La Rivoluzione Industriale.

Mauro Goretti

La Rivoluzione Industriale.
Invenzioni e innovazioni.
Al rapido succedersi di nuove invenzioni, che caratterizzò i primi anni di sviluppo industriale inglese , è stato a lungo attribuito un ruolo determinante nella trasformazione economica. In realtà, un'osservazione più attenta del rapporto temporale tra invenzione, applicazione al processo produttivo e sviluppo della produzione e sviluppo della produzione consente di comprendere come il ruolo dell'invenzione risulti marginale nell'avviare il processo di industrializzazione , mentre sono piuttosto le esigenze poste da quest'ultima che determinano l'introduzione di nuove tecniche nel processo produttivo. Appare quindi opportuno rifarsi alla classica distinzione dell'economista austriaco Josef A. Schumpeter [ 1883-1950 ] tra invenzioni e innovazioni . Il termine invenzione designa la scoperta di una determinata tecnica, quella di innovazione indica invece la sua Applicazione . Così non è l'invenzione in quanto tale che provoca il cambiamento, ma è la sua applicazione diffusa e costante che costituisce il cuore della trasformazione tecnica. In questo campo la rivoluzione Industriale segna il passaggio di una situazione nella quale il progresso scientifico era caratterizzato da scoperte sporadiche a una fase segnata da un flusso continuo e concatenato di innovazioni , che sono in grado di generare un profondo cambiamento nel senso comune e che diffondono l'idea del progresso come evento necessario e un'immagine del mondo come realtà in trasformazione.
I settori principalmente interessati dai cambiamenti tecnologici furono quelli delle macchine utensili e della generazione di forza motrice e, strettamente connessi a quest'ultimo, della estrazione e lavorazione delle materie prime, in particolare del carbone e dei materiali ferrosi.
Le innovazioni dell'industria tessile.
Nel campo delle macchine Utensili per il settore tessile, la reciprocità del rapporto tra invenzione e produzione risulta particolarmente evidente . Infatti l'invenzione della Gavetta Volante , brevettata da: J.Kay nel 1773 { un congegno azionato a pedale, che consentiva un più rapido passaggio del filo della trama attraverso l'ordito ], rese possibile un migliore rendimento del telaio. Fino ad allora infatti, la larghezza del tessuto dipendeva dall'ampiezza dell'apertura di braccia del tessitore che lanciava la spola da una mano all'altra. La diffusione dei nuovi telai determinò uno squilibrio tra le varie fasi dell'industria tessile: all'aumentata capacità produttiva della tessitura non corrispondeva un equivalente sviluppo della produzione di filato. Gli sforzi di innovazione si orientano quindi verso questo settore.
La macchina a Vapore.
Il passaggio successivo sulla via della modernizzazione tecnologica fu quello di di utilizzare del vapore come forza motrice. Fino allora- e ancora nei primi decenni del XIX , le ruote idrauliche installate lungo i fiumi fornivano l'energia necessaria a muovere le nuove macchine { le fabbriche di allora si chiamavano “mills” = mulini. }. Ma la limitata disponibilità di energia idrica vincolava la dislocazione delle fabbriche alla presenza di corsi d'acqua , la cui portata inoltre no era sempre costante. Una volta messa a punto la tecnica dello sfruttamento del vapore e costruire le prime macchine a Vapore [ brevetto di: James Watt del 1769 ] divenne sempre più conveniente usare la forza motrice costante alimentata da un combustibile: il Carbone , di cui l'Inghilterra possedeva ricchissimi giacimenti, A questo punto , vapore e carbone divennero strumenti del progresso. Nel 1800 erano in funzione mille macchine a vapore; nel 1815 la potenza installata era già cresciuta di venti volte.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.