I batteri “caffeinomani”. Scienza.







I batteri “caffeinomani”. Scienza.

C'è chi sostiene di vivere “a caffè”. Ora gli scienziati hanno creato batteri geneticamente modificati che vivono davvero di caffeina: potranno essere impiegati in usi come la depurazione di acque reflue. Li ha ottenuti il team di Jeffrey Barrick, della Università del Texas a Austin: lo studio parte dal fatto che la caffeina, contenuta nel caffè ma anche in tè, energy drink o farmaci, è un inquinante delle acque. Come eliminarla?

Pulizia.

Gli scienziati hanno sfruttato un batterio, Pseudomonas putida CBB5, che può vivere di caffeina. Hanno estratto i geni responsabili della capacità di metabolizzare, cioè rompere, la caffeina, hanno creato un pacchetto di geni (con l'aggiunta di un “pezzo” da una specie di Janthinobacterium) e lo hanno inserito in Escherichia coli, facile da coltivare e usare. Gli impieghi? Dalla depurazione al recupero economico di residui della produzione del caffè, ricchi di nutrienti (che devono essere smaltiti appositamente): potrebbero essere usati per gli animali. Fino alla realizzazione di sensori per misurare il contenuto di caffeina delle bevande.
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Post popolari in questo blog

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.