Divisione della partizione MS-DOS per Linux.


Divisione della partizione MS-DOS per Linux.

Questa sezione può essere saltata da chi non ha interesse a conservare una partizione DOS nel proprio calcolatore o dispone già di una partizione libera per Linux. L'operazione di divisione
della partizione con conservazione del contenuto non è sempre possibile, consultare il file fips . Doc
nella directory dosutils/fipsdocs del CD-ROM.
Per capire questa procedura richiamiamo l'organizzazione generale del disco fisso di un calcolatore.
Un disco è predisposto per essere diviso in partizioni. In un normale disco (disco con controller IDE) per un PC utilizzabile da Linux queste possono essere quattro, di dimensioni arbitrarie con una di tipo esteso che può contenere a sua volta delle sottopartizioni. Altri tipi di controller possono
permettere più partizioni (controller SCSI). Una normale installazione Linux utilizzerà almeno due
(sotto) partizioni, una per contenere i file che lo compongono (Linux System) e una per lo swap.
Si dovrà quindi riorganizzare il partizionamento del nostro disco in maniera da avere le due partizioni necessarie più tutte quelle che riteniamo necessarie al DOS ed altro.
L'organizzazione di partenza che assumiamo è quella in cui tutto il disco è occupato da una sola partizione (di tipo FAT 16-bit) riservata al DOS e quella a cui vogliamo arrivare è quella in cui oltre a questa ne esiste una a nostra disposizione da dividere ulteriormente in due e utilizzare per
Linux.
Le operazioni da effettuare sono due:

Primo: raggruppare i file presenti sul disco fisso all'inizio della partizione.

Secondo: dividere la partizione in una parte che resterà riservata all'MS-DOS e in una a disposizione di Linux.

Vediamo insieme come realizzare il nostro obbiettivo:

Primo. Per raggruppare i file al principio della partizione DOS si possono usare vari programmi.
Il più conosciuto è lo SpeedDisk appartenente alle Norton Utilities 2, si può usare anche il programma defrag compreso nel DOS. Supponiamo di usare quest'ultimo. Verifichiamo che l'immagazzinamento dei file sul disco fisso sia corretto con il comando: c:\> chkdsk
Se si manifestano problemi, fare riferimento ai manuali dell'MS-DOS per la soluzione.
A questo punto è importante fare una copia di sicurezza di tutto quello che vi è nel disco fisso o,
almeno, di tutto quello che vi è di insostituibile; per questo si dovranno usare i normali comandi
dell'MS-DOS come copy per copiare i file nei dischetti o meglio ancora backup. Fare riferimento al manuale del DOS per l'utilizzo di questi comandi.

Adesso possiamo passare a raggruppare i file, il comando sarà:

c:\>defrag c:

Ora il disco è organizzato con tutti i file all'inizio della partizione in maniera da poter sfruttare la parte lasciata libera.

Secondo. Si deve ora creare la nuova partizione destinata a Linux. Diamo un'idea delle dimensioni necessarie:

Linux System – 500 megabyte sono sufficienti per installare praticamente tutto quello compreso nella distribuzione. Una configurazione minima (senza grafica) richiede circa 50 megabyte.

Linux swap – Lo swap è un'area di disco destinata ad incrementare la dimensione della Ram a disposizione. Ricordiamo che le dimensioni della RAM determinano il numero dei programmi che potranno essere attivi contemporaneamente. Si paga un prezzo: il disco è estremamente più lento della RAM e questo rende un'area di swap utile fino a una dimensione doppia o tripla rispetto alla
RAM. In un utilizzo normale, se si hanno ad esempio otto megabyte di RAM e un'area di 16 megabyte di swap completamente utilizzata, il sistema sarà diventato estremamente lento.

Occorre preparare un dischetto di sicurezza formattato MS-DOS, con il sistema operativo DOS
installato (con il comando sys) e con memorizzati i file restorrb . Exe, fips . Exe, e errors . Txt
dalla directory dosutils del CD-ROM. Questo ci servirà per effettuare una copia di sicurezza delle
informazioni relative al partizionamento del disco fisso ed eventualmente ripristinarlo.
Decise le dimensioni e creato il dischetto di salvataggio possiamo provare ad effettuare la divisione
della partizione DOS usando il programma fips

ESEMPIO:
Per copiare il programma dal CD e avviarlo sul disco C: i comandi sono:

c:\> CD \
c:\> COPY D: \DOSUTILS\FIPS . EXE C:\
c:\> FIPS C:

Il programma stampa sullo schermo una serie di informazioni sul disco che trova e chiede conferma di queste. Se giudica che tutto è a posto chiede il dischetto di sicurezza, vi salva le informazioni necessarie e permette di scegliere la dimensione della nuova partizione da creare utilizzando i tasti di direzione presenti sulla tastiera:

Per aumentare la dimensione.
Per diminuire la dimensione.

La documentazione del programma fips si trova nella directory dosutils / fipsdocs del CD-ROM.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

I Merovingi, Carolingi, Capetingi. Storia.