Ecco la verità......

Mauro Goretti
Ecco la conferma a quanto pubblicato nel precedente articolo, e tanto per farsi un'idea di come si evolveranno certe situazioni sia sociali che economiche:

Disoccupazione, allarme sociale: a fine anno 3,5 mln senza lavoro

Il Centro Studi della Cna guasta il week end di Ferragosto: “Il numero degli occupati, circa 22 milioni e mezzo, ha raggiunto il valore più basso del nuovo secolo”. Le cifre sono impietose:“Numeri da brivido per le donne, con il 12,9% di disoccupate, e per i giovani, tra i quali la media dei senza lavoro tocca addirittura il 39,1%”. La conclusione: “Senza una decisa e tangibile inversione di tendenza che faccia ripartire effettivamente lo sviluppo, la situazione del nostro Paese può diventare critica”

Venerdì, 16 agosto 2013 - 11:42:00
A guastare il lungo week end di Ferragosto ci pensa il cento studi della Cna. Mentre l'Italia si prende un momento di pausa dai problemi e dalla crisi economica, arriva la notizia che ci fa ripiombare nel baratro: “Il numero degli occupati, circa 22 milioni e mezzo, ha raggiunto il valore più basso del nuovo secolo. Alla fine di quest’anno gli italiani che non hanno un lavoro – si legge in una nota del Centro Studi Cna – potrebbero arrivare a tre milioni e mezzo. Quattrocentomila in più dei 3 milioni e centomila di oggi. Nel frattempo, a giugno, il numero degli occupati, circa 22 milioni e mezzo, ha raggiunto il valore più basso del nuovo secolo".
Scrive la Confederazione nazionale degli artigiani: “La crisi dell’occupazione si sta aggravando. Senza una decisa e tangibile inversione di tendenza che faccia ripartire effettivamente lo sviluppo, la situazione sociale del nostro Paese può diventare critica”.
giovani lavoro 2

L’analisi del Centro Studi Cna fa riferimento soprattutto ai 548 milioni di ore di cassa integrazione autorizzate nei primi sei mesi del 2013. A peggiorare il quadro, sempre nel primo semestre dell’anno, le pessime condizioni generali del mercato del lavoro. Rispetto allo stesso periodo del 2012 l’occupazione si è ridotta di 407mila unità, che equivalgono all’1,8% in meno. Nel frattempo, il numero dei disoccupati è salito del 16,4% a 431mila unità. Alla fine dello scorso giugno, il numero degli occupati, 22,5 milioni circa, ha raggiunto il valore più basso del nuovo secolo, mentre il tasso di disoccupazione ha toccato il livello record del 12,1%, con oltre tre milioni di senza lavoro. Numeri da brivido per le donne, con il 12,9% di disoccupate, e per i giovani, tra i quali la media dei senza lavoro tocca addirittura il 39,1%.
Una crisi della quale forse non abbiamo ancora toccato il fondo. Nei primi sei mesi del 2013, il numero di ore autorizzate di Cassa integrazione è stato di circa 548 milioni, segnando un incremento consistente, quasi il 4,6%, rispetto al 2012, toccando il livello più alto a partire dal 2009. Un dato particolarmente preoccupante per la tenuta del mercato del lavoro: “Se queste ore fossero interamente utilizzate -  sottolinea il Centro Studi Cna, si tradurrebbero nella perdita di circa 322mila posti di lavoro. Le costruzioni e l’industria continuano a essere i settori maggiormente affetti dalla crisi”.
Le ore di Cig autorizzate nelle costruzioni sono aumentate di 7,8 milioni, pari al 13,7% in più. Le ore di Cig autorizzate nell’industria sono cresciute di 22,3 milioni, il 6,4% in più. Negli ultimi cinque anni i due settori hanno perso un numero equivalente di addetti, rispettivamente 370mila e 362mila unità. Ma ben diverso è stato l’impatto sulla base occupazionale: nel caso dell’industria si è ridotta del 7,5%, nelle costruzioni del 18,7%. Se le ore di Cig autorizzate nel primo semestre del 2013 dovessero essere utilizzate per trattamenti salariali a zero ore, i posti di lavoro persi nei due comparti dall’inizio della crisi salirebbero a 400mila nelle costruzioni (-21%) e a 594mila nell’industria (-10%). L’acutizzarsi della crisi in questi due comparti si riflette pesantemente nell’artigianato. Nei primi sei mesi dell’anno, le ore autorizzate di Cig sono state pari a 46,1 milioni con un incremento intorno al 10% (+4,1 milioni di ore) rispetto al 2012. “Nell’artigianato l’utilizzo effettivo di queste ore si tradurrebbe in una perdita potenziale di altri 28mila posti di lavoro".
Come dire: buon riposo per chi può.




1 mi piace, 1 non mi piace
Fai di Affaritaliani la tua HomePage
Iscriviti alla Newsletter
Mobile
Seguici su facebook
Rss
Twitter
Google
Internet Explorer





PIÙ VOTATI
PIÙ COMMENTATI
Dell/ Utile crolla del 72% a 204 mln $ nel secondo trimestre
Egitto/ Ue, riunione rappresentanti 28 paesi lunedi'
Imu/ Capezzone (Pdl): non deludere le attese degli italiani
Crisi/ Dalla Cna nuovo allarme disoccupati, a fine anno saranno 3,5 mln
Scuola/ Anno riparte con proteste prof, precari e studenti
Borsa/ Partenza in calo, Ftse Mib -0,62%
Borsa di Tokyo/ Chiude a -0,75%
Nuova Zelanda/ Sisma di magnitudo 6.5
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME
Affaritaliani Regioni
Segui le notizie della tua regione

CERCHI CASA?

Tanti annunci di case in vendita e affitto in tutta Italia su Casa.it
TROVA ORA

AGOS DUCATO

Realizza i tuoi progetti con un prestito personale
CLICCA ORA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.