La terminologia di Ubuntu.


La terminologia di Ubuntu.

Che Ubuntu è stato realizzato con lo scopo di rendere Linux accessibile a tutti ormai è ben noto a tutti, qualche termine tecnico, tuttavia può esserci utile per orientarci al meglio.

Debugging.
È un procedimento che ha lo scopo di correggere gli errori, detti appunto bug, presenti all'interno di un programma. Il debugging viene fatto in fase di creazione di un programma, sia successivamente quando il programma è già stato distribuito. In questo caso vengono pubblicate le cosiddette patch che servono appunto per correggere gli errori scoperti durante l'uso del software.

Distribuzione {distro}.
Una distribuzione o distro è l'insieme del Kernel di Linux e di altre applicazioni, riunite per comodità in un unico insieme. Le distribuzioni ci forniscono subito tutti gli strumenti di cui possiamo avere bisogno in modo da permetterci di utilizzare al meglio il sistema operativo, anche se siamo alle prime armi.

File ISO.
L'estensione .iso serve a indicare quei tipi di file chiamati immagine. Questi file unici contengono l'insieme di tutti i file presenti in un CD o in un DVD. Per esempio, quando scarichiamo il file ISO di Ubuntu, in effetti scarichiamo l'intero contenuto del suo CD di installazione. I file ISO vanno masterizzati su un supporto0 ottico [ CD o DVD] con un qualsiasi programma adatto allo scopo, dopodiché potremo usare normalmente il contenuto di questo supporto.

File System.
Si tratta del sistema con il quale i file vengono archiviati e organizzati all'interno di un dispositivo informatico, per esempio il nostro disco fisso, oppure un qualsiasi supporto ottico [ CD – DVD]. Grazie al file system possiamo per esempio modificare e salvare i nostri dati. Con i sistemi operativi moderni, ci viene fornita un'interfaccia grafica che ci permette di compiere tutte queste operazioni, come la suddivisione dei file in cartella.

FTP.
Dall'Inglese “File Transfer Protocol”, cioè Protocollo di trasferimento file, infatti è un protocollo che permette la trasmissione di dati, per esempio tra un client e un server, spesso tramite uso di password e, in base alle autorizzazioni che ha, può compiere come l'invio e il prelievo dei file, oppure può modificare direttamente i dati in archivio.

Ipertesto.
Un ipertesto è un insieme di elementi [ testo, immagini, filmati, musica, ecc.....] collegati tra loro tramite le cossidette parole chiave. Per facilitarne l'uso, queste parole chiave di solito sono sottolineate o comunque evidenziate. Diversamente da un testo classico, l'ipertesto ci permette di saltare da un punto all'altro dell'intero documento con un semplice clic, in base alle nostre necessità. La navigazione all'interno di un ipertesto è molto simile alla navigazione in Internet ed è altrettanto facile e comoda.

Mirror.
In inglese significa specchio, in informatica, questa parola viene usata per identificare la copia esatta di una serie di dati. In Internet, i mirror sono dei Server secondari che contengono gli stessi dati del server principale. Vengono usati soprattutto per rendere più pratico e veloce il download di un file. Se tutti gli utenti scaricassero dallo stesso server si creerebbe un rallentamento nella distribuzione dei dati stessi.
Questi sono alcuni termini usati nel linguaggio di Ubuntu, spero di esservi stato utile.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.