Il periodo di Francesco Stefano


Il periodo di Francesco Stefano

Dunque a seguito degli accordi definiti in sede internazionale,
la casa dei Lorena assumeva fin dal luglio del 1737 il
dominio della Toscana:il 12 luglio di quell'anno il Senato
toscano esprimeva il suo giuramento di fedeltà al nuovo
principato,essendone ricevitore ufficiale il rappresentante
del principe Francesco Stefano,Marco di Beauveau
principe di Craon. Francesco Stefano non poté subito
intervenire in Toscana,poiché dovette trattenersi alquanto
a Vienn,a contatto con la corte imperiale,proprio ai fini
di concretare le linee politiche delle direttive del nuovo
Stato prossimo ad entrare nell'orbita della potenza
imperiale asburgica. E' un fatto che tuttavia l'orientamento
della nuova dinastia si muoveva esplicitamente sul
piano della successione medicea:lo prova l'assunzione
del nome di Francesco II da parte del principe lorenese.
E quando,nel gennaio del 1739,Francesco Stefano di
Lorena,il futuro Francesco I prese stanza,sia pur
provvisoria,in Toscana,l'incontro e il contatto successivo
sia con l'elemento dirigente che con quello popolare
risultò abbastanza facile. La sosta fiorentina di Francesco
non durò che pochi mesi,dal gennaio all'aprile del 1739;
ma fu assai impegnativa. Impegnativa sopratutto
nell'assunzione di un preciso programmma di
restaurazione di tutto il quadro amministrativo
regionale,fortemente compromesso dalla gestione
incerta e deficitaria dell'ultima stagione medicea.
Avvalendosi anche dell'opera di collaboratori di
indubbia qualità,i suoi aiutanti principe di Craon
e conte di Richecourt,l'iniziativa lorenese avviò
la revisione dell'apparato amministrativo dello Stato,
indicando le linee maestre per il risanamento delle
finanze pubbliche,il rilancio dell'agricoltura,della
piccola e media industria e del commercio.
E già convine rilevare come intorno al 1740
la situazione generale della regione accennasse i
primi miglioramenti. Occorre però osservare che
il governo effettivo della Toscana fu esercitato in
forma vicaria assai più dei rappresentanti dei Lorena
che dalle autorità locali,regionali e subregionali.
Quando,infatti,nella primavera del 1739,Francesco
Stefano partiva da Firenze,se ne distaccò per non
farvi più ritorno. Alla morte infatti dell'imperatore
Carlo VI (nel 1740) la successione passava
alla figlia del monarca,la famosa imperatrice
Maria Teresa,la quale nominò il marito Francesco
Stefano correggente dei paesi ereditari dell'Impero.
E nel 1745 Francesco Stefano ricevette addirittura
la corona imperiale.
 

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.

Com'è fatta un'automobile.