Il nostro patrimonio culturale e ambientale un gioiello da preservare e custodire.

Mauro Goretti e Aramini Parri Lucia.

Il nostro patrimonio culturale e ambientale un gioiello da preservare e custodire.

L'Italia paese che dicono che sia povera di risorse naturali, ma abbondante di ingegni. Infatti ne nostro paese si sono susseguiti i più grandi geni della Storia, e della Cultura, e dell'Arte, che hanno
lasciato nel suo passare un patrimonio di tutto rispetto e di enorme bellezza. Tuttavia bisogna sostenere che gli esperti di questa materia, sostengono che i nostri musei, e biblioteche, siano a nostro malgrado mal gestiti. Le nostre istituzioni, sembra che tengono a sostenere solo i vantaggi di
coloro che lavorano all'interno dei nostri musei, e biblioteche, che non a i turisti che vi visitano i
loghi stessi. Eppure basti pensare che quando vengono allestite mostre d'Arte, o festival di letteratura, o le code interminabili che si formano presso gli Uffizi di Firenze, molto ben preparate
fanno sì che testimonino come la nostra Cultura, e Arte, sia forte nel nostro Bel Paese. Nonostante
tutto, sappiamo che ancora dei dipinti che sono stati lasciati in chiesette di periferia, che sono ancora
da stimare e catalogare per essere esposti agli occhi del mondo, ma purtroppo sono alla portata di
persone che ne traggono dei benefici illegali. I nostri governanti che si sono susseguiti alla guida del nostro paese, e alla nostra cultura, i fondi che sono stati messi a disposizione sono stati molto
scarsi, le nostre organizzazioni pubbliche che hanno il compito di gestire il nostro patrimonio artistico, sono sommersi da burocrazia inutile che porta solo a inefficienza della gestione stessa.
La storia dell'Arte, e della nostra Cultura, non viene insegnata nelle nostre scuole come dovrebbe
essere ma bensì è come una favola, eppure quando ci spostiamo, o i turisti si spostano per il nostro
paese, anche quando camminiamo troviamo; piazze, monumenti, chiese, cattedrali, palazzi, castelli
di altri tempi la cui bellezza ti lascia una inebriante emozione vissuta nell'epoca di questi geni della
nostra storia. Non possiamo non citare il nostro Rinascimento che attraverso le epoche, che si sono
susseguite hanno lasciato una enorme eredità, che ha lasciato al suo passare una forma di incanto
e bellezza. L'Italia che è un paese basato sulla storia e cultura Rinascimentale, con la sua antichità
ha trasportato il mondo nella civiltà moderna, non esiste altro paese come l'Italia, nel mondo che
nei secoli, abbia avuto dei maestri, decorosi dell'Arte, che hanno lasciato al suo passaggio dei dipinti, e monumenti, e scritti, tanto diffusi che continuano a non essere valorizzati e nemmeno tutelati per poter essere ammirati e contemplati al mondo intero, e che non sono amministrati come
dovrebbe, questo è il nostro patrimonio culturale artistico e anche turistico. I nostri governi e assessori comunali, che danno permessi a imprese edilizie con le sue costruzioni in cemento, usurpando la bellezza, e l'incomparabile valore ai nostri monumenti che fanno parte di noi stessi,
sciupando l'ammirazione delle nostre città culturali, e de paesi periferici, senza contare l'inquinamento sia urbano, che industriale danneggiando ciò che è rimasto della nostra storia.
Il nostro paese di incommensurabile bellezza, parlando di una regione che ha un mare, e un clima
Mediterraneo, stiamo parlando del Sud, che fa parte delle più grandi civiltà antiche come: i Greci, i
Romani, i Francesi, gli Spagnoli, e anche Arabi, purtroppo oggi usurpata da potere e delinquenza di
alto livello che fa parte delle cosche mafiose, se non fosse per questa piaga, molte persone benestanti e stranieri anche statunitensi si stabilizzerebbero in questa regione che è il Sud. Solamente con il loro potenziale sostentamento a livello economico, il Sud, non avrebbe più bisogno degli aiuti che il nostro Stato gli fornisce, solamente con il turismo che ogni anno visitano
le chilometriche coste del Sud, i cittadini meridionali si riscatterebbero. Il turista che visita questa
regione che è il nostro Sud, si trova davanti a una realtà che oggi purtroppo molto frequente, stiamo
parlando dell'inquinamento del mare in cui viene gettato ogni sorta di immondezza ambientale.
Parliamo dei ristoratori e albergatori di questa regione che sembrano rimasti, al tempo della pietra,
dove il turista moderno e esigente non trova i comfort di cui necessità. Il nostro patrimonio culturale, e artistico, va indubbiamente salvaguardato e sembrerebbe che qualcuno se ne sta già
accorgendo visto che il turismo, tutti gli anni è presente per ammirare questa bellezza del pianeta,
sperando che tutto questo continui, per far sì che, il nostro paese si risollevi da questa piaga di crisi
economica, e ritorni ad essere il Bel Paese di una volta.


