Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2014

Google → Chromium supporta MIR.

Immagine
Google → Chromium supporta MIR. Lentamente, ma inesorabilmente, il progetto del Server grafico MIR
sta prendendo forma e sta attirando l'interesse di produttori di terze
parti come Google. A dirla tutta questa volta si tratta ben più che di
semplice interesse, poiché è stata realizzata una versione di Chromium
perfettamente funzionante su MIR. I risultati positivi sono dovuti a
diversi fattori, come l'ottimo supporto per OpenGL del programma di
navigazione Internet open source. Nonostante ci sia ancora molto lavoro
da fare per ottenere una perfetta stabilità, con questo passo, Chromium si
candida seriamente a sostituire Firefox come programma di navigazione predefinito
in una delle prossime versioni di Ubuntu con Unity 8. Tuttavia Mozzilla non
se ne sta con le mani in mano e, tra non molto, anche Firefox dovrebbe
essere in grado di supportare MIR.

Ubuntu - APTIK salva e ripristina i tuoi dati.

Immagine
Ubuntu - APTIK salva e ripristina i tuoi dati.
Con APTIK possiamo fare backup e ripristini degli elementi che abbiamo salvato
selezionandoli nella schermata corrispondente all'argomento. Naturalmente
troviamo  nel Software Center di Ubuntu tantissimi programmi molto
validi per questo tipo di lavoro, ma personalmente vi consiglio proprio: APTIK, con
pochissimi passaggi da Terminale lo installeremo e avremo il Top sul nostro Sistema
Operativo.

1→ Un nuovo repository come prima cosa.
Apriamo il Terminale e scriviamo la riga di comando:
sudo apt-add-repository ppa:teejee2008/ppa -y.
Premiamo INVIO e inseriamo la nostra Password di Amministratore.

2→ Aggiorniamo e installiamo Aptik.
Sempre nel Terminale scriviamo: sudo apt-get update e premiamo INVIO.
Al termine dell'aggiornamento, scriviamo: sudo apt-get install aptik e
naturalmente premiamo INVIO. Quando richiesto, digitiamo S e premiamo
ancora INVIO.

3→ Avviamo Aptik per la prima volta.
Nella Dash, apriamo la Lens Applicazioni e…

Gimp → Creiamo un disegno per la nostra maglietta.

Immagine
Gimp → Creiamo un disegno per la nostra maglietta.

1 → Disegnare per la stampa
Molti siti che stampano su ordinazione, com Zazzle e CafePress, offrono
sia il sito americano sia il sito europeo per ridurre i costi di spedizione.
L’abbigliamento è il tipo di prodotto più comune, ma cercate le alternative
quali tazze, bottiglie e scatole. Scegliete un sito che offre il tipo di prodotto
su cui volete stampare e fornisce i modelli per assistervi nel dare
la dimensione alle vostre immagini. Zazzle e CafePress possono essere
costosi, perciò cercate i siti con prezzi scontati come Printfection.com
e stampatori specializzati come DeckPeck.com.

2 → Fonti di immagini vettoriali
I disegni per la stampa non devono essere fatti completamente da zero.
Usate le foto d’archivio o integrate alcune immagini vettoriali libere
disponibili su siti come Vecteezy, Bazaar Designs e Vector Jungle.
Assicuratevi di controllare le licenze delle opere scaricate se avete
intenzione di vendere i vostri prodotti. GIMP

Localizzazione in italiano.

Immagine
Localizzazione in italiano.

WordPress è disponibile anche in lingua italiana; installare
la localizzazione italiana nell'installazione BitNami
(che installa solo la lingua inglese) è una procedura
abbastanza semplice, ecco cosa bisogna fare:
per prima cosa è necessario procurarsi i file per la
localizzazione (attualmente disponibili a questo indirizzo:
www.wordpress-it.it/download/81/). A questo punto
aprite un Terminale, andate nella cartella /wp-content
(per l’installazione BitNami WordPress Stack, la cartella
è <cartella di installazione di WordPress>/apps/
wordpress/htdocs/wp-content/) e create una nuova
cartella chiamata languages, copiate i file scaricati
e decomprimeteli all’interno di questa cartella;
ora è necessario modifi care con un editor di testo
il file wp-confi g.php che si trova all’interno della directory
principale di WordPress (es: <cartella di installazione
di WordPress>/apps/wordpress/htdocs/). Alla riga 72
sarà presente la voce define (‘WPLANG’…

Ubuntu - Convertiamo tutti i nostri File.

