L'architettura irlandese


L'architettura irlandese

L'Irlanda possiede un gran numero di necropoli preistoriche e
di monasteri fortezze in rovina,nonché molte altre testimonianze
della sua lunga e spesso drammatica storia. Tra le costruzioni
dell'Età della Pietra tuttora esistenti figurano tombe e
monumenti funerari,generalmente raggruppati sotto la
denominazione di tombe megalitiche,ossia costituite da
grandi pietre. Quelle più facilmente individuabili sono i
cosidetti "dolmen",imponenti strutture realizzate con lastre
orizzontali poggianti su tre pietre verticali,a guisa di
giganteschi sgabelli,la maggior parte dei quali risale
a 4000-5000 anni fa. Tra i più rappresentativi figurano
il Poulnabrone Dolmen nel Burren e il Browne's Hill
Dolmen nei pressi della cittadina di Carlow.
Le tombe a corridoio,del tipo rinvenuto a Newgrange
e a Knowth nel Meath,sono enormi tumoli,attraversati
da stretti corridoi,con pareti in pietra che conducono
alle camere funerarie. Queste sono decorate con
simboli a spirale e modanature di vario genere e
sono provviste di un apertura che permette il passaggio
del sole nascente nei giorni del solstizio d'inverno e
d'estate,quasi a rappresentare un gigantesco calendario
astronomico. I termini della lingua irlandese per indicare
le fortezze (dùn,ràth,caiseal-cashel e caher),ricorrono
nei nomi di innumerevoli città e villaggi. In effetti,la
campagna irlandese è disseminata dei resti di oltre
30.000 di queste costruzioni fortificate. Le più
antiche risalgono all'Età del Bronzo e sono di solito
forti ad anello,circondati esternamente da un fossato
e dotati di un'argine in terra e pietra di forma circolare,
sormontato da una palizzata in legno destinata a
tenere lontani gli invasori. Appena fuori Clonakilty,
nella contea di Cork,il forte ad anello di Lisnagun
da un'idea di quale fosse l'aspetto originario di tali
costruzioni. Alcuni di questi forti venivano realizzati
interamente in pietra;ne è un esempio il forte di
Dùn Aengus su Inishmòr Island,risalente all'Età
del Ferro. Dopo l'arrivo del cristianesimo nel V
secolo,si iniziarono a costruire i primi monasteri.
Le antiche chiese di pietre erano strutture spesso
molto semplici e talvolta dotate di un tetto di legno,
come la Teample Bheanàin (chiesa di S. Benen)
risalente al VI secolo,oppure costruite interamente
in pietra,come il Gallarus Oratory dell'VIII secolo,
che sorge sulla Dingle Peninsula.
Nel corso dei secoli i monasteri ampliarono le
loro dimensioni e crebbero d'importanza,uno
sviluppo che diede nuova linfa anche all'architettura.
La cattedrale di Glendalough,del XII secolo,
e la cattedrale di Clonmacnoise,costruita tra
il X e il XV secolo,esemplificano perfettamente
tale evoluzione,pur non essendo paragonabili in
termini di dimensioni alle grandi cattedrali
medioevali europee.
 

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.

Com'è fatta un'automobile.