Le malattie del fegato. Medicina.

Aramini Parri Lucia - Blogger.



Le malattie del fegato. Medicina.

Le epatiti.

Le epatiti sono infiammazioni del tessuto epatico; il fegato, quando ne è colpito, rallenta le sue funzioni, pur conservandosi sostanzialmente integro; tutt'al più va soggetto ad alterazioni che sono però temporanee. Esistono varie specie di epatiti, distinte secondo le cause che le provocano e i sintomi con cui si manifestano.

Epatite acuta semplice.

Chi è colpito da un'epatite acuta semplice assume un colorito giallastro, dovuto al fatto che i pigmenti biliari vanno a depositarsi nei tessuti dell'organismo; a questo colorito, caratteristico delle persone affette da mal di fegato, si dà il nome di “ittero”. Oltre a ciò, il fegato si ingrossa e può dare delle fitte dolorose; il soggetto diventa irritabile, digerisce male, ha urti di vomito. Molte volte è sufficiente seguire una dieta adeguata e rigorosa per guarire; eliminando grassi fritti, cioccolato, alcolici, salumi, il fegato viene liberato dalla parte più gravosa del suo lavoro e ritrova rapidamente il suo equilibrio.

Epatite allergica.

È chiamata con questo nome una forma di epatite alla quale vanno soggette le persone che soffrono di “allergia” ai cibi, cioè che manifestano una particolare sensibilità a certe sostanze. Si può essere allergici, per esempio, al formaggio: tutte le volte che se ne mangia, o che soltanto lo si tocca o annusa, allora l'organismo reagisce negativamente a queste sensazioni: se la reazione è molto intensa colpisce anche il fegato e lo fa ammalare; si parlerà allora di epatite allergica. Le cellule del fegato, irritate dalla sostanza a cui sono allergiche, si infiammano e adempiono con difficoltà alle loro funzioni. Chi cosa si deve fare per curare questa malattia? Naturalmente, prima di ogni cosa, si dovrà allontanare la causa dell'allergia; poi applicare le cure indicate per le epatiti normali, e prescrivere medicamenti antiallergici.

Epatite virale.

L'epatite virale deve il suo nome al fatto di essere causata da un virus; viene chiamata anche “epidemica” perché è contagiosa e quindi provoca epidemie. Questa forma di epatite si manifesta dopo 15-30 giorni di incubazione e viene curata come le altre epatiti; è però più pericolosa perché può trasformarsi, soprattutto se non curata, in “atrofia” o “cirrosi”.

L'atrofia giallo-acuta e la cirrosi epatica.

Sono queste le più gravi malattie che possono colpire il fegato. Quando l'atrofia o la cirrosi si sviluppa nei tessuti epatici, essi degenerano, cioè perdono le loro caratteristiche e si alterano le loro funzioni; il corpo, perciò, privo dell'apporto di un organo così importante, deperisce e muore.
L'atrofia giallo-acuta si manifesta con ittero che si aggrava rapidamente, con deliri, convulsioni e gravi emorragie (perdite di sangue). Dopo poco tempo, chi è colpito da atrofia entra in “coma”, cioè in uno stato di incoscienza simile a un sonno profondo, e non se ne sveglia più. Non si conoscono cure capaci di guarire questa malattia; vengono applicate quelle adatte alle epatiti (estratti epatici, soluzioni zuccherine) e in più cortisone e acido gutammico, per rallentare il più possibile il decorso di questo terribile male.
La cirrosi epatica è la malattia tipica degli alcolizzati, ma può anche essere provocata da avvelenamenti o da nutrizione priva di carne e quindi di proteine. Il tessuto epatico, in seguito alla cirrosi, è invaso dal tessuto connettivo di sostegno che si sviluppa rapidamente: questa degenerazione è più lenta di quella che si verifica nell'atrofia, e l'ammalato può vivere alcuni anni. La malattia può decorrere per alcuni mesi senza manifestarsi; poi, all'insorgere dei primi sintomi (mancanza di appetito, nausea per i cibi grassi, sviluppo di gas nell'intestino), il paziente diventa fiacco e cala progressivamente di peso. Nel periodo successivo possono sopravvenire anche segni di insufficienza cardiaca renale. Sono necessari l'abolizione assoluta dell'alcol, riposo una alimentazione ricca di proteine e povera di grassi, somministrazione di estratti epatici, di vitamine B e C, glucosio ed insulina. Le cure, se praticate in tempo, prolungano di molto la vita del malato, anche se non si ottiene una perfetta guarigione.

 

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

I Merovingi, Carolingi, Capetingi. Storia.