L'ambiente d'Irlanda


L'ambiente d'Irlanda

Nella letteratura,nella musica e nelle pitture irlandesi,il paesaggio
emerge come protagonista esercitando un'influenza straordinaria
sulla popolazione. Sopratutto tutti coloro che hanno lasciato il
paese hanno sempre sostenuto che le zolle di questa terra
erano davvero qualcosa per cui valeva la pena struggersi, e
anche i turisti pregustano la sottile influenza che lo scenario
esercita sull'immaginazione e sull'umore. Dopo aver visitato
tutto il paese,non si può fare a meno sul fatto di concordare
che il verde palpitante delle morbide colline,l'inquietante
violenza delle coste frastagliate e la luce fosca di tante
giornate nuvolose sono elementi costituitivi della unica
esperienza in Irlanda.
L'intera isola si estende per soli 486 km da nord a sud e
275 km da est a ovest,perciò l'impressionante varietà
topografica che la caratterizza,può sorprendere.
La campagna,in effetti,è una profusione di diverse
tonalità di verde,e l'erba cresce quasi ovunque,con
alcune rilevanti eccezioni,in particolare nella spettacolare
e suggestiva zona costiera. Imponenti affioramenti
rocciosi,(come il Burren,nella contea di Clare),ostacolano
la crescita dell'erba. Anche se la vegetazione basta per
pecore e capre per nutrirsi,questi vasti territori dall'aspetto
lunare appaiono grigi e spogli. Nelle vicinanze,le
spettacolari Cliffs of Moher,si innalzano ripide e
scoscese su ruggenti flutti marini. Allo stesso modo
è molto difficile immaginare,senza averle mai viste,
le straordinarie colonne di pietra esagonali della
Giant's Causeway nella contea di Donegal,le più
alte scogliere d'Europa. Dune di sabbia orlano molti
dei tratti di costa meno scoscesi.
Le "boglands" (torbiere),che in un lontano tempo
coprivano il 20% del territorio,più che verdi...sono
color whiskey,il marrone dell'erica e dello sfagno
che copre le torbiere ancora intatte. I viaggiatori
possono osservarle nella Bog of Allen nella contea
di Kildare,oppure attraversando le contee occidentali,
una buonissima parte della costa del Mayo è
costellata di torbiere,ed enormi distese caratterizzano
anche il Donegal. Le fattorie della costa occidentale
hanno dovuto lottare per guadagnare terra che
fosse coltivabile a causa delle rocce che si
trovano subito sotto la superficie. Nella
maggior parte queste rocce sono state
scavate per ricavare terreno coltivabile e poi
utilizzate per realizzare i bassi muri di pietra
che suddividono i piccoli prati recintati. Le
Aran Island sono famose proprio per la loro
spettacolare rete di muretti a secco.
Al largo delle coste irlandesi si trovano molte
isole minori,molte delle quali consistono solo
di brulli rilievi rocciosi che accolgono ecosistemi
unici,(è nota la Skellig Micheal),che è un'isola
frastagliata,dalla bellezza mozzafiato,situata
al largo della costa del Kerry. L'Irlanda
occidentale è anche la zona più montuosa
di tutto il paese. Quasi tutta la fascia costiera
occidentale è costituita da un ininterrotto bastione
di falesie,colline e montagne. Le vette più alte
si trovano a sud-ovest;la più elevata in assoluto
è il Carrantuohil (1039 m),appartenente alla
catena dei Macgillycuddy's Reeks nella contea
di Kerry. Ma l'aspetto topografico dell'Irlanda
ha sempre a che fare con il verde. Gli irlandesi
hanno spesso protestato per la scomparsa di
boschi e foreste,che in grandissima parte furono
saccheggiati dai britannici (sotto il regno di Elisabetta I)
per fornire legname alla Royal Navy,la Marina
inglese. Allo stato attuale di oggi,sono molto
pochi i boschi che sopravvivono,di querce
originarie,e molto di ciò che si può ammirare
è il risultato di interventi di impianto effettuati
in tempi strettamente recenti. La campagna è
in realtà formata per lo più da prati verdi divisi
da siepi e muretti di pietra a secco,che vengono
utilizzati come aree coltivabili e da pascolo per
bovini e ovini.
 

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

I Merovingi, Carolingi, Capetingi. Storia.