuti abbondanti e, togliere poi dal fuoco.
Srotolare successivamente,la pasta sfoglia su una spianatoia lasciando la sua carta antiaderente, distribuire e sistemare le fettine di fontina al centro,formando una striscia sulla quale verrà versato il composto di radicchio e pollo.
Arrotolare la pasta formando un cilindro,tenendo a sigillare molto bene le sue estremità premendo, usando i denti di una forchetta. Spennellare la supe…

Focaccia alle verdure.

Immagine
Focaccia alle verdure.Ingredienti 600 g di pasta di pane 550 g di mozzarella 1 melanzana 2 pomodori rossi insalata (va bene anche riccia) 5 cucchiai d'olio extravergine di oliva sale e pepe
Preparazione Spuntare la melanzana,lavarla,asciugarla e tagliarla tutta a fettine;grigliarla su una bistecchiera (già calda) 1 minuto abbondante per parte. Lavare molto bene l'insalata,i pomodori e tagliarli a metà,poi,a fettine sottili. Scaldare in una padella antiaderente un filo d'olio e rosolare la melanzana con i pomodori,salare e pepare.
Lavorare molto bene la pasta e dividerla in 2 parti. Stendere il primo pezzo usando il matterello dandogli una forma rotonda,ungere bene una teglia e adagiarvi,sistemandovi il disco di pasta; affettare la mozzarella,sistemarla sulla pasta, regolando di sale e pepe,sovrapporvi le fettine di melanzana e i pomodori,terminando con la mozzarella rimasta.
Scaldare il forno a 200*. Stendere la seconda parte di pasta,bucherellare il disco con i denti di una forchett…

Come compilare OpenWRT.

Immagine
Come compilare OpenWRT. I router supportati da OpenWRT sono davvero tanti. Basta fare una ricerca sul sito del progetto cercando il nome del modello in nostro possesso e troveremo una pagina in cui vengono spiegate le tecniche da utilizzare per poter installare e configurare OpenWRT. Ma se il nostro router non fosse supportato ufficialmente, ma solo in via sperimentale, potremmo sempre decidere di compilare OpenWRT appositamente per il nostro dispositivo. La cosa è più semplice di quanto possa sembrare, l'unico problema di cui tenere conto è la necessità di quasi 2 GB di spazio libero, diverse ore di tempo e una connessione Internet funzionante per tutto il tempo della compilazione. Per compilare OpenWRT da zero, è sufficiente eseguire i seguenti comandi: svn co svn://svn.openwrt.org/openwrt/trunk openwrt-trunk, cd openwrt-trunk, make menuconfig. Questo ci mostrerà le varie possibilità di configurazione: è assolutamente necessario stabilire il tipo di target…

Altri accenni su Galileo Galilei.

Immagine
Altri accenni su Galileo Galilei. Venezia e il cannocchiale. È a Venezia che Galileo ha presentato il cannocchiale, lo strumento destinato a rivoluzionare tutta l'astronomia e la fisica fornendo le prove visibili dell'universo descritto da Copernico. Nel 1610 Venezia è un centro intellettuale prestigioso le cui magnificenza, raffinatezza e grazia nelle arti del Rinascimento hanno creato un quadro ideale per la vita di artisti e di studiosi. Non è però a Venezia che Galileo ha abitato per la maggior parte del tempo; per lui, Venezia fu un luogo di passaggio, oltre che la città in cui fu accolto trionfalmente dalla Repubblica, al Palazzo Ducale. Per ricordare questo avvenimento sono stati riuniti qui, sulla terrazza della cattedrale di San Marco, alcuni degli strumenti inventati da Galileo, compreso, naturalmente, un cannocchiale. Il leone alato di San Marco, simbolo della repubblica veneziana, si erge su una colonna di fronte al Palazzo Ducale. Sullo sfondo, dietro il leo…