La poesia irlandese.


La poesia

L'Irlanda ha sempre avuto una particolare predilezione
per le opere in versi,che nessuno ha mai reso con
altrettante maestria del premio Nobel William B. Yeats
(1865-1939),celebrato per la sua ragguardevole produzione
poetica che per la sua attività di drammaturgo.
In italiano,è consigliata la lettura di "Poesie",e della
raccolta "Le ultime poesie",dedicate all'espressione
dello spirito nazionale. Agli appassionati di poesie
d'amore,è consigliata la lettura in lingua originale
dei "Love Poems" di Norman Jeffares,che costituiscono
fra l'altro,un'ottima introduzione alla sua scrittura.
Tra dei protagonisti dell'insurrezione di Pasqua poi
giustiziati,Pàdraig Pearse (1879-1916),Joseph
Plunkett (1879-1916),e Thomas McDonagh
(1878-1916),erano noti per la loro attività poetica,
ma alla loro grandiosa visione di un'Irlanda gaelica
e indipendente (condivisa da Yeats),fece da
contrappunto la propensione dei poeti emergenti
della seconda metà del '900 a trovare l'ispirazione
nella miseria e nelle frustrazioni della vita irlandese
di quel periodo;ciò è evidente sopratutto nell'opera
di Patrick Kavanagh (1905-1967),le cui raccolte
"Fame",e altre poesie,e il romanzo "Tarry Flynn"
(1948) evocano atmosfere meste e desolanti squarci
sulle realtà quotidiane sulle comunità contadine
più povere. Nell'Irlanda del Nord,la musa della
poesia ha trovato un terreno ugualmente fertile.
Tra i tanti poeti di chiara fama che hanno fatto
parte della Northen School fondata da John Hewitt
(1907-1987),il più celebre è Seamus Heaney
(nato a Castledowson,nel 1939),premio Nobel
per la letteratura nel 1995. La sua raccolta più
recente è "District and Circle",ma gli imperativi
morali della sua poesia sono rimasti nel tempo
gli stessi:restare fedele all'esperienza storica
collettiva e nel contempo alla propria soggettività.
Nel solco della grande tradizione irlandese,Heaney
celebra la bellezza e la sacralità della sua terra:
ne è un esempio "La lanterna di biancospino".
Molto apprezzata è stata anche la sua traduzione
del poema epico anglosassone dell'VIII secolo,
mentre alcune delle sue opere riflettono l'alternarsi
di speranza,delusione e disillusione che ha segnato
il processo di pace nell'isola:tra queste,la raccolta,
"Fuori campo". Originario di Cork,il poeta Louis
de Paor scrive in irlandese e le sue raccolte gli
hanno valso per ben due volte il prestigioso premio
locale dedicato al poeta Sean O'Riordan. Anche
Tom Paulin (nato a Leeds,nel 1949,nella contea
inglese dello Yorkshire) è autore di straordinarie
poesie ispirate all'Irlanda del Nord,tra cui le più
significative sono presentate sotto il titolo
"The Strange Museum" (1980). E lo stesso si
può dire di Ciaran Carson (nata a Belfast,nel 1948),
della quale si può trovare in libreria "Squarci di
notizie",e "Il tempo è conversazione". Gran
parte dell'opera poetica di Paula Meehan (nata
nel 1955),magica ed evocativa,indaga invece
l'universo dei rapporti affettivi. La poesia
contemporanea continua a vantare una ricca
rappresentanza di autori quali Justin Quinn
(nato nel 1968) e Caitriona O'Reilly (nata nel
1973),che offrono un'approfondita e acuta
visione dell'Irlanda moderna in tutta la sua
complessità. La stessa Eavan Boland (nata
nel 1944) è un'autrice profilica e molto apprezzata,
che tratta temi di politica irlandese da una
prospettiva apertamente femminista;in a
"Time of Violance" (1995) e "The Lost Land"
(1998) sono due delle sue più celebri raccolte,
mentre,in italiano,troveremo "Falene" e altre
poesie. Per approfondire la conoscenza della
poesia irlandese,è possibile visitare il sito
Poetry Ireland (www.poetryireland.ie),che
presenta una vetrina di opere scritte da poeti
emergenti e già affermati.
 

Post popolari in questo blog

Gli Scozzesi,usanze,costumi e tradizioni.

Com'è fatta un'automobile.

L'igiene dell'apparato scheletrico. Anatomia.