Adesso i permessi mettiamoli in pratica.

Mauro Goretti

Adesso i permessi mettiamoli in pratica.


Passo uno. Creiamo i file per l'esercitazione.
Scriviamo la riga di comando touch file1
file2 file3 file4, per creare 4 file, poi scriviamo
cd /home/nomeutente per entrare nella nostra
cartella e scriviamo Is -I per visualizzare i
permessi dei 4 file.

Passo due. Diamo un permesso al Proprietario.
Qui usiamo un nuovo comando (chmod)
che serve a cambiare un permesso.
Inoltre usiamo il simbolo + per dare il
permesso di esecuzione (x) al Proprietario
(u) per file1. Quindi scriviamo la riga
chmod u+x file1.

Passo tre. Permesso di scrittura ed esecuzione
per il Gruppo.
Ora vogliamo attribuire al Gruppo (g) il
permesso di scrittura (w) ed esecuzione (x)
per file2. La riga di comando che dobbiamo
scrivere è la seguente:chmod g+wx file2.

Passo quattro. Togliamo il permesso di
lettura ad Altri utenti.
Per togliere un permesso, dobbiamo sostituire
il segno +, usato fino a ora, con il segno -.
Per togliere il permesso di lettura “r” ad
Altri utenti (o) per file3, dobbiamo scrivere:
chmod o-r file3.

Passo cinque. Diamo tutti i permessi a
tutti gli utenti.
È possibile attribuire più permessi a più
utenti contemporaneamente. È ovvio
che a questi dovremo attribuire gli stessi
permessi. Usiamo file4 e scriviamo chmod
ugo+rwx file4.

Passo sei. Cambiamo il proprietario di un file.
Per farlo dobbiamo usare la combinazione
di comandi sudo e chown, in questo modo:
sudo chown utente file4. Se visualizziamo
i file (Is -I) notiamo ora che il proprietario
di file4 è utente (creato in Utenti e gruppi).



Post popolari in questo blog

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Come cambiare nome utente. Ubuntu.