Immagine
Ubuntu - Convertiamo tutti i nostri File. Se desideriamo usare una sola applicazione per convertire quasi
ogni tipo di file, possiamo ricorrere a un programma come: Format Junkie.
Per installare questo programma avviamo il Terminale e, se usiamo
Ubuntu a 32 bit, scriviamo la riga di comando:
wget https://dl.dropboxusercontent.com/u/209784349/mix/formatjunkie_1.07-1_i386.deb.
Se invece il nostro Ubuntu funziona a 64 bit scriveremo:
wget https://dl.dropboxusercontent.com/u/209784349/mix/formatjunkie_1.07-1_amd64.deb.
In entrambi i casi, procediamo scrivendo il comando:
sudo dpkg -i formatjunkie_1.07-1*.deb e premiamo INVIO, e scriviamo per avviare l'installazione del
programma: sudo apt-get -f install.

Ubuntu - Proteggiamo la Batteria.

Immagine
Ubuntu - Proteggiamo la Batteria. Per chi usa Ubuntu con un portatile, la batteria è un elemento nevralgico. Quindi per
allungarle la vita ed evitare surriscaldamenti, usiamo TLP, un'applicazione che agisce
in background, cioè senza che noi ce ne accorgiamo. Per installarla dobbiamo scrivere
quattro righe di comando da Terminale, premendo come al solito INVIO dopo ciascuna e
rispondendo a eventuali richieste durante l'installazione. Le righe sono:
sudo add-apt-repository ppa:linrunner/tlp
sudo apt-get update
sudo apt-get install tlp tlp-rdw e infine:
sudo tlp start.

1→ Ambienti Desktop.
Anche l'ambiente desktop, cioè l'interfaccia grafica del nostro Ubuntu, è coinvolto nel
concetto di efficienza soggettiva, dato che potremo preferirne uno diverso da Unity.
Per esempio, se vogliamo installare, l'ambiente GNOME, scriviamo nel Terminale la riga:
sudo apt-get install gnome-shell ubuntu-gnome-desktop. Dopo avere premuto INVIO, scriviamo
S e confermiamo, quando richiesto. A qu…

Ubuntu - Errore interno.

Immagine
Ubuntu - Errore interno. A volte accade che, durante un'operazione, Ubuntu ci comunichi un errore
interno con una finestra, tramite la quale possiamo segnalare il problema
agli sviluppatori. Se però riteniamo inutile questo messaggio, possiamo liberarcene.
Prima di tutto apriamo il Terminale e scriviamo la riga di comando:
gksu gedit /ect/default/apport e premiamo INVIO. Nel file che viene visualizzato
cerchiamo la riga: enabled=1 e modifichiamo il valore della voce con: enabled da 1 a 0.
Poi riavviamo.

Windows - Trasferisci i tuoi dati XP sul nuovo computer.

Immagine
Windows - Trasferisci i tuoi dati XP sul nuovo computer. Come tutti sappiamo il supporto a XP è terminato, spighiamo come spostare i documenti a
un nuovo PC con Windows 8.1.

1→ Sacrichiamo il programma PC Moyer Express all'indirizzo:
www.microsoft.com/windows/en-us/xp/transfer-your-data.aspx. Finito il download, facciamo un doppio clic
sul file eseguibile per installare il programma sul computer su cui gira XP.

2→ Ci verrà richiesto a quale modalità siamo interessati. Facciamo clic su: PC to PC Transfer e
successivamente su : Next.

3→ A questo punto ci verrà richiesto su quale PC lo stiamo installando. Facciamo clic sulla prima
opzione: Windows Xp.

4→ Ora bisogna scegliere come sono connessi i due PC. La soluzione migliore è connetterli allo stesso
Router, tramite cavo Ethernet o Wi-Fi, facendo clic sulla prima opzione. In alternativa, se non siamo dotati
di una rete LAN , possiamo connetterci anche con il cavo LapLink [da acquistare] o via USB. Quest'ultima
opzione, seppure comoda…

Ubuntu - Diminuiamo lo SWAP.

