Il risultato dell'Italia sugli obbiettivi di Kyoto.


Il risultato dell'Italia sugli obbiettivi di Kyoto.

Il protocollo di Kyoto, che scade nel 2012, richiedeva di ridurre le emissioni dei paesi industrializzati del 5 per cento rispetto al 1990, ma il bilancio finale non è roseo: solo l'Unione Europea dovrebbe raggiungere il target del meno 8 per cento, mentre a livello mondiale le emissioni sono aumentate del 49 per cento. E l'Italia? Ha centrato il suo obbiettivo del meno 6,5 per cento, per cui le nostre emissioni, fra il 2008 e il 2012, sarebbero dovute restare sotto i 485 milioni di tonnellate all'anno? Nel 2008 eravamo ancora a 542, poi a farle scendere sono arrivati crisi economica e rinnovabili. Senza i nuovi impianti eolici e solari, ha calcolato il Kyoto Club, l'Italia avrebbe emesso oltre 500 milioni di tonnellate di CO/2 anche nel 2009, 2010 e 2011, e per questo avrebbe dovuto acquistare “crediti verdi” presso paesi virtuosi per 1,5 miliardi di euro. Invece, grazie alle rinnovabili, nel 2009 e 2010 abbiamo superato solo di poco il target di Kyoto e, da dati preliminari, sembra che nel 2011 siamo scesi sotto i 485 milioni di tonnellate di CO/2. Secondo il Kyoto Club, le rinnovabili eviteranno all'Italia 800 milioni di euro di spesa, e altri 400 verranno evitati conteggiando nel bilancio finale della CO/2 anche l'aumento di estensione delle foreste dal 1990 a oggi. In totale, l'Italia se la dovrebbe cavare con meno di 300 milioni di euro in acquisto di crediti.


Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

I Merovingi, Carolingi, Capetingi. Storia.