La rinascita dei guerrieri - Inizio del mio romanzo -




La Rinascita dei Guerrieri

In un tempo non lontano, vivevano in uno sperduto villaggio , cinque giovani , prestanti, dai
sani principi , principi legati alla giustizia che nel loro cuore era cresciuta forte e prosperosa.
La vita nel villaggio era tranquilla quasi monotona , la felicità regnava incontrastata ; al
villaggio non arrivavano notizie di quello che stava succedendo nei luoghi più lontani : la
carestia presto si sarebbe fatta conoscere, la guerra per la supremazia avrebbe di lì a poco
fatto conoscere tutta la sua crudeltà . Un ricco Signore , assetato di potere , avido di denaro,
stava imponendo la sua malvagia volontà con una crudeltà inaudita , sua complice una
maga convertita alla forza più oscura : i poteri delle tenebre erano in lei , tutta la malvagità
del Demonio le aveva intriso il cuore , in lei non era rimasto un briciolo di umanità .
Morfis , questo era il nome del ricco signore , Salas il nome della strega , ambedue legati da
un antico patto col Demonio : l'anima in cambio del potere e del denaro , creare il caos ,caos
che avrebbe portato al regno delle forze Oscure sulla Terra , questo era il loro intento , una
missione che con la malvagità e l'astuzia veniva tessuta come una ragnatela che di li a poco
avrebbe trovato appigli nei luoghi ,e nelle menti più inaspettati . In una mattina primaverile
un messaggero porta la notizia al villaggio , annunciando che presagi non benevoli si
sarebbero abbattuti sul gli abitanti della vallata, narrando che Morfis signore dei territori
del Nord , con l'aiuto della perfida strega Salas si sarebbe impadronito di tutti i loro averi
e non per ultimo , cosa peggiore delle loro anime. Lo stupore regnava sovrano, i volti delle
persone che non avendo mai sentito narrare di simili episodi si guardavano increduli e
sbigottiti , le mille domande che si ponevano , non trovavano risposta nelle loro menti
ma soprattutto nei loro cuori , un pensiero unico si faceva strada nella loro mente :
Chi poteva essere interessato a loro , ad umili contadini , a genti così umili , e come mai
proprio loro “ . Il villaggio non disponeva di tanti guerrieri , non disponeva neanche di
molti giovani , gli abitanti erano perlopiù persone che non avevano mai ne combattuto
ne mai impugnato una qualsiasi arma per difendersi da presagi o peggio ancora da oscuri
guerrieri ; i loro volti diventarono tristi , la realtà era lì difronte a loro , nessuno di loro
sapeva difendersi da un così temibile nemico, pronto a impadronirsi dei loro miseri averi
ma cosa peggiore ad impadronirsi delle loro anime. Dopo un gran parlare , una gran confusione , i cinque giovani che avendo ascoltato, e avendo intuito le parole di un gran
numero di persone , parole che avevano un solo significato: la paura , non esitarono un
secondo nel proporsi come intermediari del loro villaggio. La proposta dei giovani, che
dopo essersi presentati uno ad uno con i loro rispettivi nomi : Lucas , Abaron , Celtron,
Agaus , Egas , fu messa al voto dagli anziani, e dopo attente riflessioni giunsero ad una
conclusione : doveva essere tentato il possibile per salvare il villaggio con i suoi abitanti.
Intanto ignari di essere stati ascoltati dall'alito della strega, gli abitanti del villaggio ,contenti
della loro decisione ma soprattutto convinti che Morfis avrebbe accettato le loro proposte
non senza dare niente in cambio naturalmente , di questo tutti ne erano convinti , un prezzo
doveva essere pagato , la loro convinzione era quella di mettere a disposizione di Morfis
solo beni materiali , ma di li a poco avrebbero capito quanto si sbagliavano. Intanto al
castello di Morfis , la potente e perfida strega aveva deciso di sorvegliare con tutti i suoi
poteri il maggior numero di esseri viventi , portando la mano destra alla sua bocca , fece si
che un suo sospiro prese forma , una nebbia sottile e pronta a ricevere il comando da chi
l'aveva generata , Salas bisbigliò il comando : “ Portami i pensieri , raccogli le voci , tu
sei le mie orecchie , i miei occhi , attendo con ansia il tuo ritorno “. La magia nera era
forte in Salas , i poteri Oscuri erano in lei , il suo alito di li a poco avrebbe fatto ritorno
portando notizie di terrore , sangue versato nel nome del suo signore e padrone : Atanhs
padrone delle Tenebre e di tutte le creature della notte . L'alito della potente strega fece
ritorno dai villaggi del regno di Morfis , ma non portava le notizie sperate , tutt'altro : l'alito
narrava dei cinque giovani , pronti al sacrificio pur di salvare il loro villaggio da fine certa ,
all'istante la perfida strega venne attraversata da un brivido , un pensiero la fece sobbalzare:
chi poteva essere così sciocco da opporsi alla sua forza. La magia nera ancora una volta
le venne in aiuto , antichi riti malefici le fecero intravedere la strada , ella non esitò ad
osservare ; forze altrettanto potenti stavano tramando contro il suo piano , ma cosa ancora
peggiore che la strega non poteva ancora sospettare esse avevano il potere di colui
che venne generato nella luce ; il potere degli Antichi Padri era con i cinque giovani .

Post popolari in questo blog

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Come cambiare nome utente. Ubuntu.