Immagine
Ubuntu - Diminuiamo lo SWAP. Questa operazione è utile per computer con poca RAM e che sono costretti ad usare molto
la partizione di SWAP. Prima di tutto installiamo gksu e leafpad come indicato nel precedente
articolo. Poi controlliamo il valore di SWAP, scrivendo da Terminale il comando:
cat/proc/sys/vm/swappiness. Il risultato mostrato dovrebbe essere 60. Sempre nel Terminale
scriviamo: gksudo leafpad/etc/sysctl.conf per aprire il File eseguibile in cui dovremo eseguire
le opportune modifiche. Scorriamolo fino in fondo e aggiungiamo le seguenti righe, premendo
INVIO ogni volta: # Diminuisce l'uso dello swap; vm.swappiness=10; # Migliora la gestione del cache;
vm.vfs_cache_pressure=50. Possiamo anche non scrivere le righe con il # che sono solo di commento
ma servono a ricordare cosa abbiamo fatto. Salviamo il File e riavviamo il Computer. Apriamo di
nuovo il Terminale e scriviamo: cat /proc/sys/vm/swappiness. Ora il valore mostrato e ottimale
dovrebbe essere 10.

Ubuntu- WI-FI più veloce.

Immagine
Ubuntu- WI-FI più veloce. Per migliorare le prestazioni del nostro collegamento Wi-Fi, apriamo il Terminale
e installiamo le applicazioni: gksu e leafpad, con il seguente comando:
apt-get install gksu leafpad. Al termine sempre nel Terminale, scriviamo:
iwconfig e premiamo INVIO per visualizzare i dipositivi disponibili . Poi creiamo
un file eseguibile, scrivendo nel terminale la riga di comando:
sudo touch/etc/pm/power.d/wireless, quindi scriviamo: gksudo leafpad /etc/pm/power.d/wireless
e nel file che si è aperto scriviamo prima: #!/bin/sh, premiamo INVIO e poi scriviamo:
/sbin/iwconfig wlan0 powe off. Se necessario sostituiamo: wlan0 con il nome del
dispositivo visualizzato con il comando: iwconfig. Salviamo il file e riavviamo il Computer.

Ubuntu ancora più veloce.

Immagine
Ubuntu ancora più veloce. Nel nostro sistema operativo ci sono delle applicazioni che si avviano automaticamente ma
potrebbero non servirci.Per evitare che Ubuntu le carichi apriamo il Terminale, e, scriviamo
la riga di comando: cd /etc/xdg/autostart e premiamo INVIO. Poi scriviamo l'altra riga di
comando: sudo sed --in-place's/NoDisplay=true/NoDisplay=false/g'*.desktop e premiamo INVIO.
Ora apriamo la Dash di Ubuntu e con il campo di ricerca troviamo applicazioni d'avvio.
Lanciamola e togliamo il segno di spunta alle applicazioni che non ci interessano, poi riavviamo
il computer. Naturalmente potremo riselezionarle in seguito.

Creiamo il nostro panorama con Hugin.

Immagine
Creiamo il nostro panorama con Hugin.
Caricare le immagini
Per iniziare, aprite Hugin, selezionate la scheda con la voce Immagini e trascinate
le foto su di essa. Voi vorreste che Hugin scorresse tra le foto e le allineasse tutte,
così come apparirebbero nel mondo reale. Per farlo, avete bisogno di conoscere
i punti che ciascuna delle vostre immagini ha in comune: i punti di controllo.
Se non avete voglia di impazzire nel trovare i punti precisi, potete trovare una vasta
gamma di strumenti che si integrano con Hugin per generare questi punti
di controllo. Se ne avete uno installato, basta cliccare su Crea punti di controllo.


Allineare le foto
Per identificare i punti di controllo manualmente, passate alla scheda Punti
di Controllo. Usate i menu a cascata per caricare due foto adiacenti, quindi cliccate
su un identico punto in entrambe le immagini e poi su Aggiungi per creare il punto
di controllo. Proponetevi di aggiungere almeno cinque punti di controllo per ogni
coppia di immagini e pr…

Blender → Grafica 3D →Scolpire paesaggi.

