Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2013

Usiamo Gimp per creare i nostri Graffiti.

Immagine
Usiamo Gimp per creare i nostri Graffiti. Grazie al programma di grafica Gimp possiamo dare sfogo alla nostra creatività e realizzare splendidi disegni o modificare a piacere tutte le nostre immagini. In questo articolo impareremo come trasformare una banale foto di un muro in un'immagine molto più interessante, simulando l'aggiunta di una scritta con la vernice spray. In questo modo potremo realizzare tutti i graffiti che vogliamo, senza imbrattare nessun muro. Per l'installazione di Gimp i passi da seguire sono facili. Se per caso non l'abbiamo ancora tra le nostre applicazioni, apriamo il Software Center di Ubuntu e scriviamo gimp nel motore di ricerca. Visualizziamo la pagina, selezioniamo tutti i Componentiaggiuntivi e facciamo clic su Installa. Molto semplice vero!
Procedure Preliminari.Passo uno. Scarichiamo il nostro muro. Se già abbiamo la foto di un muro, possiamo usare quella, altrimenti possiamo cercarla con Google, oppure scarica…

Facciamo due chiacchere online con Mumble.

Immagine
Facciamo due chiacchiere online con Mumble. Se abbiamo bisogno di comunicare via voce con altri utenti e vogliamo farlo gratuitamente, ci conviene installare un'applicazione VoIP. Mumble rappresenta una buona alternativa a Skype se non ci interessa usare la webcam e ci piace anche giocare. In questo articolo andremo a vedere ed imparare a installare e a configurare Mumble per ottenere i migliori risultati da questo programma semplice e leggero.
Installazione e configurazione.Passo uno.
Installiamo Mumble e i componenti aggiuntivi. Nel campo di ricerca del Software Center, scriviamo mumble e, una volta trovato, facciamo clic su Ulteriori informazioni. Nella pagina dell'applicazione selezioniamo Server VoIP e facciamo clic su Installa.
Passo due. Il primo avvio di Mumble. Facciamo clic sull'icona di Mumble che dovrebbe apparire nella Barra del Launcher. Nella finestra di Benvenuto facciamo clic su Next e di nuovo su Next in Selezione dispositivo, se non vog…

Ascoltiamo la musica con Spotify.

Immagine
Ascoltiamo la musica in libertà con Spotify. Dopo una lunga attesa, finalmente è sbarcato anche in Italia Spotify, il servizio di musica gratuito in streaming. In questo articolo scopriremo come si installa, come ci si registra e come si fa a usarlo, dopodiché avremo tutta la musica che più amiamo sempre a disposizione, ovunque ci troviamo. Basterà avere semplicemente un collegamento a Internet.
Installiamo Spotify in Ubuntu.
Passo uno. Visualizziamo le Sorgenti software. Apriamo la nostra Dash facendo clic sul pulsante in cima alla Barra dei Launcher. Nel campo di ricerca scriviamo sorgenti software, quindi facciamo clic sull'icona Sorgenti software che appare.
Passo due. Aggiungiamo una sorgente. Nella nuova finestra, visualizziamo la scheda Altro software. Facciamo clic su Aggiungi e, nel campo che appare, scriviamo: deb http://repository.spotify.com stable nonfree. Facciamo clic su Aggiungi sorgente.
Passo tre. Inseriamo la chiave del repository. Chiudiamo Sorgent…

Applicazioni per la sicurezza.

Immagine
Applicazioni per la sicurezza. Un classico di Windows per Linux. Come sappiamo, la maggior parte dei programmi per la sicurezza è stata inizialmente progettata per Windows, ecco perché affidarsi a uno di essi in versione Linux è sempre una buona idea. AVG è un ottimo esempio, anche se la versione per Ubuntu non ha l'interfaccia grafica. Colleghiamoci all'indirizzo: free.avg.com/it-it/download.prd-alf e facciamo clic sul collegamento che corrisponde al file .deb nella colonna Tipo, dopodiché facciamo clic su OK per aprirlo con il Software Center e procediamo con l'installazione. Se ci appare il messaggio Il pacchetto è di cattiva qualità, facciamo clic su Ignora e installa. Ora possiamo riavviare il computer oppure scrivere nel Terminale la riga di comando sudo/etc/init.d/avgd start per avviare l'antivirus. Per procedere all'aggiornamento dell'antivirus, dobbiamo usare la riga di comando sudo avgupdate, mentre per fare una scansione de…

Antivirus per la nostra sicurezza.

