Chrome OS- il sistema operativo dentro Ubuntu.


Chrome OS- il sistema operativo dentro Ubuntu.

Bisogna chiarire subito una cosa: Ubuntu è e resta
il nostro sistema operativo principale e non è certo
nostra intenzione cambiarlo. Tuttavia, da oggi
possiamo avere un secondo sistema operativo
perfettamente funzionante che opera all'interno
di Ubuntu stesso. Stiamo parlando di Chrome OS
che, partendo dall'interfaccia del programma di
navigazione Internet di Google, ci permette di
compiere tutte le operazioni che faremmo con il
sistema operativo di Canonical. Basterà un semplice
trucco che vedremo più avanti. Durante i primi tre
passaggi potremo usare le righe di comando del
Terminale, oppure cercare quanto occorre nel
Software Center. Ma è dal quinto passaggio che
inizieremo la fase di installazione vera e propria
del sistema operativo, scaricando per prima cosa
l'applicazione che serve a compiere questa operazione
per poi decomprimerla e avviarla. Per quanto Chrome OS
funzioni sia con Ubuntu 12.04, sia con Ubuntu 12.10,
è per necessario sottolineare che, attualmente, è
compatibile solo con le versioni a 64 bit del nostro
sistema operativo. Quindi controlliamo di avere
quella giusta per non fare un lavoro inutile.

Installiamo Chrome OS.

Passo uno.
Installiamo Openbox
Nel Terminale scriviamo la riga sudo apt-
get install openbox openbox-themes e
premiamo INVIO, oppure cerchiamo
openbox nel Software Center e facciamo
clic su pulsante Installa.

Passo due.
E poi FBPanel.
Ora scriviamo la riga sudo apt-get install
fbpanel pcmanfm e premiamo INVIO,
oppure nel Software Center, cerchiamo
fbpanel e facciamo clic su Installa.
Poi installiamo anche il componente
aggiuntivo.

Passo tre.
E per finire Chromium.
Nel Terminale scriviamo la riga sudo apt-
get install chromium-browser e premiamo
INVIO, oppure cerchiamo chromium-browser
nel Software Center e facciamo clic sul
pulsante Installa.

Passo quattro.
Il componente aggiuntivo di Chromium.
Nel Software Center, cerchiamo chromium-
browser e facciamo clic su Ulteriori informazioni.
Nella pagina, selezioniamo il componente
aggiuntivo e facciamo clic su Applica modifiche.

Passo cinque.
Scarichiamo e decomprimiamo.
Colleghiamoci all'indirizzo:
Salviamo il file e poi spostiamolo nella cartella
Home. Facciamo un doppio clic su di esso e poi
facciamo clic su Estrai.

Passo sei.
Terminiamo l'installazione.
Apriamo il Terminale, scriviamo cd chrome-
session e premiamo INVIO. Ora scriviamo
la riga chmod +x install . sh e premiamo
ancora una volta INVIO. Scriviamo la riga
./ install.sh e ripremiamo INVIO.


Adesso configuriamo Chrome OS.




Passo uno.
Terminiamo la sessione di Ubuntu.
In alto a destra facciamo clic sull'icona a
forma di ingranaggio e nel menu selezioniamo
Termina sessione. Confermiamo la scelta
facendo clic sul pulsante Termina sessione.

Passo due.
Avviamo Chrome OS.
Nella nuova schermata, facciamo clic sul
logo di Ubuntu accanto al nostro nome
utente. Nel menu che si apre, selezioniamo
chrome-session. Scriviamo la nostra password
e premiamo INVIO.

Passo tre.
Importiamo i preferiti.
In alto, facciamo clic su Importa preferiti
adesso e, nella nuova finestra, selezioniamo
gli elementi che ci interessa importare, dopodiché
facciamo clic su Importa e poi su OK al
termine dell'operazione.

Passo quattro.
Accediamo a Chromium con un account Google.
Con un account Google possiamo salvare
le funzioni personalizzate. Facciamo clic su
Accedi a Chromium, inseriamo i dati e
facciamo clic su Accedi, poi facciamo clic su
OK, sincronizza tutto.

Passo cinque.
Gestiamo la nostra privacy.
Facciamo clic su Mostra impostazioni
avanzate e nella sezione Privacy facciamo
clic su Impostazioni contenuti. Nella finestra
facciamo le modifiche che vogliamo e
confermiamo con OK.

Passo sei.
Aggiungiamo un nuovo utente.
Nella sezione Utenti facciamo clic su
Aggiungi un nuovo utente, poi seguiamo
le stesse procedure viste ai punti precedenti.
Sempre nella stessa sezione possiamo
attivare l'utente che vogliamo.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.