F-Spot.

Mauro Goretti - Programmatore.








F-Spot.

Una delle applicazioni più famose
della generazione Mono presenta
funzioni interessanti.

Questo software è nato
pochi anni fa dal nulla,
ed è presto diventato
il programma predefinito
per la gestione di fotografie
su GNOME. La missione
di questa applicazione
è di offrire una soluzione
completa dall’importazione delle
immagini dalla fotocamera, fino
alla condivisione via e-mail, alla
stampa o alla condivisione su
diversi servizi online (come Flickr,
Facebook e Picasa). I tag possono
essere applicati durante
l’importazione, e le immagini
possono essere copiate in una
directory prescelta dove vengono
disposte in base alla data. L’intera
collezione è navigabile attraverso
la barra in alto (simile a iPhoto),
ma potete anche utilizzare
la ricerca basata sui tag. F-Spot
possiede numerose funzioni,
come la ricerca delle immagini
duplicate, o la cronologia dei file
che sono stati modificati, ritagliati
o ritoccati. Gli strumenti per
la correzione delle immagini,
però, non sono particolarmente
avanzati. Anche se il software fa
un ottimo lavoro nell’importazione
di immagini RAW, non c’è
il controllo della regolazione della
curva come in Bibble o Rawstudio.
Le funzioni di base per il ritocco,
comunque, svolgono un buon
lavoro, ma il resto va effettuato
in altri programmi. In quest’ultimo
caso, F-Spot apre direttamente
il software richiesto ed effettua
un backup del file originale
se necessario. Le etichette sono
gestibili attraverso una struttura
gerarchica ad albero ed
esportabili anche con servizi
online come Flickr. Inoltre
è possibile generare una pagina
HTML da inserire nel proprio
sito per mostrare le foto.
Alcune funzioni sono gestite
tramite plug-in e non sono abilitate
nell'installazione predefinita, quindi
date un’occhiata al menu
Modifica → Gestisci estensioni.

Post popolari in questo blog

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Come cambiare nome utente. Ubuntu.