I Maya.

Mauro Goretti e Aramini Parri Lucia.

I Maya.

Il cibo chiave della cucina Maya era il mais, che diventò addirittura una divinità. Il dio-mais andò a popolare, con giaguari e serpenti deificati, il loro affollato pantheon.

Del mais, i Maya fecero una divinità, ovvero Yum Kaax, che fu rappresentato come un giovane ornato di pannocchie di granoturco. Il loro testo sacro “Popol Vuh” narra inoltre che gli dèi usarono un impasto di mais bianco e giallo per creare il genere umano, dopo aver fallito con fango e legno. Ancora oggi, la preparazione quotidiana del mais è una delle attività principali delle popolazioni di Guatemala e Yucatàn. È un lavoro lungo e complesso: il “kuum”, mais ammorbidito nell'acqua e macinato, diventa “zacàn” con cui si preparano le “tortillas”. Le “tortillas”, ora come allora, sono poi farcite con fagioli e peperoncini. In epoca antica pare fosse più diffuso il consumo di “tamales”: porzioni di “zacàn” avvolte in foglie di granoturco e poi bollite.
Pasti separati.
Durante i pasti, uomini e donne non stavano insieme: gli uomini mangiavano per primi, poi le donne e per ultimi i ragazzi. Il contadino che si recava nei campi portava con sé piccole palle di “zacàn” avvolte in foglie di palma. Quando era stanco e affamato, ne scioglieva una o due nell'acqua e beveva questa poltiglia nutriente (detta posol), che aveva l'aspetto del latte.
Un goccetto.
La dieta era integrata, a seconda di stagionalità e latitudine, con selvaggina, pesce, rettili, tacchini, miele, zucche e fagioli, cacao, pomodori, frutta,tuberi, funghi ed erbe varie (la foresta offriva frutti, bacche e radici commestibili, oltre a vermi e insetti). La bevanda principale, a parte il “posol”, era un liquido di miele fermentato e insaporito con la corteccia di un albero, il “balché”: una bevanda alcolica di cui durante le feste e le cerimonie i Maya volentieri abusavano.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

I Merovingi, Carolingi, Capetingi. Storia.