La sicurezza sui nostri patrimoni culturali.



La situazione vigente e normativa.

In tutto il mondo sono stati emessi delle norme sempre più esigenti e dettagliate, per poter assicurare la protezione dei Beni Culturali, e dei Musei, e Mostre, in cui essi sono esposti. Le istituzioni che hanno esposto queste normative, devono essere responsabili e efficienti e pienamente
coscienti di affrontare qualsiasi evento improvviso, o catastrofico, e di fronteggiare in tempo con
azioni di sicurezza per prevenire i nostri Beni Culturali, e le strutture in esse. La vigilanza della
sicurezza dei nostri Beni Culturali, è appartenente allo Stato, che chiunque ne è responsabile ne fa le
veci al Ministero. Qualsiasi opera, o restauro, dei nostri patrimoni culturali, è autorizzata esclusivamente dal Soprintendente, a differenza dei direttori, dei musei hanno il compito di dirigere
le loro attività sia esternamente che alle persone presenti, che alle opere all'interno dell'edificio stesso. Queste normative si dividono in due fattori: prevenzione, e manutenzione, la prima si intende difendere il bene monumentale in situazioni a rischio, la seconda, è mantenere in perfetto
stato di conservazione il bene culturale stesso di cui necessità. Per la loro ristrutturazione, deve
essere coordinata e messa a punto da un'attività di studio, in cui tutti i restauri, devono pervenire da
istituzioni, o privati, in cui devono ricorrere ed eseguire il lavoro stesso.

I sistemi integrati di sicurezza dei Beni Culturali.

Sistema antintrusione.
Sistema di protezione d'arte all'aperto ed aree archeologiche.
Sistema di videosorveglianza.
Sistema di monitoraggio ambientale.
Sistemi di controllo per i visitatori.
Sistema di rilevazione e spegnimento incendi.
Sistema di supervisione degli impianti tecnologici.
Sistema per il controllo di accessi non autorizzati.
Sistema antifurto.


La protezione e la sicurezza dei Beni Culturali.

Il nostro patrimonio sia a livello culturale, che paesaggistico, con i geni che si sono alternati nei secoli, hanno lasciato una grandissima e pregevole eredità che nessun paese al mondo detiene.
Il nostro possedimento di queste magnifiche opere, va preso in seria considerazione a tutti i livelli
di sicurezza, visto che oggi deteniamo la migliore tecnologia per sorvegliare le opere stesse. Le attuali tecnologie di sicurezza, hanno raggiunto dei livelli esorbitanti, tali sistemi che si sono evoluti
grazie all'evoluzione dell'elettronica, e per tale motivo sono esposti a continue evoluzioni della
tecnologia, informatica, la fisica, le telecomunicazioni ed anche oggi ancora più in espansione la tecnologia multimediale. Per progettare e installare, un sistema di sicurezza serve del personale che
sia in grado di saper sfruttare tutta l'esperienza e capacità del settore in questione, quindi in questo
caso servono professionalità e competenza, sarebbe bene avere anche una notevole esperienza nel
settore dei Beni Culturali, affinché qualora necessiti un intervento per poter risolvere al meglio le
problematiche a cui si presenta al fine della sicurezza del Bene culturale. In generale purtroppo
non è ma i così; specialmente nei nostri Beni Culturali, stiamo parlando di sistemi di sicurezza che
non sono gestiti da personale competente, e sono anche mal funzionanti, al quindi di mettere in pericolo i nostri preziosi Beni Culturali.

Le varie problematiche.

Le istituzioni mondiali che si occupano di preservare e conservare nel migliore dei modi i loro patrimoni culturali, con sistemi di sicurezza adeguati e efficienti, dove all'interno di edifici, dove
vengono esposti e ammirati tutte le opere, devono essere tutelati e protetti da furti, intrusioni, accessi non autorizzati dal personale, atti vandalici, deterioramento, danni e incendi e altri danni
comuni, devono invece prevalere e garantire la sicurezza del personale addetto e tutti i visitatori che
sono presenti. Per garantire la massima sicurezza a questi Beni Culturali, è bene avere a disposizione del personale adeguato che sia a conoscenza non solo della tecnologia, ma bensì anche
esperto in materia d'arte, in modo da non compromettere nessun danno o furto al bene stesso, compromettendo la sua permanente integrità.


Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.