Immagine
Antivirus per la nostra sicurezza.BitDefender è un nome piuttosto noto negli ambienti Windows, ma ora possiamo provare questo antivirus anche con il nostro sistema operativo basato su Linux. Prima di tutto dobbiamo collegarci all'indirizzo: www.bitdefender.it/site/Products/ScannerLicense, compiliamo tutti i campi obbligatori del modulo di richiesta della licenza gratuita e facciamo clic su Invia. Assicuriamoci di inserire un indirizzo e-mail valido perché nel messaggio che ci verrà inviato troveremo il collegamento per scaricare la nostra versione di prova di BitDefender in formato .run. Per avviarla, spostiamo il file della cartella Scaricati alla cartella Home, apriamo il Terminale di Ubuntu, scriviamo la riga di comando sudo sh *.run e confermiamo l'installazione nel nostro computer. A questo punto non ci resta che aggiornare immediatamente il database del virus, operazione sempre necessaria quando si installa un nuovo antivirus, quindi potremo farci …

Per chi vuole acquistare casa.

Immagine
Persone alla vecchia maniera, pronte ad aiutarvi, professionalità da vendere,vi seguono fino al contratto del vostro immobile. Da contattare:
www.studiotoscanoimmobiliare.it

Vi troverete bene.


Bed-Breakfast - Casa dei Grilli - angoli d'Italia.

Immagine
Nell'incantevole Emilia-Romagna, terra di cultura e di buona cucina, esiste un luogo dove l'ospitalità è d'obbligo, persone di seria professionalità in ambiente confortevole offrono : in un ambiente dove fascino e stile anni “40” ti avvolgono. Dove l'atmosfera di casa si fonde con l'ospitalità che sorge spontanea. Dove la mattina con una coccola di dolci fatti in casa; marmellate di una volta. Dove il piacere degli occhi si perde nelle colline e nei colori del giardino che la circondano, questa è: Casa dei Grilli: www.casadeigrilli.it
Oggi vi ho consigliato due località che sono i punti di riferimento nelle loro regioni, la dove la nostra Italia per cultura e buona cucina non è seconda a nessuno.


Agriturismo - Podere i Sorbi - angoli della Toscana.

Immagine
Nella nostra Toscana esistono tantissimi luoghi stupendi, come tanti di noi sanno questa terra è legata in modo totale al Rinascimento, ha dato i natali a personaggi illustri, ricca di storia e di tradizioni che si perdono nei tempi. Vorrei consigliare a tutti voi, se decidete di fare un periodo di meritate ferie un luogo caratteristico e a mio dire Stupendo nel suo genere, immerso nel verde a pochissimi chilometri da Firenze e precisamente a San Donato in FronzanoReggello [Fi]. L'agriturismo : “Podere i Sorbi”, unico nel suo genere; appartamenti stupendi, piscina per un completo relax e quella quiete che tutti noi sogniamo senza dimenticare l'ottima cucina Toscana. Date un occhio al Sito Web, e , poi deciderete il dafarsi, ma non attendete troppo per le vostre prenotazioni, ma capirete il perché visitando:
www.podereisorbi.it
Vi auguro una buona permanenza nella mia regione, la: Toscana.





Al timone della suite: Debian – Linux.

