Vicenza e le ville Palladiane in Veneto





Le Ville Palladiane.
Oltre che gli studi umanistici, per il giovane architetto Palladio,
furono determinanti le visite ai monumenti di Roma antica. Il suo
spiccato senso dell'armonia e della proporzione lo portò a realizzare
una serie di edifici e di ville in Veneto specie a Vicenza e nei dintorni
che meritano un posto di rilievo nella storia dell'arte e che dettero
origine a uno stile originale, detto appunto "palladiano", che si sarebbe
poi diffuso in tutta Europa, specialmente in Inghilterra, diventando in
seguito il modello normativo dell'architettura coloniale inglese.
Fra le prime opere significative, il rifacimento del Palazzo della Ragione a
Vicenza, poi detto anche "Basilica Palladiana". A partire dal 1570 Palladio
realizzò la costruzione della Loggia del Capitaniato a Vicenza, città dove,
nel 1580, anno della sua morte, progettò anche il Teatro Olimpico (poi
portato a termine dal figlio Silla e da Vincenzo Scamozzi), che presenta
richiami espliciti ai teatri classici dell'antichità. La pianta di Villa Almerico
Capra, detta "La Rotonda" (costruita tra il 1566 e il 1580), presso Vicenza, è
un classico esempio di simmetria architettonica portata all'estremo: quattro
scalinate formano una croce greca, al cui centro si trova una sala circolare,
la Rotonda inscritta nel quadrato dell'edificio. Villa Barbaro Volpi a Maser,
presso Treviso, venne costruita intorno al 1550 e decorata da Paolo Veronese
nel 1561. Altre importanti ville palladiane in Veneto sono: Godi, Foscari
("la Malcontenta"), Piovene, Emo, Pisani e Cornaro.


Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.