L'epoca del cannocchiale.



L'epoca del Cannocchiale
Il cannocchiale esisteva già da cinque anni. Inizialmente fabbricato
dagli ottici olandesi,si è lentamente diffuso e,nel 1608,lo si trovò
presso gli ottici parigini. Questi cannocchiali non hanno avuto
però,molto successo,neppure come giocattoli. E gli scienziati?
Com'è dunque possibile che gli uomini di scienza olandesi,
e francesi,che ne hanno senz'altro sentito parlare,non
abbiano intuito quale strumento meraviglioso potesse
diventare? La risposta può sembrare stupefacente:
per loro,qualunque strumento ottico è assolutamente
privo di interesse,anzi può essere nocivo,perché produce
solo illusioni,genera inganni senza relazione con la
verità! Galileo,invece,non appena udì una vaga descrizione
del cannocchiale,cominciò a costruirne uno,tutto suo.
Perché? Per prima cosa,perché non ha gli stessi
pregiudizi dei suoi colleghi. Per lui l'esperimento è
il primo mezzo per scoprire e verificare le leggi fisiche.
Nello stesso tempo,e questo non può stupire,si
interessa alla tecnica. L'abbiamo già visto esaminare
gli apparati meccanici all'Arsenale. Ma va oltre:
già da qualche anno costruì e inventò un certo
numero di strumenti di fisica e matematica,in
particolare un "compasso geometrico e militare"
che permette qualunque tipo di calcolo e
costruzione geometrica. Sperò inoltre,di ricavare
un pò di denaro dal cannocchiale:ne aveva bisogno!
Il suo salario di professore era molto basso:dieci
volte più basso di quello di un professore di medicina
della stessa università. Aveva tre figli,il minore compiva
tre anni,e dopo la morte di suo padre,dovette
mantenere la famiglia rimasta in Toscana.
Per esempio,fu lui che fornì alle sorelle,molto
più giovani,la dote senza la quale non avrebbero
mai potuto sposarsi. Galileo dava lezioni private
a studenti ricchi,spesso,erano stranieri di famiglia
nobile. E' immaginabile,quanto poco tempo gli
rimaneva a disposizione:Galileo non solo teneva
i suoi corsi pubblici all'università,ma doveva
redigere tutti i testi perché,all'epoca,non esisteva
nessun tipo di manuale per le materie che
insegnava. Ciò nonostante riuscì,in diciassette
anni,a compiere un gran numero di esperimenti e
a scoprire leggi importanti,sopratutto nello studio
del "movimento". Ma non ebbe mai il tempo di
pubblicare tutte le sue scoperte,di scrivere un
libro. Tutto ciò che pubblicò,fu un opuscolo
che insegna come usare il compasso geometrico.
Si lamentava,con i suoi amici,di non avere neanche
il tempo di riflettere! Se il cannocchiale gli avesse
reso a sufficienza per poter permettergli di eliminare
le lezioni private,avrebbe potuto riflettere e scrivere.
Ebbe però una ragione molto importante per
costruire il cannocchiale:osservare il cielo.
In questo inizio di secolo si stava preparando
nell'ambiente scientifico una grande battaglia,
una battaglia che interessò come soggetto il
cielo stesso:le vecchie idee,imposte già da
duemila anni,sono messe in seria discussione
da una nuova teoria,quella di Copernico.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.