Immagine
Al timone della suite: Debian – Linux.
Che Debian sia uno dei migliori sistemi operativi del mondo con la sua sicurezza indiscussa, questo rimane a conoscenza di tutti che di informatica vanno molto al di la della visione Windows che secondo tanti è e rimane una grandissima bufala, comunque detto quello che penso inoltriamoci a descrivere un po' più dettagliatamente questa distribuzione che rimane lo Status Symbol di tutta l'Open Source di marca Linux. APT [Advanced Packaging Tool] costituisce una delle utility più importanti di Debian Linux. Tutti conoscono quella più famosa: apt-get che chiama un comando di basso livello dpkg. Tuttavia nessuno conosce le altre utility APT. Peccato, perché le loro capacità vanno ben oltre lo strumento di base. Sono funzioni che impostano la sorgente dei package {apt-cdrom e apt-spy}, richiedono informazioni sui package {apt-cache e apt-rdepends}, estraggono la lista dei bug noti in un package {apt-list-bugs} e ricevono aggiornamenti automati…

Abbiamo perso la nostra partizione?

Immagine
Abbiamo perso la nostra partizione? Se abbiamo fatto dei pasticci e crediamo di avere perso una partizione del nostro disco sia: fisso che esterno non ci preoccupiamo più di tanto, esiste un software sempre naturalmente di casa Linux che ci aiuta al recupero sia della partizione e naturalmente dei nostri dati, il software: Testdisk.
Testdisk è un efficientissimo programma che va avviato dal Terminale. Facciamo un clic su Applicazioni, Accessori e su Terminale. Nella finestra scriviamo semplicemente il comando: testdisk. La prima voce Create a new log file è già selezionata. Premiamo il tasto Invio per confermare il comando. Se vedremo comparire la frase: You nead to be root to use TestDisk, lasciamo selezionata l'opzione Sudo e premiamo Invio. Selezioniamo di nuovo: Create e new file, selezioniamo il disco fisso da analizzare e lasciando selezionato Proceed premiamo il tasto Invio. Ora selezioniamo il tipo di disco a seconda del sistema operativo con cui, o per il quale, il disco es…

La Geologia Ambientale.

Immagine
La Geologia Ambientale.Soltanto qualche anno fa il termine Geologia ambientale (dall'antico greco “géos” “terra”),era poco conosciuto e confuso con la Geologia applicata . Esso acquistò consistenza con l'insorgere dei problemi ecologici e non va visto come una nuova Geologia,ma soltanto come la visione dei problemi propri di questa disciplina delle Scienze della Terra,sotto un'angolatura diversa,tenendo conto del rapporto che si va instaurando tra l'uomo e l'habitat geologico. Per quest'ultimo si intende lo spazio fisico in cui l'uomo vive,i materiali in cui viene a contatto e tutte le variazioni che intervengono nella dinamica ed evoluzione del nostro pianeta. Ne deriva che la Geologia ambientale investe quel settore della Geologia applicata volto in genere non tanto alla risoluzione di singoli problemi geologico-tecnici, ma piuttosto ad una valutazione globale delle caratteristiche geologiche di un determinato territorio e,più in particolare,allo studio dei r…

LA CARTOGRAFIA GEOLOGICO-AMBIENTALE.

Immagine
LA CARTOGRAFIA GEOLOGICO-AMBIENTALE.La rappresentazione grafica dei numerosi dati raccolti sull'ambiente richiede una cura e un'attenzione particolari perché soltanto in tal modo si può rendere accessibile a terzi spesso non addetti ai lavori. Accanto ad una cartografia di tipo tradizionale,la Geologia ambientale si avvale di una documentazione molto varia,nata in parte proprio per le sue esigenze che talora permettono di affrontare in modo organico i vari problemi. Per i numerosi e complessi parametri che possono intervenire nella Geologia ambientale è difficile prevedere almeno per ora,una cartografia che si esaurisca in un documento unico e universale. Il più delle volte,in funzione dei caratteri del territorio e degli scopi che si vogliono raggiungere,è necessario contemplare più carte,magari derivate da un documento di base rilevato con dettaglio e seguendo criteri tradizionali. Si possono comunque identificare unità geo-ambientali,frutto dell'interpretazione di dati litologi…

Bignole di patate con zucchero a velo.

