San Gimignano.





Il centro storico.
L'agiatezza, anzi la ricchezza di San Gimignano, si manifestò con la
costruzione di alte torri, intese inizialmente come dimostrazione dei
grandi mezzi di cui disponevano le famiglie che le facevano realizzare.
Nel corso del tempo divampò un'accesa rivalità fra le maggiori famiglie,
che fecero a gara per innalzare le loro torri, in maniera da poter guardare,
anche letteralmente, dall'alto in basso i loro vicini. Tuttavia a nessuna delle
torri private era consentito superare i 54 m  di altezza della torre con voltone
(della Torre Grossa) annessa al Palazzo del Popolo (o Palazzo nuovo del
Podestà), eretto nel 1288 e ampliato nel 1323. Delle 72 torri nobiliari di
quell'epoca, che fungevano da abitazione, ricovero e magazzino, oggi ne
rimangono solamente 15. Interessante è anche l'aspetto della piazza
triangolare della Cisterna, nel centro cittadino, intorno alla quale sono disposti
palazzi e torri. Le torri gemelle degli Ardinghelli stanno ancora oggi a
testimoniare la potenza, la ricchezza e l'influenza di quella casata.
In piazza del Duomo si trova la collegiata di Santa Maria Assunta, costruita nel
1239 come basilica romanica e ampliata nel XV secolo con un transetto e
sei cappelle. All'interno si conservano pregevoli affreschi di Taddeo di Bartolo,
Bartolo di Fredi e Benozzo Gozzoli, cui si deve anche il ciclo di affreschi
nel coro della chiesa di Sant'Agostino con storie della vita del santo.
Altri dipinti e affreschi, tra cui Sant'Ivo rende giustizia, del Sodoma, ornano
le pareti del Palazzo del Popolo.
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

I Merovingi, Carolingi, Capetingi. Storia.