Immagine
Blender → Grafica 3D →Scolpire paesaggi. Una volta salvato il vostro primo esperimento con il cubo
predefinito, create un nuovo progetto e rimuovete il cubo
predefinito che appare. Ora andate a Aggiungi→ Mesh
→ Piano. Questo sarà una forma piatta, bidimensionale
che apparirà nello spazio 3D. Quelli di voi che usano un
tastierino numerico saranno in grado di inclinare
e spostare questa forma usando i tasti 2,4,6 e 8, mentre
chi usa il mouse può fare click e trascinare con il tasto
centrale o con la rotellina. Premete S fino a quando
il piano riempie l’intera Inquadratura 3D. La prima cosa
che dovete fare è dividere questo piano in segmenti.
Andate nel Modo Edit e usate lo stesso metodo con W
e Suddividi che avete visto prima. Fatelo tre volte con
il piano per dividerlo in segmenti che potete manipolare
per renderlo più realistico. Quindi, muovetevi sul piano
e spostate in alto e in basso i nodi, secondo le vostre
preferenze. Ricordatevi che quando i nodi rimangono
selezionati, si sposte…

Editor HTML → Bluefish.

Immagine
Editor HTML → Bluefish. Lo sviluppo Web è una sorta di taboo nel
mondo di Linux. Non disponiamo di strumenti
professionali come Dreamweaver o Expression
Web. Comunque sarete tutti d’accordo
con noi se diciamo che Bluefish è il meglio che
la comunità FOSS offre al momento. Confrontato con
i citati prodotti commerciali, Bluefish è molto più veloce
e agile, e richiede solo un terzo delle risorse di sistema.
È anche molto stabile e può aprire centinaia
di documenti alla volta. Le funzioni più usate ci sono
tutte: cerca e sostituisci, correttore ortografico,
multi-utenza, supporto a vari linguaggi di programmazione,
bookmark per i file modificati di frequente e altro ancora.
L’interfaccia è intuitiva e pulita, con menu staccabili
che potete spostare dove più vi piace. È possibile
programmare in C++ con Bluefish, ma questo
programma offre il meglio di sé con PHP, HTML,
JavaScript e CSS. Con questi linguaggi avete
a disposizione un gran numero di barre degli strumenti
e opzioni. Vi basta clic…

Disegnare una etichetta per il vino.

Immagine
Disegnare una etichetta per il vino.Impostazioni predefinite
Avviate gLabels, andate in Modifi ca → Preferenze e specificate
la dimensione del foglio e l’unità di misura che volete usare.
Al primo avvio le impostazioni predefinite sono US Letter e Pollici,
perciò potreste volerle cambiare in ISOA4 e Millimetri, poiché
la maggior parte delle etichette usa misure metriche. Qui potete
anche specificare il carattere predefinito, la dimensione, il colore
di riempimento e così via dei nuovi oggetti. È comunque bene fare
pratica con l’applicazione prima di personalizzare queste impostazioni.

Scegliere un modello
Selezionate File → Nuovo o cliccate sull’icona Nuovo nella
barra degli strumenti e vi si presenterà la schermata Media type
che vedete in figura. Qui troverete tanto i modelli normali quanto
qualsiasi modello che avete creato voi stessi in passato. Potete
anche ricercare i modelli per produttore e tipo. Notate il pulsante
Label Orientation, questo potrebbe essere utile quando
state pro…

Calcolatrice lampo.

Immagine
Calcolatrice lampo. La finestra di dialogo Esegui comando
di KDE 4, che appare premendo Alt+F2,
è stata potenziata notevolmente rispetto al passato.
Può ancora avviare i programmi, aprire URL
e fare ricerche su vari siti (guardate la finestra
di impostazioni di Konqueror per scoprire
le scorciatoie utilizzabili per effettuare ricerche
su vari servizi online), ma ora ha anche nuove
capacità. La ricerca nel desktop è stata ampiamente
documentata, ma di fondo potete cercare documenti
in base al nome e al contenuto, segnalibri,
contatti e anche tra i titoli delle finestre aperte.
Può anche esaminare la vostra collezione
musicale e aggiungere automaticamente
i risultati trovati alla vostra playlist. Se tutto
ciò non vi basta, KRunner (così è chiamato questo
tool) può agire anche da calcolatrice: digitate
“2+2=”o “=2+2” ed esso vi mostrerà il risultato.
Non si limita alla matematica di base visto
che sono supportate funzioni trigonometriche
e non solo. Può fare anche conversioni di unità:
pr…

F-Spot.

