Un nuovo membro di platino.




La love story tra Microsoft e Linux si arricchisce di un nuovo e interessante capitolo degno delle migliori soap opera! Alcune settimane fa è giunta la notizia che il gigante di Redmond è diventato membro di platino della Linux Foundation. Ciò significa che, ogni anno, Microsoft verserà nelle casse della Fondazione la bellezza di cinquecentomila dollari, assicurandosi il diritto di sedere nel suo consiglio e di partecipare a tutti i processi decisionali. Se guardiamo per un momento al recente passato, non dovremmo essere del tutto stupiti da questo nuovo passo, che se proprio non possiamo chiamarlo matrimonio, assomiglia comunque parecchio a un fidanzamento. Infatti, con l'arrivo di Satya Nadella al timone di Microsoft, si è passati a una fase di dialogo tra i due universi, apparentemente incompatibili. Per esempio sono state introdotte in Windows alcune funzionalità che hanno permesso agli utenti di usare alcune applicazioni presenti nel DVD di installazione di Ubuntu. Poi è comparsa una versione per Linux di PowerShell. Infine, lo scorso agosto, abbiamo visto Linus Torvalds fotografato nello stand Microsoft alla LinucCon. Quindi è vero amore? I maligni sostengono che si tratta della vecchia tattica di Microsoft, che prima fa finta di appoggiare un progetto, poi se ne allontana progressivamente, creando proprie estensioni che, alla fine, costringono le aziende coinvolte a scendere a patti e a seppellire il progetto stesso. Vedremo.

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Le conquiste di Carlo Magno.