Aquileia (provincia di Udine).








Aquileia (provincia di Udine).

Fondata nell'anno 181 a.C. come colonia romana, diventò in
epoca imperiale una delle maggiori città della penisola italiana.
Saccheggiata da Attila nell'anno 452 d.C., a metà del VI secolo
divenne sede patriarcale (poi trasferita a Grado nell'anno 568,
dopo la calata dei longobardi). Il patriarcato ebbe un ruolo decisivo
prima per le evangelizzazione dell'Europa centrale, poi per la
politica italiana dell'imperatore, ma nel 1445 perdette il suo potere
temporale e nel 1751 venne abolito da papa Benedetto XIV.
L'antica grandezza è testimoniata oggi dai ritrovamenti degli
scavi archeologici, fra i quali le colonne dei fori e la Via sacra,
fiancheggiata dai cipressi, lungo la banchina del porto fluviale
romano, uno dei più importanti dell'antichità, dove ancora vi
sono le rovine dei magazzini. L'antico impianto urbano resta
tuttora sepolto, in attesa dell'ampliamento degli scavi. La
basilica, con il campanile dell'XI secolo, venne edificata sul
sito di due basiliche paleocristiane, delle quali restano i più

antichi mosaici pavimentali cristiani dell'Italia settentrionale.
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Le conquiste di Carlo Magno.