Immagine
F-Spot. Una delle applicazioni più famose
della generazione Mono presenta
funzioni interessanti.

Questo software è nato
pochi anni fa dal nulla,
ed è presto diventato
il programma predefinito
per la gestione di fotografie
su GNOME. La missione
di questa applicazione
è di offrire una soluzione
completa dall’importazione delle
immagini dalla fotocamera, fino
alla condivisione via e-mail, alla
stampa o alla condivisione su
diversi servizi online (come Flickr,
Facebook e Picasa). I tag possono
essere applicati durante
l’importazione, e le immagini
possono essere copiate in una
directory prescelta dove vengono
disposte in base alla data. L’intera
collezione è navigabile attraverso
la barra in alto (simile a iPhoto),
ma potete anche utilizzare
la ricerca basata sui tag. F-Spot
possiede numerose funzioni,
come la ricerca delle immagini
duplicate, o la cronologia dei file
che sono stati modificati, ritagliati
o ritoccati. Gli strumenti per
la correzione delle immagini,
però, non sono partic…

Trasformare il nostro Router in un Terminale

Immagine
Trasformare il nostro Router in un Terminale.



 Se avete a portata di mano un router
senza fili (come l’Asus WL-500g Premium)
con due porte USB su cui è possibile installare
OpenWRT, un firmaware Open Source
basato su Linux, potete collegarci un monitor
DisplayLink e una piccola tastiera USB.
Utilizzando una versione modificata
di SlugTerm (originariamente scritta
per usare uno schermo LCD con un Linksys
NSLU2) è possibile creare un terminale
con tastiera e schermo USB. Questo hack
permette di sedervi di fronte al vostro router
e di usarlo come se foste davanti
a un computer desktop. Nel caso di problemi
di rete, non sarà più necessario usare ssh
o l’interfaccia Web, ma basterà collegarvi
direttamente al dispositivo per trovare
il problema e modificare la configurazione.
Questa soluzione è utile anche per farvi
da soli un piccolo display informativo
con i grafici di rete, informazioni sul sistema,e persino previsioni del tempo.

Più Entropia uguale massima sicurezza.

Immagine
Più Entropia uguale massima sicurezza. Molti metodi di cifratura utilizzano dati casuali per rendere
più sicura la codifica. Su diversi sistemi (tra cui i desktop Linux)
l’ammontare dei dati casuali disponibili (chiamato entropia)
è utilizzato molto rapidamente. Linux generalmente raccoglie
l’entropia di cui ha bisogno misurando eventi come le differenze
nei tempi di accesso al disco, perciò se la vostra applicazione
non causa molto accesso disco potreste avere troppa poca
entropia per evitare che qualcuno riesca a dedurre quali numeri
casuali siano stati generati. Simtec Electronics ha creato un
prodotto che risolve questo problema: una piccola chiave USB
che può essere inserita in un sistema, e che utilizza generatori
di rumore quantistico e svariata altra matematica crittografica
per fornire al vostro sistema dati casuali ad una frequenza
molto più alta di quella che il vostro sistema può generare
di norma. Potete scoprire i dettagli su www.entropykey.co.uk.

Installiamo PHP:SSH2 - Programmazione.

