È vero che la Banca d'Italia è proprietà privata?








È vero che la Banca d'Italia è proprietà privata?

No. Tuttavia, pur essendo un ente di diritto pubblico, il 94,33% del suo capitale è di proprietà di banche e assicurazioni private. Peraltro, la nostra banca centrale ha un capitale di appena 156.00 euro (come una piccola impresa di provincia) costituito da 300.000 quote di partecipazioni nominative di 0,52 euro ciascuna (mille lire). L'azionista principale è Intesa Sanpaolo con 91.035 quote (quindi con un capitale investito di circa 46 mila euro), seguito da UniCredit (66.342 quote), Assicurazioni Generali (19.000) e così via. L'azionista più piccolo è la Banca del Monte di Lucca S.P.A. Che ha 2 quote, per 1,04 euro. Ma nell'azionariato ci sono anche due enti principali, Inps e Inail, con il 5,66%. Oggi l'elenco è pubblico (www.bancaditalia.it/bancaditalia/funzgov/gov/partecipanti/Partecipanti.pdf) ma fino al 2005 la lista degli azionisti era segreta. Gli azionisti, comunque, hanno una voce molto limitata nella gestione della nostra banca centrale, per esempio non possono nominarne il governatore.
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.