Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2015

La setta dei giustizieri. Storia.

Immagine
La setta dei giustizieri. Storia. “Occhi che avete fatto piangere, piangete”, dice un antico proverbio siciliano. Ed è proprio in questa regione meravigliosa, in particolare nei sotterranei dell'antica città di Palermo, che inizia una leggenda che potrebbe diventare storia. Una vicenda fatta di intrighi, assassinii e vendette di cui è protagonista una misteriosa setta di incappucciati. Uomini che, tra la fine del XV e la prima metà del XVI secolo, si sarebbero riuniti di nascosto nelle cripte per processare gli oppressori del popolo. Si chiamavano Beati Paoli. È possibile che nella Palermo sotterranea del passato abbia agito una spietata società segreta? Era una setta che vendicava i più deboli dai soprusi dei potenti o una vera e propria organizzazione di sicari al servizio di ricchi mandanti? Ma, soprattutto, realtà o leggenda? Pareri contrastanti. È difficile trovare documenti che ne confermino l'esistenza. La prima descrizione di questa setta è nella relazione …

Il più importante esploratore di sempre. Storia.

Immagine
Il più importante esploratore di sempre. Storia.Tanti sono quelli rimasti nell'immaginario collettivo, ma il numero uno è certamente Cristoforo Colombo.
La scoperta involontaria delle Americhe ha fatto di lui l'esploratore più influente di sempre. Navigatore per passione, nel 1486 Cristoforo Colombo si stabilisce in Portogallo. Con il fratello Bartolomeo, cartografo, inizia lo studio delle carte nautiche. Si convince, così, che il mondo fosse sferico e che la distanza tra l'Europa e l'Asia fosse molto più breve di quanto si ritenesse a quei tempi. Nasce in lui l'idea di raggiungere la Cina, le Indie e il Giappone via mare. Il 3 agosto 1492, è a capo della spedizione che cambierà le sorti del mondo, attraversando l'Oceano Atlantico. Il 12 ottobre dello stesso anno sbarca nell'arcipelago delle Bahamas, in un luogo che chiama San Salvador. Tra i grandi esploratori, possiamo citare anche due eroi della mitologia greca. Il primo è Giasone che organizza…

Esistono mutanti come gli X-Men? Scienza.

Immagine
Esistono mutanti come gli X-Men? Scienza.In fondo lo siamo un po' tutti. Alcuni esseri unami, però, hanno sviluppato caratteristiche davvero speciali.
I personaggi della Marvel fanno la loro comparsa nel 1963, in un fumetto centrato nella storia di supereroi mutanti vittime di discriminazioni, odio e paura per la diversità. Gli X-Men sono esseri umani con una mutazione genetica (Gene-X) che consente loro di sviluppare abilità sovrumane. Un'invenzione che, tuttavia, trova riscontri nella realtà: sembra, insomma, che gli X-Men esistono davvero, ovviamente non con i super-poteri di quelli originali, frutto della fantasia dei loro creatori. Ci sono esseri umani che hanno caratteristiche fuori del comune. Ad esempio, Dean Karnazes, 53 anni, è dotato di muscoli che non si bloccano mai, cioè che non producono acido lattico e non si contraggono per la stanchezza. Dean potrebbe correre senza mai fermarsi, se non per dormire e alimentarsi. Grazie a questa resistenza ha corso …

Perché gli uomini sono di colori diversi? Antropologia.

Immagine
Perché gli uomini sono di colori diversi? Antropologia.La pelle cambia per adattarsi ai livelli della radiazione solare, che variano a seconda delle latitudini del pianeta. La nostra epidermide assume tonalità che variano a seconda della quantità presente di un particolare pigmento cutaneo, la melanina. In gran parte la melanina è prodotta dalla pelle. Può essere di colore nero, bruno o rossastro. Ha la funzione di proteggere il corpo dai danni delle radiazioni solari, in particolare dei raggi ultravioletti (UV) che vengono trasformati in calore innocuo per la salute. Tra le varie teorie sull'evoluzione del colore della pelle, la più accreditata sostiene che i nostri antenati, nel corso del tempo, hanno via via perso gran parte della folta peluria che li caratterizzava, provocando lo scurirsi della pelle (tipico delle zone dell'Africa) come difesa dei raggi solari. Circa 60 mila anni fa, quando l'uomo ha iniziato a migrare fuori dal continente africano, verso le reg…

Meridiani, di che si tratta? Geografia.