Immagine
Installiamo PHP:SSH2.
L’estensione SSH2 non è normalmente compilata
in PHP: dovete scaricarla, compilarla, installarla e attivarla.
Fortunatamente farlo non è troppo difficile. Per prima cosa,
dovete assicurarvi che GCC, Make e automake siano installati.
In secondo luogo, installate tutte le librerie richieste
e i componenti PHP. Potete farlo così:
Δ su Fedora, RHEL e CentOS, lanciate come root:
yum install php-devel php-pear libssh2 libssh2-devel
Δ Su SUSE, usate YaST oppure il seguente
comando come root:
zypper install php5-devel php5-pear libssh2-devel
Δ In Debian o Ubuntu, invece:
sudo apt-get install php5-dev php-pear libssh2-1
libssh2-1-dev
Compilate quindi l’estensione SSH2. Se tutti i prerequisiti
sono soddisfatti, l’operazione risulterà lineare. Lanciate
il seguente comando come root, ma aggiungete
sudo all’inizio se siete su Ubuntu:
pecl install ssh2-beta
L’ultimo passo è configurare PHP per usare la nuova
estensione. Ancora, i passi sono leggermente diversi
a seconda della dis…

Ubuntu - Installiamo un carattere .TTF

Immagine
Ubuntu - Installiamo un carattere .TTF Se dobbiamo installare un solo caratttere, facciamo doppio clic sul nome del File del carattere e si apre la finestra del
Visualizzatore di caratteri che ci permette di installarlo. Se dobbiamo installare un insieme di Font, invece, spostiamoli
nella nostra cartella Home. Apriamo il Terminale e scriviamo: cd/usr/local/share/fonts/truetype per spostarci nella cartella;
in cui Ubuntu raggruppa i Font che installiamo. Ora scriviamo il comando: sudo mkdir myfonts per creare una cartella in cui;
copieremo i caratteri che abbiamo scaricato. Per spostarci nella cartella scriviamo: cd myfonts. Poi scriviamo: sudo cp ~/*.ttf per copiare tutti i caratteri scaricati e decompressi nella cartella. Per completare l'operazione
e per potere usare i nuovi Font scriviamo il comando: sudo chown root myfonts*.ttf. Ora scriviamo cd e premiamo INVIO infine scriviamo: fc-cache per rendere disponibili i file per tutte le applicazioni che sono presenti in Ubuntu.

Lubuntu OS vediamo le novità.

Immagine
Lubuntu OS vediamo le novità.Lubuntu, la nota distribuzione derivata da Ubuntu basata sull'ambiente desktop LXDE, sta per dare alla luce
la nuova versione, che coincide con la scomparsa di Windows XP. Ecco perché ne diventa un utile e ottima
alternativa in computer un po' datati. Con l'arrivo della 14.04, abbiamo il nuovo Kernel 3.13 e un grande miglioramento
dell'interazione con l'ambiente desktop LXDE grazie al nuovo display manager LightDM. In questa versione viene
introdotto il file manager PCManFM 1.2.0. con un menu migliorato sopratutto nella modalità di visualizzazione
delle cartelle. Migliorato anche lo strumento che permette di gestire e configurare la tastiera. Infine Lubuntu è stato dotato di un nuovo sfondo, di una serie di icone Box, che in parte sostituiscono quelle precedenti, e sono state fatte alcune correzioni al tema predefinito,che
si integra perfettamente con le applicazioni GTK+3.

Ubuntu- Nozioni sul termine "DECOMMENTARE".

Immagine
Ubuntu- Nozioni sul termine "DECOMMENTARE".Decommentare un parametro in una finestra che mostra un file di configurazione modificabile, significa:
eliminare il simbolo:# detto: comment, davanti a una riga. Questo simbolo evita che il comando venga
eseguito. Se invece eliminiamo il cancelletto l'azione verrà eseguita. Facciamo un esempio pratico se
decommentiamo l'istruzione: #deb http://it. archive.ubuntu.com/ubuntu/saucy/eccetera eccetera, abiliteremo:
Ubuntu a scaricare alcuni componenti di sistema dai repository.

Ubuntu - ADOBE FLASH PLAYER.

Immagine
Ubuntu - ADOBE FLASH PLAYER. Passiamo all'installazione del lettore Flash di Adobe che, per esempio, ci sarà utile per visualizzare
i filmati su You Tube. Apriamo il nostro Terminale e, scriviamo le seguente riga di comando:
sudo apt-get install flashplugin-installer e confermiamo con il tasto INVIO.

OPENJDK.