Immagine
Bignole di patate con zucchero a velo.Ingredienti 1 kg di patate 5 uova 150 g di zucchero semolato 100 g di farina bianca ½ bustina di lievito 1 bustina di vanillina scorza di 1 arancia intera 1 l di olio per friggere (è consigliato quello di arachidi) zucchero a velo
Preparazione Lavare le patate,lessarle,in acqua salata,scolarle, farle leggermente intiepidire e poi sbucciarle.
Passarle subito calde in uno schiacciapatate,facendole cadere in una zuppiera capiente;lasciatele raffreddare del tutto e incorporate le uova,un pizzico leggero di sale fino,lo zucchero,la farina mescolata alla mezza bustina di lievito,e la vanillina. Da ultimo uniteci la scorza d'arancia (ben grattata) e,cominciate a mescolare, amalgamando molto bene e con cura il tutto (o usando un cucchiaio di legno robusto,o le mani).
In una padella capiente a antiaderente lasciate scaldare molto bene l'olio (è necessario che entri bene in temperatura per una buona frittura), successivamente,quando è già molto ben caldo, cominciate…

Un Firewall non complicato.

Immagine
Un Firewall non complicato. Questo firewall si chiama Uncomplicated Firewall, o più semplicemente UFW, cioè firewall non complicato, e in effetti si tratta di uno degli strumenti di difesa più semplici che possiamo trovare per Ubuntu. Ne esistono due versioni. La prima va completamente gestita da Terminale mentre la seconda, Gufw, ha una comoda interfaccia grafica che consigliamo soprattutto ai meno esperti. Per installare questo firewall nella sua versione grafica, apriamo il Terminale e scriviamo la riga di comando sudo apt-get install gufw e premiamo il tasto INVIO. Una volta avviata l'applicazione dovremo fare clic in basso su Unlock, inserire la nostra password di amministratore e poi posizionare su ON l'interruttore di Stato. Gufw ha già alcune regole preconfigurate, tuttavia possiamo aggiungerne anche personalmente facendo clic sul + in basso. Nella finestra che si apre, potremo fare tutte le modifiche che vogliamo nelle tre schede presenti: Pr…

La differenza tra Su e Sudo.

Immagine
La differenza tra Su e Sudo. La differenza tra Su e Sudo è allo scopo di proteggere i punti delicati del sistema, Ubuntu e le altre distribuzioni di Linux permettono di operare liberamente solo nella propria cartella home e per fare modifiche delicate è necessario avere i privilegi di root, cioè di amministratore. Dato che Ubuntu non permette di fare il login direttamente come utente root, abbiamo due strumenti che consentono di ottenere momentaneamente i privilegi di root: su e sudo. Su sta per switch user, cioè cambia utente, e sudo è l'acronimo di super user do, cioè super utente fai questo. Il primo comando permette di diventare un altro utente, mentre il secondo consente di eseguire operazioni con i privilegi di root usando la propria password di accesso, senza quindi conoscere quella di root che in Ubuntu non è prevista in modo definitivo. Se nella finestra del Terminale scriviamo su nome_utente, premiamo il tasto INVIO e scriviamo la password dell'utente, possiamo pa…

Il semplice ClamTk (applicazione).

Immagine
Il semplice ClamTk (applicazione). Non è obbligatorio che un antivirus debba essere complesso e avere mille opzioni, soprattutto se l'uso che facciamo del computer ci porta a correre pochi rischi. Ecco perché ClamTk è l'antivirus che fa per noi. Tanto per cominciare è in italiano, si installa facilmente dal Software Center di Ubuntu e funziona con un semplice clic sul pulsante Home della piccola finestra che si apre quando avviamo l'applicazione. Tuttavia ClamTk può anche essere usato in modo un po' più complesso, se ne sentiamo l'esigenza, infatti è possibile fare una configurazione di base. Facendo clic sul pulsante Preferenze, si aprirà una seconda finestra suddivisa in varie schede che visualizzeremo facendo clic sul loro titolo, oppure usando le comode frecce Avanti e Indietro. In queste schede possiamo configurare le Preferenze di scansione, le Preferenze di avvio, creare una Lista bianca e, se necessario, fare perfino le Impostazioni del pr…