Claudio Tolomeo. Scienza.





Claudio Tolomeo. Scienza.

Sopra al tavolo era stata posta una tazza vuota. Attorno al tavolo, alcuni uomini dall'aspetto grave stavano osservando con molta attenzione le mosse di un uomo barbuto, dall'aria intelligente. Costui mise una moneta in fondo alla tazza, poi fece avvicinare uno dei presenti e gli disse di chinarsi sulle ginocchia finché non fosse più riuscito a vedere la moneta. “Vedi la moneta ?” chiese. “No!”. L'altro, allora, cominciò a versare acqua nella tazza; a un certo momento l'osservatore, che non si era mosso di un millimetro, esclamo:”la vedo! Ora vedo la moneta!”. I presenti guardarono sbalorditi l'uomo con la barba. Si udì mormorare: “questa è magia! Quell'uomo è il protetto degli dei!”. Quell'uomo non era affatto il protetto dagli dei; era semplicemente uno studioso acuto, un ottimo fisico che aveva scoperto la rifrazione della luce e l'aveva solo spiegata.

La vita.

Della vita di Claudio Tolomeo si sa molto poco. Nacque in Egitto, probabilmente l'anno 100 dopo Cristo, e trascorse quasi tutta la sua vita ad Alessandria città allora celebre per le sue scuole e i suoi studi. Appena raggiunta l'età della ragione, Claudio venne a conoscenza delle opere delle ricerche di Ipparco di Nicea, celebre matematico e astronomo greco che era vissuto quasi 200 anni prima di lui. Anche Ipparco era stato un grande scienziato, forse il maggior astronomo dell'antichità; dallo studio delle sue opere, Tolomeo ebbe la spinta a dedicarsi alla scienza; e vi si dedicò con tutta la potenza della sua mente.

L'astronomia.

Tolomeo, che era un tipo metodico, si propose di perfezionare le teorie di Ipparco e di sistemare in maniera organica le conoscenze astronomiche del suo tempo. Per questo, in anni di lavoro massacrante, scrisse una grandiosa opera in tredici volumi che chiamò “Sintassi (o costruzione) matematica”, la quale senza dubbio è il massimo punto cui arrivò nell'antichità l'astronomia calcolata. Nell'opera che gli Arabi, suoi grandi ammiratori, tradussero con il titolo di “Almagesto”, Tolomeo espose il suo famoso sistema geocentrico: la Terra è immobile nel cielo e attorno ad essa ruotano i pianeti e il Sole. Essi, inoltre, hanno altri movimenti, fra cui gli “epicicli”, piccoli cerchi secondari che gli astri dovevano percorrere. Questa teoria, detta appunto tolemaica, venne considerata esatta per quattordici secoli, con il riconoscimento della Chiesa. Copernico dimostrò che era errata, ma comunque molti dei calcoli fatti da Claudio Tolomeo risultarono esatti.

La matematica e la fisica.


Osserviamo questi titoli: Analemma, sull'orologio solare; Ipotesi dei pianeti; Tavole astronomiche; Calendario meteorologico; Planisfero, sulla proiezione della sfera su un piano; Ottica (visione, riflessione, specchi piani e concavi, leggi delle rifrazioni). Sono i titoli delle altre opere di Tolomeo un uomo che, senza strumenti, senza gabinetti di ricerca, senza alcuna delle conoscenze di cui noi oggi disponiamo, compì studi di grande rigore scientifico; tratto problemi di quella vetta della matematica che è la trigonometria piana e curva, introdusse i gradi, i primi e i secondi nella misurazione degli angoli, spiego l'altezza dei suoni emessi da una sorgente sonora e compì inoltre centinaia di altre ricerche. Claudio Tolomeo, astronomo, geografo, fisico, matematico, morì pare, nel 178 dopo Cristo.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.

Com'è fatta un'automobile.