Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2016

Cenique e Canonical.

Immagine
Collaborazioni.
Lo scorso 15 agosto, Canonical ha annunciato l'inizio di una collaborazione con
Cenique, una giovane azienda che si occupa di quelle soluzioni digitali definite
Out Of Home (DOOH), cioè quelle che ormai troviamo ovunque andiamo.
L'obbiettivo del recente accordo è la realizzazione di sistemi di firma digitale
plug and play e di strumenti di rilevazione dell'audience.  Infatti, Cenique ha
individuato in Ubuntu Core il sistema operativo più adatto per i propri scopi.
Le motivazioni principali si basano sulla ricchezza del suo app store e sulle sue
funzionalità di gestione del software, che permetteranno di implementare una
vasta gamma di servizi aggiuntivi nei loro prodotti.  Tra questi, la possibilità di
controllo da remoto e la praticità degli aggiornamenti.  Inoltre stanno puntando a
introdurre snap come formato dei pacchetti software, risolvendo così in modo
molto pratico le problematiche delle dipendenze e facilitando le operazioni di
installazione delle var…

Il codice lunare.

Immagine
Il codice lunare.

Le missioni Apollo sono sempre state oggetto di un feroce dibattito tra
coloro che ne sostengono l'assoluta autenticità e chi le ritiene una bufala
colossale.  Ciò che invece è successo lo scorso 7 luglio sposterà l'attenzione
sugli aspetti informatici, con buona pace di tutti.  Infatti, l'ex stagista della
NASA, Chris Garry, ha pubblicato sul sito di condivisione GitHub tutti i
file del software di volo dell'Apollo 11, che erano stati inseriti nell'AGC 
(Apollo Guidance Computer).  Questi file sono stati iscritti in Assembly,
un linguaggio ormai superato perché molto difficile da leggere, ma i
programmatori dell'epoca dovettero sfornare migliaia di righe.
Già nel 2003, il ricercatore Ron Burkey aveva pubblicato il codice,
trascrivendolo dalle copie degli originali, messe online dal MIT.  Tuttavia
per molti sviluppatori c'era ancora qualcosa di non chiaro. Con l'operazione
di Chris Garry è stato tolto anche l'ultimo velo e immediatam…

Come creare un file ISO.

Immagine
Come creare un file ISO.
Tutti noi siamo abituati ad associare le immagini ISO ad un file di Installazione di Sistemi Operativi, o, programmi, ma quella di creare un file ISO è proprio una delle pratiche usate per archiviare dati che non devono essere modificati nel tempo e destinati ad essere eventualmente ripristinati tutti insieme. I file di immagine ISO possono essere infatti creati anche da semplici cartelle di file, esattamente come se fossero archivi, pronti ad essere ripristinati o copiati su un supporto in un attimo. Creare un file ISO con Ubuntu è semplicissimo: facciamo clic destro sulla cartella che contiene i file che ci interessano e nel menu che compare selezioniamo Comprimi. Nella finestra che si apre diamo un nome al file e facciamo clic sulla freccia che compare accanto all'estenzione attualmente selezionata e scegliamo .iso dall'elenco che compare e facciamo clic su Crea. Il nostro File è pronto per essere copiato o masterizzato.