LA COSTIERA AMALFITANA.




Amalfi.

Una sinuosa strada panoramica porta alla scoperta di questo
tratto di costa dal quale si può godere di una veduta indimenticabile
sul golfo di Salerno. Positano, che figura fra i più antichi insediamenti
d'Italia, vanta piccole case imbiancate a calce e imponenti palazzi a
ridosso delle alte pareti rocciose. Nel 1932 venne scoperta casualmente,
nei pressi di Conca dei Marini, la Grotta di smeraldo con interessanti
concrezioni stalattitiche. Nel IX secolo Amalfi fu una delle più
potenti repubbliche marinare del Mediterraneo e conseguì enormi
ricchezze con il commercio con l'Oriente. UN amalfitano, Flavio
Gioia, fu l'inventore della bussola. Conservate ancora oggi nel Museo
Civico, le Tavole amalfitane sono state il primo testo scritto di
diritto marittimo. Sul destino della città vegliano, dal XIII secolo, le
reliquie dell'apostolo Andrea, nel sepolcro collocato all'interno del
Duomo a lui dedicato, costruito nel IX secolo e successivamente
rimaneggiato in stile arabo-normanno (1203) e poi barocco (1703-16).
Il bellissimo Chiostro del Paradiso è stato costruito fra il 1266 e il
1268. Più sopra si trova Ravello, capace di sorprendere per i suoi
capolavori architettonici. Richard Wagner, che visitò la costiera
amalfitana nel 1880, trasse ispirazione dal giardino orientaleggiante
di Villa Rufolo (XIII-XIV secolo) per comporre il suo Parsifal, 
conferendo a Ravello una fama internazionale. Il Duomo di San
Pantaleone,risalente all'anno 1086, custodisce un ricco tesoro,
con reperti del XII e del XIII secolo.
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Le conquiste di Carlo Magno.