Immagine
OPENJDK. Come tutti noi sappiamo Ubuntu non è in grado di capire il linguaggio Java, è necessario
installare un programma che permetta al nostro sistema operativo di fare funzionare
correttamente tutte le applicazioni scritte in questo linguaggio. Visto la grande quantità di
materiale in Internet l'installazione di un programma come OpenJDK non può essere ignorato
o quanto meno ritenuto facoltativo. Abbiamo quindi due modi per procedere, il primo come
possiamo immaginare è cercare l'applicazione nel Software Center e installarla direttamente da li.
Altrimenti possiamo aprire il nostro Terminale e scrivere la seguente riga di comando:
sudo apt-get install icedtea-7-plugin openjdk-7-jre. Durante l'operazione dovremo digitare
S e premiamo INVIO per procedere.

Il kernel e il sistema. {Unix}.

Immagine
Il kernel e il sistema. {Unix}. Per capire meglio la distinzione fra kernel space e user space si può prendere in esame la procedura
di avvio di un sistema unix-like; all’avvio il BIOS (o in generale il software di avvio posto
nelle EPROM) eseguir`a la procedura di avvio del sistema (il cosiddetto boot), incaricandosi di
caricare il kernel in memoria e di farne partire l’esecuzione; quest’ultimo, dopo aver inizializzato
le periferiche, far`a partire il primo processo, init, che è quello che a sua volta far`a partire tutti
i processi successivi. Fra questi ci sarà pure quello che si occupa di dialogare con la tastiera e
lo schermo della console, e quello che mette a disposizione dell’utente che si vuole collegare, un
terminale e la shell da cui inviare i comandi.
E’ da rimarcare come tutto ciò, che usualmente viene visto come parte del sistema, non abbia
in realtà niente a che fare con il kernel, ma sia effettuato da opportuni programmi che vengono
eseguiti, allo stesso modo di un qual…

Firewall di Fedora [Linux].

Immagine
Firewall di Fedora [Linux]. Alcune distro, come Fedora, dispongono di un proprio front-end
grafico per iptables. Lo potete avviare con il comando systemconfi
g-fi rewall o tramite Sistema - Amministrazione- Firewall.
Come Firestarter, il programma include un wizard
che vi guida nell’impostazione di base del firewall. Ci sono
due modalità, Principiante o Esperto, con quest’ultimo che
offre più opzioni. Alcuni servizi, come SSH, vengono definiti come
affidabili. Potete indicare (o meno) come affidabili altri servizi
attivando o disattivando il segno di spunta presente al fianco
di ogni voce. Quando siete in modalità Esperto potete usare anche
la sezione Altre porte per aggiungere nuove porte da inserire
o meno nell'elenco dei servizi fidati e di cui filtrare il traffico.
Potete anche definire delle porte custom per servizi non elencati.
Una volta sistemato tutto, cliccate sul pulsante Applica per
salvare le regole e attivate il firewall tramite il pulsante Ricarica.
Nota bene: Un fir…

Guerra alla pubblicità.

Immagine
Guerra alla pubblicità. La Free Software
Foundation Europe,
l’organizzazione non
governativa e senza
fini di lucro che promuove
lo sviluppo e l’utilizzo del Free
Software, ha dichiarato guerra
ai messaggi pubblicitari pro
software proprietario che
appaiono nei siti delle istituzioni
pubbliche. Grazie all’aiuto
di un gran numero di volontari,
la FSFE ha ricevuto segnalazioni
riguardanti 2162 istituzioni
europee che pubblicizzano
lettori PDF non liberi
http://fsfe.org/campaigns/pdfreaders/buglist.it.html.
Terminata questa ricerca, ora
la FSFE si prepara a inviare
delle lettere alle istituzioni
all’URL http://fsfe.org/campaigns/pdfreaders/letter.it.html
potete leggerne il testo
per attirare l’attenzione sulla
loro pubblicità sleale. A nome
dei fi rmatari della petizione
che trovate all’URLhttp://fsfe.org/campaigns/pdfreaders/petition.it.html
FSFE chiede:
alle istituzioni di rimuovere
tutte le pubblicità a software
non libero, o fornire una
scelta di diversi programmi.

Apple collabora a OpenJDK.