Immagine
Meridiani, di che si tratta? Geografia.Linee immaginarie che uniscono i poli. Insieme ai paralleli costituiscono il sistema di coordinate del globo.
Per fissare un punto su una superficie sferica in maniera univoca è necessario adoperare un particolare sistema di riferimento. Nel caso del globo terrestre, l'uomo ha immaginato di tracciare una griglia di linee su tutta la superficie. Con i meridiani e i paralleli si è così ideato il “reticolato geografico”. Il meridiano è una linea immaginaria che collega il Polo nord al Polo sud, cioè i punti estremi dell'asse di rotazione del nostro globo. Ciascuna linea passa per un solo meridiano, denominato longitudine (perpendicolare all'Equatore). Le linee del reticolato procedono nel senso da est a ovest a partire da un meridiano di riferimento, quello di Greenwich, in Inghilterra, che passa attraverso l'omonimo osservatorio vicino Londra. I meridiani sono tutti della stessa lunghezza, visto che tracciano la metà del ce…

Cos'è la particella di Dio?

Immagine
Cos'è la particella di Dio? Scienza. Prende il nome dal fisico che ne ha ipotizzato l'esistenza, Peter Ware Higgs, ed è una particella molto speciale: non è costituita da altre più piccole. I bosoni possono essere considerati elementi primordiali della massa della materia. Fanno la loro comparsa appena cento miliardesimi di secondo (un intervallo di tempo piccolissimo, circa cento milioni di volte più piccolo del flash della fotocamera) dopo il Big Bang, ovvero il momento della nascita del nostro universo. Senza il bosone di Higgs tutta la materia si muoverebbe casualmente alla velocità della luce e l'universo sarebbe costituito della sola antimateria. La sua presenza modifica la realtà, formando il campo dove si distendono tutte le cose, come fosse un letto che copre l'intero universo. Le particelle di energia (non tutte, però) iniziano a perdere velocità, come se restassero impigliate in una rete. Decelerano ma acquistano massa (peso), rendendo stabile l'…

Le più grandi epidemie della storia. Medicina.

Immagine
Le più grandi epidemie della storia. Medicina.Alcune, come la peste, sono state responsabili della morte di milioni di persone.
Malattie infettive che colpiscono una determinata popolazione in un dato momento: sono le epidemie. Le patologie sono causate da un agente patogeno (virus, batteri, miceti, protozoi, elminti e muffe) che colpisce il sistema immunitario, che serve a proteggerci proprio dagli attacchi delle malattie. Tanto più l'epidemia riesce a diffondersi oltre i confini di un'area geografiva limitata, maggiori ne sono le pericolosità e la difficoltà di gestione. In questi casi si parla di pandemia (epidemia più estesa). Il primo caso noto agli studiosi è quello riportato dallo storico Tucidide circa una malattia diffusasi nella città di Atene, nel 430 avanti Cristo. Anche lui colpito e poi guarito, narra di una febbre tifoide (o tifo addominale) che ha provocato la morte di un terzo della popolazione. Tra i casi tristemente famosi è da ricordare come i più …

Il mistero della legione perduta.

Immagine
Il mistero della legione perduta. Leggende.Una città chiamata Roma è stata fondata in Cina con 160 anni di anticipo sul primo contatto tra i due imperi più potenti dell'antichità.
Ai margini del deserto del Gobi e della sconfinata Mongolia, Lijan potrebbe nascondere il mistero sulla sorte di una legione romana perduta oltre duemila anni fa. Nel 53 avanti Cristo Marco Licinio Crasso muove guerra contro i parti, una delle maggiori potenze dell'antica Persia, con un esercito di 35 mila legionari, quattromila cavalieri gallici e altrettanti ausiliari. Ad attenderlo un'armata di 10 mila uomini sotto il comando del generale Surena. Lo scontro è ricordato come la battaglia di Carre, nell'odierna Turchia. Crasso viene ucciso e la sua testa portata a Orode, re dei parti. Il sovrano sta assistendo alla tragedia di Euripide Le baccanti. La testa di Crasso diventa, così, secondo il racconto di Plutarco, quella del protagonista dell'oera: Penteo sacrificato. Al termine…