Le origini degli Acquedotti.

Mauro Goretti

Le origini degli Acquedotti.
Più utili delle Piramidi.
Greci e Romani ricercarono le sorgenti più pure e inventarono sistemi di conservazione e di distribuzione dell'acqua. In epoca romana vennero studiate tecnologie innovative e complesse regolamentazioni, che provvidero a fare in modo che l'acqua, sopratutto nei grandi agglomerati urbani fosse un bene accessibile alla maggior parte dei cittadini. I Romani, avvalendosi delle esperienze greche nella progettazione degli acquedotti, acquisite in Asia Minore, nell'Italia Meridionale e in Sicilia, costruirono alla fine del IV secolo a.C. acquedotti a Roma e, con la conquista dei nuovi territori, anche nelle maggiori città dell'Impero [ ne sono stati localizzati oltre 200 ], simbolo di potenza e civiltà.
Le acque vennere trasportate da sorgenti spesso lontane decine di chilometri { l'acquedotto di Cartagine dista 152 Km dalla sorgente } entro i condotti dell'acqua scorreva un flusso continuo a pelo libero e vennero distribuite negli agglomerati urbani, destinate sia agli usi domestici, che all'igiene pubblica: l'acqua scorreva in abbondanza nei condotti delle abitazioni, nelle tubazioni e nelle vasche delle terme per l'igiene degli uomini, nelle strade e nelle fogne per la pulizia delle città, nelle fontane per dissetare e all'occorrenza per spegnere gli incendi, nei canali per irrigare gli orti e i giardini e, con forza motrice, nei mulini per macinare il grano. Gli undici antichi acquedotti che portavano l'acqua a Roma costituiscono una sorta di monumento unitario, pur nella complessa articolazione degli oltre 400 Km di condotti sotterranei e in elevato che arrivavano a Roma da vari punti del suo territorio, nella zona del lago di Bracciano [acque Traiana e Alsietina }, dall'alta valle dell'Aniene { acque Marcia, Aniene, Vecchio e Nuovo, Claudia }, dai colli Albani { acque Tepula e Iulia } e da un comune bacino a livello inferiore sempre nella zona a sud-est { acque Appia, Virgo, Alexandriana }; un monumento quindi che interessa non solo Roma, ma anche una vasta porzione di territorio laziale: è la città che si espande oltre l'abitato con le sue esigenze conquista la campagna. Sesto Giulio Frontino, curatore degli acquedotti all'epoca Nerva, scriveva senza mezzi termini:
A tali costruzioni [gli acquedotti], necessarie per così ingenti quantità d'acqua, oseresti paragonare le inutili piramidi d'Egitto, oppure le altre opere dei Greci, improduttive ma tuttavia famose?” 

Post popolari in questo blog

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Come cambiare nome utente. Ubuntu.