Una chiavetta come file di swap









La partizione di Swap in genere viene creata durante l’installazione di Ubuntu e viene usata dal sistema operativo come memoria virtuale quando il consumo di RAM è quasi al limite. Se non vogliamo cimentarci con la creazione di una nuova partizione, possiamo usare una chiavetta USB, a patto che le nostre porte USB siano almeno 2.0 e non le vecchie 1.0 altrimenti non daremo un gran respiro al sistema.
Avviamo il Terminale e scriviamo: sudo blkid il comando ci fornirà l’elenco di tutte le unità collegate al nostro computer. Una volta trovata la chiava USB teniamo a mente il suo percorso che potrebbe essere, come nel mio esempio, /dev/sdb1. Fatto questo smontiamo la nostra pendrive con il comando: sudo umont /dev/sdb1. Ora formattiamo la chiavetta nel formato Swap, rimaniamo nel Terminale e scriviamo: sudo mkswap /dev/sbd1.Una volta formattato la chiavetta cerchiamo nelle istruzioni del Terminale l’UUID. Ora dobbiamo fare riconoscere la chiavetta al Sistema; per fare questo scriviamo: sudo nano /etc/fstab. Nella finestra che si apre usiamo il tasto freccia giù per spostarci alla fine delle istruzioni già presenti e aggiungiamo l’UUID salvato in precedenza seguito da nome swap sw,pri=5 0 0 , per esempio quindi UUID=”fcdb37ef-263d-498b-8b6a-7cb-66bacc566” nome swap sw,pri=5 0 0. Salviamo il tutto premendo insieme i tasti Ctrl e X premiamo il tasto S per confermare e infine INVIO per tornare al Terminale. Ora possiamo montare la nostra Swap esterna scrivendo il comando: sudo swapon -a. Ora avremo la chiavetta che funziona da Swap. Per poterla usare, la chiavetta deve essere inserita sempre nella stessa porta USB prima dell’avvio del computer.




Paga e scambia denaro senza carte ne conti in banca: ti basta il tou smartphone

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.