Australia. Geografia.


Australia. Geografia.

Dimensioni e configurazione.

Situata fra gli Oceani Indiano e Pacifico, e attraversata al centro dal Tropico
del Capricorno, l'Australia si trova in posizione molto isolata dal Continente
Asiatico: una delle regioni per cui la sua scoperta da parte degli occidentali
è avvenuta molto tardi è proprio questa. È un territorio molto esteso: ad ovest
a est la sua lunghezza è di oltre 4 000 km, e la larghezza massima in senso
nord-sud più di 3 000. La superficie totale è di 7 686 850 kmq (Europa:
10 519 367 kmq). Ha un profilo compatto, se si eccettua la costa settentrionale
interrotta dal grande golfo di Carpentària e dalle due penisole di Capo York e
di Arnhem. Lo sviluppo delle coste supera i 18 000 km (Europa: 38 000 km).
I lati nord, ovest e sud sono per lo più costituiti da spiagge basse e sabbiose.
Lunghi tratti sono orlati di basse dune sulle quali vegetano le mangrovie.
La costa orientale, sul Pacifico, è la più varia e la più bella. Dal limite meridionale
fino al Tropico del Capricorno è rocciosa, con grandi scogliere scoscese e brevi
spiagge dalla sabbia argentea. Dalla linea del Tropico fino alla punta estrema della
penisola di Capo York è fiancheggiata da una delle più straordinarie meraviglie della
natura: la << Grande Barriera >>. È questa una ininterrotta serie di scogliere e di
atolli corallini, che si sono formati attraverso migliaia e migliaia di secoli.
La maggior parte degli scogli che costituiscono la Grande Barriera affiora appena
dalle acque, e si mostra in tutta la sua varietà di forme solo con la bassa marea.
Non vi sono grandi isole all'infuori della Tasmania, che dista circa 250 km da Capo
Wilson, l'estremità sud del continente.

Acque e rilievi.

Abbiamo detto che l'Australia è fra le terre più antiche: una delle conseguenze di
questa... vecchiaia è la scarsa entità dei rilievi. Ciò deriva anzitutto dal fatto che
il continente si formò in un' epoca anteriore a quella in cui vennero i maggiori
corrugamenti nelle altre parti del mondo; e poi perché qui più a lungo che altrove
ha agito l'azione livellatrice degli elementi (erosione del vento, azione dei raggi
solari ecc..). Nel Continente Australiano si possono distinguere tre zone: una,
vastissima, ad ovest, costituita da un altipiano che non supera i 300 metri sul livello
del mare; un bacino centrale piano con alcune depressioni; e infine un raggruppamento
montuoso ad est. In quest'ultima zona si trova la cima più elevata, il Monte Kosciusko,
che raggiunge i 2 230 m. L'Australia è una terra molto povera di acque. Vi sono
infatti molti fiumi e anche laghi grandi e piccoli; ma molti di essi riducono il proprio
livello fino a disseccarsi completamente nelle stagioni aride. Questa << periodicità >>
dei corsi d'acqua e dei laghi è una caratteristica dovuta al clima molto variabile.
Il fiume più lungo è il Murray (3 490 km con l'affluente Darling) e il lago più esteso
è l'Eyre (13 000 kmq nella stagione delle piogge).

Il clima.

In Australia il clima predominante è il caldo secco, con sbalzi di temperatura spesso
improvvisi, soprattutto ai cambi di stagione. Piove poco (da un minimo inferiore ai
100 mm ad un massimo di circa 2 000) e per di più l'evaporazione è così rapida che
anche quando piove, tutto asciuga in poche ore! La temperatura media delle zone
più fredde è 12 gradi , mentre in quelle più calde sale a più 27 gradi. Nelle zone
desertiche, si raggiungono temperature prossime ai 40 gradi. Le stagioni sono all'opposto
di quelle europee: quando da noi è inverno in Australia è estate, e viceversa.



Post popolari in questo blog

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Come cambiare nome utente. Ubuntu.