La prima applicazione.


La prima applicazione.

Come ultima cosa, al termine di questa panoramica
introduttiva si può passare a vedere come generare
una semplice applicazione Java. Senza troppa
originalità si analizzerà una variante del classico
HelloWord. Nel caso di una applicazione, la
versione minimale di questo programma potrebbe
essere:

public class SalveMondo {

public SalveMondo () {
this . Print () ;
}

public void print () {
System . Out println ( “Ciao mondo”) ;

}

public static void main (String [ ] args ) {
SalveMondo sm= new SalveMondo ;

}
}

Come si può notare la struttura di questo miniprogramma
è molto simile a un equivalente scritto in C++. Per
stampare nella console utente, si esegue chiamata al
metodo println tramite lo stream di default out ricavato
dalla classe System. Supponendo di utilizzare il sistema
Windows, la compilazione potrà essere effettuata eseguendo
da console la seguente istruzione

c: \ >javac SalveMondo . Java

mentre per l'esecuzione si dovrà eseguire a riga di comando
il comando

c : \ >java SalveMondo

La versione Applet dello stesso programma permetterà
di visualizzare il risultato direttamente nella finestra del
browser. In questo caso il testo verrà passato alla Applet
come parametro esterno tramite tag HTML.
Ecco il codice corrispondente

import java . applet . * ;
import java . awt .* ;

public class Salve extends Applet {
String Text ;
public void init ( ) {
super . Init ( ) ;
/ / si ricava il testo dal file HTML
Text = new String ( getParameter ( “text “) ) ;
}

public void paint (Graphics g) {
g . drawString (Text , 50 , 50) ;

}

}

Nell'ordine si possono notare le seguenti parti: per
creare una Applet si deve necessariamente implementare
la classe Applet; non è necessario definire un main ( )
poiché l'Applet parte automaticamente dopo aver lanciato
il metodo init dove verranno poste tutte le istruzioni di
inizializzazione della Applet; il testo da stampare viene
prelevato dall'esterno come parametro della Applet, per
mezzo del metodo getParameter ( ) (di seguito è mostrato
come deve essere strutturato tale file); la stringa non viene
stampata ma disegnata nel metodo Paint per mezzo di una
chiamata a drawString ( ) .
Il file HTML deve essere così definito

<APPLET code=” Salve . Class” width=450 height=120>
<PARAM NAME=text value=” Salve Mondo” >
< / APPLET>

L'Applet viene inserita e offerta al browser per mezzo
del tag <APPLET> . Il keyword code specifica il nome
del file . Class contenente l'Applet. Nel caso di più file
class, esso deve riferire a quello contenente la classe
principale (quella che deriva da Applet).
Per passare un parametro all'Applet si utilizza il tag
PARAM seguito da NAME più il nome del parametro
e da VALUE più il valore del parametro.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.