Torta dei Certosini.



Torta dei Certosini.

Ingredienti
300 g di farina bianca
120 g di zucchero semolato
150 g di mandorle
150 g di nocciole
150 g di miele
50 g di uvetta e fichi secchi (cadauno)
30 g di cedro candito
2 uova
50 g di burro
un po' di cannella
10 g di vaniglia
10 di lievito
latte
un po' di grappa

Preparazione (1 ora e mezzo)

Bagnate l'uvetta in acqua tiepida. Lavorate lo zucchero
con le uova e unite a pioggia la farina,con le nocciole
pelate e le mandorle tostate,tritate a granelli. Aggiungete
il miele,i fichi a pezzi,l'uvetta strizzata,il cedro a dadini
e il burro ammorbidito. Amalgamate molto bene tutti
gli ingredienti usando un cucchiaio di legno robusto.
Legateli con il latte e ½ bicchiere di liquore. Speziate
il composto con un pizzico di cannella e la vaniglia.
Lasciate riposare per 20 minuti e,aggiungete poi il
lievito,continuando ad amalgamare molto bene il tutto.

Imburrate e infarinate bene una tortiera quadrata,dai bordi
bassi,e versateci tutto il composto ottenuto,infornando e
cuocendo a 180° per tre quarti d'ora abbondanti. Dopo
mezz'ora il dolce va coperto con carta d'alluminio,per
evitare che la superficie si indurisca durante la cottura.
Quando è cotto,lasciatelo quasi raffreddare,scostatelo
con cura dai bordi della tortiera e,battendo,sformatelo
sul tavolo.

Dolce delle grandi occasioni....inventato dai monaci
della Certosa di Firenze in onore di non so più quale
Pontefice in visita pastorale,è gustosissimo tagliato a
fette alte due dita e accompagnate da un robusto
liquore dolce (proprio come quelli appunto che i
certosini,famosi per infusi e distillati oltre che per

la proverbiale pazienza,sono abilissimi nel preparare).

Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.