Storia. Claudio Galeno.

Aramini Parri Lucia -Blogger.



Storia. Claudio Galeno.

Il più grande medico greco-romano.

L'anno in cui avvenne questo episodio era il 171 dopo Cristo: il medico
famoso era Claudio Galeno. Quasi 1800 anni fa, egli faceva la stessa
diagnosi, esatta e scientifica, che farebbe un medico del giorno d'oggi!
Claudio Galeno è considerato un medico romano: in realtà nacque a
Pergamo, nell'Asia Minore, nel 129 dopo Cristo. Pergamo era stata a lungo
un regno greco per cultura e civiltà, ma dal 133 avanti Cristo faceva parte
dell'Impero Romano. Potremmo perciò dire che Galeno fu un greco-romano.
Nella sua città studiò filosofia e medicina, poi si recò a Smirne e quindi ad
Alessandria, dove c'era una famosa scuola di anatomia e chirurgia.
Quando rientrò a Pergamo, a ventotto anni, era già un medico molto richiesto.
Ma questi successi in << provincia >> non bastavano al giovane Galeno: egli
mirava a Roma, la capitale del mondo. Perciò cinque anni dopo, nel 162, si
trasferì a Roma. L'esercizio della professione di medico era incontrollato nella
città, e molti imbroglioni si spacciavano per guaritori infallibili, raccogliendo
onori e denaro. Galeno se ne accorse subito e lo scrisse anche in una delle sue
numerosissime opere: << Anche i calzolai, i tintori, i falegnami, i ferrai,
abbandonano i loro mestieri e si spacciano per medici. Coloro che poi impastano
colori ai pittori o le droghe ai profumieri credono addirittura di essere scienziati >>.
Galeno, ormai celebre, teneva a Roma le sue lezioni in un pubblico teatro, godeva
l'amicizia dei più insigni uomini del tempo e la fiducia dell'imperatore stesso che
egli aveva guarito da una malattia erroneamente diagnosticata da altri.
Fu nominato medico dei gladiatori e ciò fu per Galeno una vera fortuna.
Le leggi del tempo proibivano l'autopsia, cioè la dissezione di cadaveri umani, e
perciò egli aveva dovuto quasi sempre accontentarsi di compiere osservazioni ed
esperimenti su corpi di animali. Curando invece i gladiatori feriti, potè perfezionare
la sua conoscenza dell'anatomia e fisiologia umana e raccolse un enorme mole di
materiale, appunti, osservazioni, scoperte: studiò varie specie di lesioni cerebrali e
distinse, per primo nella storia della medicina, i nervi motori dai nervi sensori.
Riconobbe nel corpo umano un complesso sistema circolatorio e constatò la presenza
costante di sangue nelle arterie. Commise anche grossi errori, come quello di affermare
che esiste una comunicazione fra ventricolo destro e sinistro del cuore.
Ma il lavoro svolto da Galeno negli anni che vanno dal 169 al 180, cioè fino alla morte
di Marco Aurelio, fu enorme e fondamentale per il progresso della medicina. I suoi stessi
biografi fecero l'anagramma del suo nome latino << Galenus >> in << angelus >>, volendo
intendere che egli era l'angelo della medicina. Negli ultimi anni della sua vita, Galeno
mise a punto la sua opera più importante, << Arte medica >>, nella quale sono riassunti
i suoi insegnamenti medici. Le sue opere sono scritte in greco: non tutti i suoi scritti
però sono stati conservati.
 





Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.