Immagine
Apple collabora a OpenJDK.Oracle e Apple hanno
raggiunto un accordo
per portare OpenJDK
(l’implementazione
libera della macchina virtuale
Java distribuita con licenza Open
Source) su Mac OS X. Apple
fornirà la maggior parte delle
componenti chiave, dei tool
e della tecnologia richiesta per
l’implementazione di Java SE 7
su Mac OS X, inclusa una JVM
(Java Virtual Machine) a 32 bit
e a 64 bit basata su HotSpot,
librerie di classi, uno stack
di rete e le basi per un nuovo
client grafi co. OpenJDK metterà
la tecnologia Java di Apple
a disposizione degli sviluppatori
Open Source che vorranno
lavorare sul sistema operativo
della mela. “Siamo lieti
di accogliere Apple e il suo
importante contributo alla
crescente comunità OpenJDK,”
ha dichiarato Hasan Rizvi, Senior
Vice President of Development
di Oracle. “La disponibilità di Java
su Mac OS X svolge un ruolo
fondamentale nell’impegno
multipiattaforma della tecnologia
Java. Vogliamo inoltre rassicurare
la comunità di sviluppatori Java
sul fat…

Registro di sistema - Linux.

Immagine
Registro di sistema - Linux. Il sistema di log di Linux (detto syslog) è principalmente composto
da un processo che provvede alla registrazione degli eventi
importanti all’interno di un file di log. Questa procedura è gestita
principalmente dal demone syslogd, che viene configurato attraverso
il file /etc/syslog.conf. All’interno del file di configurazione le righe
vuote e quelle che iniziano con # sono ignorate. Le altre sono record
composti da due campi: il primo definisce la selezione, il secondo
l’azione. Il campo che definisce la selezione serve a indicare
per quali eventi effettuare un’annotazione attraverso l’azione indicata
nel secondo campo. La prima informazione si divide in due parti,
unite da un singolo punto, rispettivamente per i servizi e le priorità.
I servizi sono rappresentati da una serie di parole chiave
che rappresentano una possibile origine di messaggi, le priorità
invece sono altre parole chiave che identificano il livello di gravità
dell’informazione. Le paro…

Gnome - Gestione avanzata delle finestre.

Immagine
Gnome - Gestione avanzata delle finestre.
Gnome Shell ha il potenziale per cambiare
radicalmente il vostro modo di usare il desktop.
Per certi versi è tutto ciò che i desktop virtuali
sarebbero dovuti essere all’inizio. Gli utenti
di Fedora e Ubuntu possono aprire
il gestore di pacchetti e installare il pacchetto
gnome-shell senza ulteriori difficoltà.
Con il pacchetto installato dovete avviare il tool
da riga di comando digitando gnome-shell
--replace. Questo perché usa un suo Window
Manager e chiude qualunque cosa sia attiva
al momento. L’aspetto di Gnome Shell
al momento è abbastanza austero, ma non
mancano comunque delle chicche grafiche.
Mentre è in esecuzione, provate a spostare
il mouse nell'angolo in alto a sinistra dello
schermo. Vedrete il desktop corrente zoomare
via in una piccola finestra su uno sfondo nero.
Questo è il mondo di Gnome Shell.
I documenti recenti e le applicazioni sono
elencati sul lato sinistro, con un’anteprima
di ogni desktop virtuale. Potete aggiunge…

L'igiene della vista. Medicina.

Immagine
L'igiene della vista. Medicina.Accostiamoci ai vetri di una finestra e guardiamo fuori. Mentre il nostro sguardo si posa sul paesaggio sottostante, possiamo anche intravedere delle macchie e i segni del vetro; essi ci appaiono però vaghi e sfocati. Puntiamo invece lo sguardo sulle macchie del vetro: ora ci appaiono chiare, mentre l'immagine del mondo esterno diventa incerta. L'occhio umano non può, infatti, vedere contemporaneamente oggetti poste a distanze diverse; per ogni distanza esso aggiusta il “fuoco”, in modo che l'immagine degli oggetti cada esattamente sulla retina. Lo stesso principio viene applicato nella macchina fotografica, spostando l'obbiettivo avanti o indietro, secondo la vicinanza degli oggetti da fotografare. Ma la “messa a fuoco” dell'occhio viene fatta per mezzo dell'incurvamento dell'obbiettivo, cioè del cristallino: più l'oggetto si avvicina all'occhio, più fortemente il cristallino s'incurva, aumentando così…