Dalla ripresa...all'AVI.

Mauro Goretti e Aramini Parri Lucia.

Dalla ripresa...all'AVI.

Comprimere i file salvati sulla scheda di memoria della videocamera.
Quando registriamo un filmato con la nostra videocamera, i file sono solitamente salvati in formato MPEG2. Quindi sono troppo grandi per essere spediti o magari per condividerli. Vediamo adesso con pochi passaggi di eliminare questo fastidioso problema. Andremo ad usare un codec come: Xvid e il programma gratuito: Any Video Converter.

Iniziamo.
Colleghiamo la nostra videocamera al nostro computer tramite la presa USB -Windows Seven immediatamente riconoscerà la scheda di memoria della camera come un disco esterno. Procediamo quindi ad aprire la nuova risorsa.

Spostiamoci nella cartella che contiene le nostre registrazioni. Spesso ci troveremo estensioni di File sconosciute, a volte specifiche solo per quella marca di videocamera. In ogni caso sono comuni File video, che possiamo aprire tranquillamente con il nostro riproduttore multimediale.

I file anche se non in HD, solitamente occupano molti Mb, a volte centinaia, anche se il nostro filmato dura pochi minuti. Copiamo i nostri file sul nostro disco fisso, per esempio nella raccolta multimediale di Windows.

Come già spiegato, questi file sono comuni Video. Possiamo anche modificarne l'estensione, così saranno riconosciuti dal programma di conversione e compressione.

A questo punto non ci resta che collegarci al seguente indirizzo per scaricare il software necessario per procedere nel nostro lavoro, l'indirizzo è il seguente: www.any-video-converter.com cerchiamo la versione del programma: freeware.

Notiamo immediatamente che la pesantezza del file è di circa: 22 Mb, una volta scaricato, ci basterà seguire il comodissimo wizard di installazione, noteremo che il software è il lingua Inglese, e sembra che, si fa per dire ci dobbiamo accontentare [è ottimo e intuitivo], e avremo anche una piacevole sorpresa: il software risulta localizzato, accettiamo le condizioni d'uso, non installiamo programmi secondari qualora ci venga richiesto, possiamo anche fare il modo che il software sia avviato automaticamente.

Una volta installato, la finestra di comunicazione del software ci risulterà intuitiva e facile nell'utilizzo: per aggiungere il video da convertire ci basterà fare clic sul primo pulsante in alto a sinistra. Poi andiamo a cercare il nostro file da convertire, copiato in precedenza sul nostro disco fisso e rinominato in: MPG.

Andiamo a scegliere poi sulla destra il formato di output, di destinazione. Accanto a formati specifici per telefonini o DVD, c'è anche il comune AVI. Selezioniamolo.

Nota bene: Per comprimere il formato MPEG in AVI, non useremo il codec: DivX {è a pagamento}, ma l'ormai più comune Xvid [Open Source]. Per l'audio va benissimo il classico MP3.

A questo punto facciamo clic su Converti e attendiamo la fine dell'operazione. Noteremo che alla fine della procedura, il software ci avverte. Facciamo clic sul pulsante “Segnalato” per aprire la cartella in cui è stato Salvato.
Noteremo immediatamente il nostro filmato compresso già pronto, “Pesava” [Es] oltre 200 Mb, ora occupa meno di un decimo dello spazio originale.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.