L'Anemia. Medicina.




L'Anemia. Medicina.

Alcune nozioni indispensabili.

Per capire in che cosa consiste l'anemia è necessario ricordare alcune nozioni che riguardano il
sangue. Esso è formato da una parte liquida (plasma) e da una solida costituita da piccolissimi corpi:i globuli rossi (emazìe),i globuli bianchi e le piastrine. Il colore rosso delle emazìe è
dovuto a una speciale sostanza contenuta in esse,detta emoglobina. Tale sostanza contiene ferro.
I globuli rossi,per mezzo dell'emoglobina svolgono un'azione importantissima:si incaricano cioè
di prendere nei polmoni l'ossigeno,lo distribuiscono a tutte le cellule del nostro corpo,e ne
asportano l'anidride carbonica.

Le cause.

Quando essa non è costituzionale,le cause che possono provocare l'anemia sono parecchie.
Vediamone quali sono le principali. Alimentazione fatta di cibi poveri di ferro:si ricordi che
l'emoglobina è una sostanza contenente ferro. Per esempio,i bambini che vengono allattati
troppo a lungo possono diventare anemici,perché il latte è un alimento povero di ferro.
Emorragie (perdite di sangue) piccole,ma continue:esse di solito sono causate da forme di
ulcere allo stomaco o al duodeno. Malattie:parassiti intestinali,tumori maligni,intossicazioni,
tubercolosi,malaria,tifo e altre gravi malattie infettive sia acute che croniche.

I sintomi.

Qualunque sia la causa che l'abbia provocata,l'anemia si presenta con sintomi ben determinati.
L'anemico appare pallido con labbra piuttosto sbiancate;si sente sempre stanco e non ha quasi
mai appetito. La sua pelle è piuttosto secca e le sue unghie si rompono assai facilmente. Comunque,
il mezzo che rivela con sicurezza se un individuo è colpito dalla malattia è costituito da un esame
del sangue detto “emocromocitometrico”,relativo cioè alla determinazione dell'emoglobina e al
conteggio degli elementi figurati del sangue. L'esame rivela infatti questi quattro dati:

Primo:il numero dei globuli rossi presenti in un millimetro cubo di sangue:in un individuo
adulto maschio,sano,si aggirano sui 5 milioni;

Secondo:la percentuale di emoglobina se è normale,nel referto dell'esame viene indicata così:
100%;

Terzo:il valore globulare,cioè la quantità media di emoglobina contenuta in un globulo rosso.
Il valore normale viene indicato sul referto con il numero 1;

Quarto:la forma e la dimensione dei globuli rossi. È chiaro che la forma d'anemia è più o meno
grave a seconda di quanto i valori sono inferiori al normale. In una forma d'anemia non grave
i valori possono scendere alle misure qui sotto indicate:
globuli rossi:3 700 000;
percentuale di emoglobina:70%;
valore globulare:0,94.

La cura.

La prima preoccupazione è certamente quella di eliminare le cause che hanno provocato la
malattia. Tuttavia,una volta eliminate le cause,sono necessarie ugualmente cure particolari per
riportare i globuli rossi alle condizioni normali. La cura fondamentale è la somministrazione di
farmaci a base di ferro (sopratutto estratti di fegato con vitamine A,B e C). Naturalmente anche
l'alimentazione deve essere composta di cibi particolarmente ricchi di ferro:spinaci,lattuga,
sedano,frutta,uova ecc. Il riposo e la vita all'aria aperta sono ottimi mezzi per accelerare i

risultati della cura,che richiede comunque un certo tempo per dare risultati notevoli.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.